guidano folle velocità facebook
Autostrada (iStock)

Guidano a folle velocità in autostrada con diretta su Facebook, tragico incidente per due amici.

Una tragedia assurda, di quelle che si potevano evitare, è accaduta nella notte tra sabato e domenica sull’Autostrada del Sole, A1, all’altezza di Modena. Due giovani amici si sono schiantati con la loro auto mentre guidavano a folle velocità. Poco prima dell’incidente, hanno ripreso la loro corsa in autostrada in un video trasmesso in diretta su Facebook. Purtroppo non è la prima volta che episodi di questo genere accadono: vantarsi con gli amici sui social mentre si commettono azioni imprudenti, che poi finiscono tragicamente. Una lezione che non si finisce mai di imparare.

Guidano a folle velocità in diretta su Facebook, poi lo schianto

incidente velocità
@ Fonte: Il Resto del Carlino

Una coppia di amici, Luigi Visconti, 39 anni originario di Napoli, e Fausto Dal Moro, 36 anni originario di Padova, entrambi residenti a Reggio Emilia, ha perso la vita nella notte tra sabato e domenica scorsi in un incidente stradale avvenuto sull’autostrada A1, tra i caselli di Modena Nord e Modena Sud. I due viaggiavano in direzione Bologna, diretti ad una festa a Rovigo, dove non sono mai arrivati. Erano a bordo di una Bmw e andavano a forte velocità, fino a 200-220 km all’ora.

Un video pubblicato su Facebook mostra il contachilometri dell’automobile, con la lancetta oltre i 200. Lo hanno girato gli stessi giovani mentre correvano in autostrada: uno guidava e l’altro riprendeva, mandando le immagini in diretta su Facebook. Nel video, pubblicato dal quotidiano Il Resto del Carlino e poi rimosso su richiesta delle famiglie, si sente uno dei giovani dire: “Facciamogli vedere a quanto andiamo… siamo solo ai 200, faglielo vedere a quanto andiamo… Va sempre a cannella, questa macchina è un mostro…non si muove. Piove…220…ora stiamo facendo i 220“. “C‘è la strada pulita, si va…Ci fermiamo in Autogrill? No, ci sta aspettando la droga e il resto“.

Sono parole impressionanti, che non ci piace pubblicare di per sé e non lo facciamo per voyeurismo, ma per mostrare quanto possa essere pericoloso comportarsi in questo modo mentre si guida. Finché non abbiamo il dramma davanti agli occhi, non ci rendiamo conto di quanto di possa essere pericoloso scherzare al volante.

Dopo le parole e gli scherzi, i due giovani sono finiti con la loro Bmw contro la barriera in new jersey che divide le due carreggiate dell’autostrada. Sono sopravvissuti allo schianto, ma quando sono usciti dall’abitacolo dell’auto, che si trovava sulla corsia di sorpasso, sono stati travolti da un’altra automobile che stava sopraggiungendo. Purtroppo, in questo secondo incidente non hanno avuto scampo, Luigi Visconti e Fausto Dal Moro sono rimasti uccisi. Forse i due amici erano rimasti feriti e storditi dallo schianto di pochi muniti prima e non si sono accorti dell’auto in arrivo. Quando i soccorritori sono arrivati hanno trovato i loro corpi a parecchi metri di distanza dall’abitacolo. Una tragedia che si poteva evitare.

Sempre sul Resto del Carlino, gli amici delle vittime hanno chiesto di ricordarli anche per quello che erano stati in vita, senza giustificare la condotta irresponsabile alla guida. Luigi Visconti lavorava come operatore-socio assistenziale e “sul lavoro era sempre impeccabile“, ha detto un suo amico. Purtroppo, la passione per la Bmw e per la velocità gli è stata fatale. Fausto Del Moro lavorava come parrucchiere e veniva da un’infanzia difficile, stava cercando di rifarsi una vita dopo una storia d’amore finita male e un grave incidente. Gli amici hanno chiesto di ricordarlo anche per le difficoltà che ha dovuto affrontare nella sua vita e che di certo non l’hanno aiutato.

Le storie di questi due giovani ci mostrano che episodi come quello accaduto la notte tra sabato e domenica sull’autostrada a Modena possono capitare a chiunque. Non si giudicano le vittime, ma si mette in guardia sui comportamenti pericolosi alla guida. Non ne vale la pena morire così.

Cosa dite unimamme?

Segnaliamo il nostro articolo: Omicidio stradale, ora è legge: ecco cosa si rischia