Insegnare a mangiare sano | Le regole d’oro per l’alimentazione dei bimbi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:18
0
11

Insegnare a mangiare sano ai nostri bimbi non sempre è semplice.Tra le regole d’oro per l’alimentazione dei bimbi c’è sicuramente il nostro buon esempio.

insegnare a mangiare sano
immagine da adobestock

L’educazione alimentare dei bambini e la “neofobia”, ovvero l’avversione a provare nuovi cibi, sono difficoltà che spesso un genitore si trova ad affrontare.

LEGGI ANCHE: Ritorno a scuola: i consigli utili su sonno e alimentazione dei bambini per evitare ansia e stress

Insegnare a mangiare sano ai nostri bimbi già dal ventre materno

insegnare a mangiare sano
immagine da adobestock

Il feto, infatti, viene a contatto attraverso il liquido amniotico con tutti i sapori che gli trasmette la mamma. Gli stessi sapori il bambino li ritroverà con l’allattamento, laddove la mamma lo allatti. E’ stato confermato da diversi studi che i bambini abituati ad alcuni sapori, mangeranno più facilmente quei cibi durante lo svezzamento.

La “neofobia” dei bambini, ovvero la riluttanza a provare alimenti nuovi, sarebbe addirittura un istinto primordiale che nei nostri progenitori era presente per evitare che i bambini provassero bacche o frutti velenosi. Oggi invece può precludere al bambino di provare cibi nutrienti.

LEGGI ANCHE: Alimentazione: non dite ai bambini quanto è sano il cibo che stanno mangiando!

Le regole d’oro per una sana alimentazione dei bimbi

  • Se il bambino non prova piacere per alcuni alimenti, nella prima fase, fino ad un anno di età, cambierà facilmente idea se vengono riproposti.
  • Da un anno a due anni invece la resistenza aumenta e gli esperti consigliano di riproporli fino a quindici volte. Ma senza mai forzare il bambino: molti studi infatti hanno dimostrato che la prassi della costrizione a far finire al bambino ciò che ha nel piatto non gli permette di scegliere liberamente e potrebbe portare a ricordi sgradevoli associati a quel cibo.
  • Anche la tattica del premio e della lode sono poco fruttifere, in quanto potrebbero confondere il bambino e fargli identificare il cibo come un mezzo per arrivare al suo scopo, snaturando completamente il significato del pasto.

Secondo uno studio inglese converrebbe far sedere il bambino a tavola con gli adulti e fargli provare liberamente i cibi presenti. Anche in questo caso dunque vale la regola d’oro del buon esempio: se noi adulti mangiamo cibi sani e genuini, i nostri figli lo faranno di conseguenza e questo gioverà a tutta la famiglia!

LEGGI ANCHE: Autosvezzamento: le regole per insegnare ai bambini a mangiare da soli

Infine, ogni genitore si trova prima o poi a fare i conti con il problema delle pubblicità, che spesso sponsorizzano cibi poco nutrienti o di una specifica marca e possono influenzare le scelte alimentari dei nostri figli. Il consiglio degli esperti ai genitori che vogliono trasmettere sane abitudini alimentari ai proprio figli, dunque, è di stare attenti anche al tempo trascorso davanti alla tv e alla qualità di ciò che guardano i nostri figli.

insegnare a mangiare sano
immagine da adobestock

Un bambino che mangia sano, sarà un adulto più consapevole e noi adulti dobbiamo pensare che dare il buon esempio a loro può significare modificare anche le nostre abitudini alimentari.

E voi unimamme? Che rapporto hanno i vostri figli con il cibo? Pensate che sia utile trasmettere una educazione alimentare?