Un uomo di 71 anni era solito fare abusi sessuali su tre nipotine. Le indagini sono iniziate grazie alla segnalazione delle maestre delle più piccole.

Una storia di violenza sessuale nei confronti di tre minorenni che andava avanti da anni. Questa volta l’orco è il nonno, un 71enne che avrebbe abusato delle sue nipotine per anni.

Le indagini sono iniziate a seguito di alcune confidenze che due delle bambine avrebbero rivolto alle loro maestre. Secondo la ricostruzione degli investigatori, le piccole quando dormivano dai nonni si chiudevano in camera a chiave per paura del nonno.

L’indagato è agli arresti domiciliari e non si può ne allontanarsi da casa e ne comunicare per via telefonica con persone diverse da quelle che con lui convivono o che lo assistono.

Abusi sessuali da anni sulle tre nipotine: indagini partite grazie alla segnalazione della scuola

Dai Carabinieri della stazione di Fasano, in provincia di Brindisi, sono state formulate pesantissime accuse nei confronti di un uomo di 71 anni. L’accusa è quella di reati di violenza sessuale aggravata dall’aver commesso e reiterato il fatto in danno delle nipotine, due minori di 10 anni e di 14 anni, con abuso di relazioni domestiche. Come riportato da Fan Page, l’uomo avrebbe approfittato di ogni momento da solo con le minori per abusare sessualmente di loro. Faceva passare le violenze come se fossero dei semplici gesti di affetto.
Le indagini sono iniziate perché le due bambine più piccole hanno trovato il coraggio di confidarsi con le loro maestre. Le insegnanti avevano notato che le piccole avevano qualcosa che non andava e così hanno deciso di indagare scoprendo le scioccanti rivelazioni.

In seguito anche la più grande ha deciso di raccontare di aver subito gli stessi abusi sessuali da parte del nonno. Gli inquirenti hanno scoperto che gli abusi andavano avanti da 10 anni. Nel 2009 erano a danno della nipote maggiore, ma sarebbero andati avanti ogni volta che i genitori affidavano le bambini ai nonni e fino ad aprile di quest’anno.

Le piccole sono state ascoltate con la presenza di un psicologo, in un ambiente protetto, ed hanno raccontato tutto quello che avveniva a casa dei nonni. Le tre nipotine hanno rivelato che erano costrette a chiudere la camera da letto a chiave quando rimanevano a dormire dai nonni.

Secondo l’accusa le violenze avvenivano con “con atti subdoli e repentini, compiuti improvvisamente allo scopo di sorprendere le minori e quando non vi erano altre persone presenti” e quindi “incompatibili con semplici manifestazioni di affetto di un nonno nei confronti delle nipoti“. Per i Carabinieri: “La presunta ripetizione nel corso degli anni delle gravi condotte delittuose, ha dimostrato l’incapacità dell’indagato di contenere gli impulsi sessuali e ha rivelato un concreto pericolo di reiterazione delle medesime condotte“.

I militari hanno rintracciato l’uomo che era a casa dove vive con alcuni familiari e gli hanno notificato il provvedimento restrittivo. L’uomo, come disposto dal Gip del tribunale di Brindisi e su richiesta del Locale Procura della Repubblica, è agli arresti domiciliari.

Leggi anche > Nonno di 82 anni abusa della nipote: ad incastrarlo una registrazione

Voi unimamme  cosa pensate di questo vergognoso gesto su delle minorenni? Ne eravate a conoscenza?