Hai sempre voglia di mangiare? Colpa di uno di questi motivi. Identificalo e prendi provvedimenti

La percezione della fame e la frequenza con cui insorge non sono uguali per tutti e dipendono da più fattori: non sempre è colpa della dieta.

Conosciamo tutti persone che sembrano non aver fame a meno che qualcun altro non faccia presente che è ora di pranzo. Così come altri pare che cerchino solo una scusa per poter fare uno spuntino in più. L’appetito e in generale il desiderio di mangiare però sono stimoli che possono aumentare o diminuire a seconda di diverse circostanze. Non dipende solo da quanto si mangia se di colpo si realizza di avere più fame del solito. A volte anzi può non c0entrare nulla.

ossessione per il cibo
Se vuoi mangiare di continuo ci possono essere più ragioni. (Universomamma.it)

Per prima cosa se la mattina si è un pozzo senza fondo probabilmente si tratta di un segno del fatto che non si è dormito abbastanza. L’ormone che produce l’appetito infatti può essere sbilanciato dalla mancanza di sonno, venendo rilasciato a livelli più alti. Per non avere simili sbalzi conviene dormire almeno otto ore per notte, perché già un giorno senza il sonno adeguato può portare a squilibri. Oltre naturalmente al fatto che ci si sente anche più nervosi.

Come mangi ha il suo peso

Un altro aspetto da considerare è la possibilità che si tratti di fame nervosa, e quindi provocata da un forte carico di stress. Se si sta passando un periodo intenso è facile che questo aumenti i livelli di cortisolo nel sangue, che contribuisce ad aumentare l’appetito. Quando è lo stress a provocare la fame si tende anche ad avere un maggiore desiderio di cibi dolci.

Anche il modo in cui si consumano i pasti può influire sulla sensazione di avere o meno lo stomaco pieno. Se si tende a mangiare rapidamente perché la pausa pranzo è breve non si dà il tempo al cervello di trasmettere gli ormoni della sazietà. Così se si mastica poco e in fretta anche se si è mangiato abbastanza rimarrà la fame e si tenderà a fare più spuntini fuori pasto.

mangiare mentre si lavora
Se mentre si pranza si è distratti non ci si sente sazi dopo. (Universomamma.it)

Allo stesso modo sgranocchiare davanti alla televisione o consumare i pasti guardando video sono abitudini da abbandonare. Mangiare facendo altro riduce il senso di sazietà perché rende meno consapevoli del fatto che ci si stia riempiendo lo stomaco. Per esempio al cinema concentrati sul film si perde il conto dei pop-corn trangugiati e alla fine della proiezione si ha comunque ancora fame. L’ideale sarebbe mangiare in silenzio e lontano dai devices elettronici quando possibile.