latte materno

Di solito si dice alla mamme che allattano che devono evitare i cibi speziati perché potrebbero dar fastidio al bambino. Nelle madri che allattano la dieta ha un ruolo determinante per capire che tipo di “mangiatori” saranno quando cresceranno dicono gli esperti.

Sì ai cibi speziati in allattamento 

Quando le madri che allattano mangiano una quantità di sapori, incluse le spezie, aiutano a migliorare i gusti del bambino, dice  Dr Jennifer Wider, medico della Society for Women’s Health Research. Non ci sono evidenze scientifiche secondo le quali i cibi speziati possono far male al bambino.

“E’ importante ricordare che il latte materno non è formulato direttamente dal tratto digestivo; è formulato dal sangue materno” dice Dr Wider. “Perciò se una madre che allatta mangia le crucifere (per esempio i broccoli o i cavolfiori) i nutrienti possono entrare nel latte materno, ma la componente grasso non darà alcun problema al bambino”.

Secondo il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases, il corpo delle mamme che allattano ci mette in media dalle 4 alle 6 ore per trasformare in latte il cibo che si è mangiato. Tuttavia la chimica del corpo e il metabolismo possono accelerare il processo a un’ora sola o allungarlo in 24 ore.

Dopo aver consumato il cibo, le proteine, i grassi, i carboidrati, i minerali e l’acqua vengono trasportati alle ghiandole mammarie attraverso i vasi sanguigni, insieme ai sapori e alle molecole dell’odore. Lo stesso processo accade durante la gravidanza  quando il bambino consuma quello che la madre mangia attraverso il flusso di sangue e il liquido amniotico.

Quindi, se la dieta della madre consiste in cibi speziati durante la gravidanza, le probabilità che al bambino piacciano i sapori forti è molto elevata, dice  Dr Paula Meier, professoressa di pediatria e di infermieristica al Rush University Medical Centre.

“I bambini allattati al seno in generale sono più facili da nutrire perché sono abituati alla varietà di differenti sapori che hanno avuto durante i primi momenti della loro vita, mentre i bambini allattati con il biberon hanno un’unica esperienza” dice  Lucy Cooke, ricercatrice associata al University College London.

“La chiave è l’esposizione ripetuta a vari sapori il prima possibile, questa è una grande cose per l’accettazione del cibo”, dice Cooke, che è anche specialista in nutrizione dell’infanzia.

E voi unimamme cosa ne pensate? Intanto vi lasciamo con il post che parla di allattamento al seno che favorisce lo svezzamento dei bambini.