Tombola in piazza per i bambini: multa fino a 10 mila euro per gli organizzatori

Tombola in piazza per i bambini, gli organizzatori sanzionati con una multa pesante. La notizia.

tombola bambini multa
(Foto di Rudy and Peter Skitterians da Pixabay)

Doveva essere una pomeriggio di festa domenica 10 gennaio, in un quartiere di Torino.  Alcuni volontari avevano organizzato una festicciola per bambini, con distribuzione di dolci, letture di favole e una tombolata.

Una festa della Befana posticipata, poiché il 6 gennaio l’Italia era in zona rossa. Insieme alla Befana, però, sono arrivati anche i vigili urbani che hanno comminato una multa pesante agli organizzatori. Ecco che cosa è successo.


LEGGI ANCHE: LA “BEFANA” AIUTA UN PAPÀ IN GRAVE DIFFICOLTÀ


Tombola in piazza per i bambini, gli organizzatori ricevono una multa pesante

Nel quartiere San Donato a Torino, alcuni volontari e animatori della Casa del Popolo Estella avevano organizzato una festa della Befana per bambini, il pomeriggio di domenica 10 gennaio. Quattro giorni dopo quello della ricorrenza vera e propria, perché come ricorderete il 6 gennaio l’Italia era zona rossa, con maggiori le restrizioni su spostamenti e altre attività.

In piazza Barcellona, come riporta La Stampa nel raccontare la vicenda, i volontari avevano allestito la festa per i bambini e le famiglie del quartiere. Un’occasione per regalare loro qualche momento di allegria e spensieratezza in un momento difficile e con pochi svaghi nel periodo natalizio, a causa della pandemia.

Durante il pomeriggio di festa è arrivata la Befana per donare caramelle ai bambini, poi alcuni attori hanno letto delle fiabe e infine c’è stata una tombolata per tutti, come nelle migliori tradizioni natalizie. Qui sono arrivati i problemi.

La tombolata non è piaciuta ai vigili urbani, intervenuti sul posto con una pattuglia, che hanno multato gli organizzatori della festa per “gioco d’azzardo”.

La polizia municipale ha staccato dal blocchetto due multe per complessivi 1000 euro, che possono arrivare fino a 10.000 euro.

La prima sanzione è stata inflitta per aver creato un assembramento. Alla festa, infatti, erano presenti circa 60 persone, molte di più delle 20-30 che gli organizzatori si aspettavano e per le quali si erano preparati. Nonostante la festa si stesse svolgendo all’aperto, con le mascherine sul viso e cercando di mantenere il distanziamento tra le persone, come hanno spiegato i volontari, i vigili hanno ritenuto comunque rischiosa la situazione. Gli organizzatori hanno accettato comunque, senza rimostranze, la sanzione per assembramento e hanno pagato subito 280 euro, invece dei 400 euro dell’importo ordinario.

Quello che invece li ha sconcertati è stata la multa per gioco d’azzardo. “La tombola era gratuita – hanno spiegato – e il premio era un semplice spumante e una borsa di tela. Ci sembra una richiesta eccessiva e spropositata” hanno affermato gli organizzatori, annunciando che faranno ricorso.


LEGGI ANCHE : LA “FAME DI CONTATTO” DEI BAMBINI RINCHIUSI IN CASA: IL PARERE DI UNA ESPERTA


Dietro una sanzione così pesante potrebbero esserci dei contrasti politici. Gli organizzatori della festa sono degli attivisti di Potere al Popolo. Hanno spiegato alla Stampa che i vigili non passavano per caso nella piazza della festa, ma il loro intervento era stato richiesto da un consigliere di circoscrizioneche, a quanto pare, non gradisce l’allegria concessa alle famiglie e ai bambini del quartiere“, hanno sottolineato gli organizzatori.

Dopo essersi fermati e aver detto agli animatori di terminare al più presto la festa, i vigili hanno convocato presso la loro sede gli organizzatori contestando loro le multe per un importo complessivo superiore ai mille euro.

Volevamo soltanto dedicare un paio di orette alle famiglie con un evento sociale. Mai ci saremmo immaginati due multe di questo genere“, ha commentato il fatto Alberto Bausolo, attivista di Potere al Popolo.

mascherine bambini
(Photo by JOHANNES EISELE/AFP via Getty Images)

Che dire unimamme di questa vicenda? Vi sembra eccessiva la multa?