Mio figlio mi fa dormire poco! Scopriamo quali sono i pericoli

Dormire poco è una condizione che le neomamme conoscono bene. Le donne che devono stare dietro ai bisogni dei loro piccoli nati, possono andare incontro ad uno scarso riposo.

insonnia
Foto da Unsplash

Le attenzioni che il nuovo arrivato richiede in continuazione, obbligano le neomamme a dormire poco, qualche ora al giorno, soprattutto la notte. Non dormire a sufficienza è una condizione che può causare diversi disagi, non a caso, il corpo, quando non riesce a riposare comincia, ad inviare segnali che non vanno assolutamente trascurati.

Quali sono i pericoli di dormire poco?

Dormire poco
Foto da Pixabay

1-Tra le prime conseguenze c’è una scarsa produzione di serotonina. La serotonina svolge un ruolo fondamentale in quanto è l’ormone del buonumore perché regola l’alternarsi del sonno e la veglia ed è responsabile, di conseguenza, del nostro benessere mentale e fisico.

2- Un altro aspetto da non sottovalutare quando dormiamo poco è lo stato di agitazione e nervosismo che ne conseguono. Non è un mistero, infatti, che un cattivo funzionamento del meccanismo di sonno e sveglia può portarci ad un maggiore nervosismo che ci trasciniamo, poi, durante l’arco della giornata.

3-Anche se è una causa meno conosciuta, la mancanza di riposo può portare ad un aumento dell’appetito. Questa circostanza, per le donne in gravidanza, diventa più pericolosa perché, tendendo ad ingrassare, si va incontro ad un’altra serie di problematiche. A tal proposito, hai già letto quanti chili puoi prendere in gravidanza?

Ebbene quando si verificano queste tre condizioni, il nostro organismo entra in una serie di abitudini sregolate.

Anche le donne in gravidanza possono lamentare difficoltà a riposare bene, vuoi per la pancia che cresce, vuoi per i movimenti del piccolo. A tal proposito, abbiamo già elencato le cause più comuni dei risvegli nel sonno in gravidanza. In questo caso, comunque, un buon rimedio è quello di dormire, quando si riesce, nella posizione migliore. In questo modo, anche si tratta di poche ore si potrà ottimizzare la qualità del proprio sonno.

La posizione che gradivate prima della gravidanza, molto probabilmente non è più quella corretta per il vostro stato.

Mentre nelle primissime settimane di gravidanza non ci sono particolari posizioni da raccomandare, infatti, quando si va avanti con i mesi, la maggior parte dei medici ritiene che la posizione migliore sia quella sul fianco sinistro, con le ginocchia leggermente piegate.

Per riuscire a mantenere questa posizione, potete aiutarvi ponendo un cuscino tra le ginocchia e uno dietro la schiena. Questa posizione è ritenuta ideale perché scongiura l’eventualità che l’utero, con il suo peso, comprima la vena cava inferiore, la vena che porta il sangue dagli arti inferiori fino al cuore.

Il lato sinistro è ideale, infine, anche perché in questo modo, l’utero non va a premere sul fegato e migliora, la circolazione, a beneficio di un maggior afflusso del sangue all’utero e anche al feto.

E a voi, unimamme i vostri figli vi lasciano dormire?