Home Servizi Utili Chiedi all'esperto “I 20 errori più comuni e pericolosi commessi dai genitori”: denuncia un...

“I 20 errori più comuni e pericolosi commessi dai genitori”: denuncia un esperto

CONDIVIDI

bugie

Unimamme e unipapà a nessuno piace vedere evidenziati i propri errori, soprattutto se si tratta della cura ed educazione dei figli, ecco quindi alcuni consigli per prenivere tutto ciò.

I genitori e gli errori: quali sono?

Quali saranno gli errori più comuni commessi dai genitori?

1) dargi troppe possibilità: molti genitori pensano che i bambini dovrebbero avere scelte infinite, ma i bambini si sentono sopraffatti in questo caso.

2) lodarli ogni volta che fanno qualcosa: ormai i piccoli sono quasi drogati di lodi e ricompense. Non vogliono fare niente a meno che non sia per una ricompensa.

3) cercare di farli felici: il loro compito è quello di trovare il modo di rendersi felici, non potete mai forzare un bimbo a essere felice

4) viziarli troppo: finiranno con l’imparare che le acquisizioni portano alla felicità. Continueranno a rincorrere una carota che non finisce mai sviluppando dipendenze e compulsioni

5) tenerli troppo occupati: più comunemente con gli sport. I genitori pensano erroneamente che le attività li terranno lontani dai guai, spesso però portano i bimbi a bruciarsi presto o diventare un bullo.

6) pensare che l’essere intelligenti li salverà: può essere una tentazione per i genitori promuovere l’intelligenza come il fine di tutto. Questo può portare un bimbo a essere arrogante, a pensare che tutti gli altri siano stupidi o che stiano recitando. Alla fine non piacciono a nessuno

7) pensare che una religione rigorosa darà loro perfetti valori e li salverà: la prima volta che vedranno un’ipocrisia il castello di carte comincerà a crollare.

8) negare informazioni importanti su argomenti importanti come il sesso: molti genitori hanno il terrore di parlare di sesso e pensano che evitare di parlarne coi figli li salverà. In realtà le cronache ci dimostrano che si può rimanere incinte anche a 11 anni.

9) essere iper critici sui loro errori: può essere facile pensare che un intenso scrutinio promuova il successo e il miglioramento dei bambini. I bambini allevati così sono guidati verso la perfezione nell’aspetto, nella piacevolezza, negli sport, ma quando capita di fare un errore non sono degni come esseri umani e cominciano ad arrabbiarsi a volte arrivando a ferirsi fino ad arrivare al suicidio.

10) usare la vergogna, l’indifferenza e le minacce: non lasciate mai intendere che per qualche motivo o per le loro azioni voi potreste non amare più i vostri figli, come fanno tanti genitori che così vogliono indurre i bambini a fare ciò che loro impongono. Si tratta di un guadagno a breve termine con l’abbandono in agguato nell’ombra. Inoltre a volte ai bimbi non importa.

11) lasciare che i bambini facciano cose inappropriate per la loro età: alcune persone non hanno figli perché sostengono di aver già cresciuto la loro famiglia. Ci sono bambini piccoli costretti a mangiare da soli e altri che invece devono occuparsi dei fratellini.

12) non dare un limite al tempo trascorso davanti allo schermo: che si tratti di televisione, schermo video, computer, smartphone, tablet. C’è il caso di una famiglia i cui membri adulti e adolescenti si inviano messaggi e nessun altro può infilarsi nella loro relazione.

13) non lasciare che i bambini si annoino: alcuni genitori pensano che i figi debbano essere costantemente stimolati e che sia loro dovere evitare la noia. I bambini non imparano a essere creativi e trovare il modo di non annoiarsi da soli.

14) proteggere i bambini dalle loro conseguenze e perdite: tanti genitori danno ai figli tutto ciò che questi chiedono: dai giochi all’assistenza legale, poi si stupiscono quando i figli non rispettano nulla. Tutti noi impariamo perdendo, è un altro modo per raggiungere la saggezza e l’esperienza su cosa non fare

15) non lasciare che i bambini giochino pericolosamente: gli asili nella foresta dimostrano che i bambini si ammalano di meno, che sono più equilibrati e vanno più d’accordo dei loro coetanei ipersorvegliati al chiuso

16) non chiedere spiegazioni ai bimbi al momento di andare a letto: “Cosa è successo oggi?” i bimbi dormono meglio e si sentono amati quando i genitori mostrano interesse in ciò che accade e che questo è significativo nelle loro vite

17) non leggere ai bimbi piccoli: leggere ai bimbi richiede che loro stiano fermi, tranquilli e che usino la loro immaginazione. Li prepara ad ascoltare a scuola e a essere capaci di usare creatività e risorse alternative.

18) togliere il ciuccio troppo presto: i genitori sanno che il ciuccio è un simbolo esteriore di insicurezza, così tendono a toglierlo appena possono, invece di rendere i bimbi sicuri quando questo cadrà da solo. Ci sono adulti che si succhiano ancora il pollice di nascosto.

19) non dosare il cibo: quando chiedete “sei pieno” il bimbo risponderà quasi sempre di sì e caricherà di nuovo il piatto. Questo deriva dall’antichità quando il cibo non era abbastanza. I bambini inseguono una sensazione di pienezza, non capendo che ogni volta che si sentono completamente pieni lo stomaco lo accetta come la normalità e si espande

20) dare sculacciate ai bambini più grandi di 5 anni: i genitori pensano che questo insegnerà ai figli a fare i bravi, ma usare le punizioni corporali non lavora mai bene come l’amore. Risparmiare le sculacciate non rovina i figli. Sculacciarli li rende solo arrabbiati, bulli, ingannevoli, timorosi o persone che si comportano come automi.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi errori riportati da uno psicologo, Mike Leary, su Fatherly?

Anche voi avete commesso alcuni di questi errori, magari in buona fede? Saprete correggervi e migliorare l’educazione dei vostri piccoli?

Noi vi invitiamo a leggere i consigli degli esperti su come i bambini dovrebbero annoiarsi.