idea geniale di una mamma

Idea geniale di una mamma: i secchi dove riporre i giocattoli dei bambini, ma con una sorpresa.

Quante di voi, care unimamme avete dovuto combattere con i giocattoli dei vostri bambini lasciati in giro per tutta casa? Praticamente tutte. Si può passare anche l’intera giornata a mettere a posto e pulire casa, raccogliere i giocattoli dei nostri bambini, bambole, costruzioni, macchinine, colori, pennarelli e chi più ne ha più ne metta, ma alla sera c’è sempre qualcosa che salta fuori e che ci fa impazzire.

È quasi impossibile tenere la casa in ordine, ma una mamma con grande senso pratico e spietata freddezza, soprattutto senza sensi di colpa per i sentimenti feriti dei propri figli, ha trovato una soluzione netta e risolutiva. Ecco quale.

L’idea geniale di una mamma: i secchi per i giocattoli dei bambini

Quando è troppo è troppo e anche le mamme più pazienti finiscono con il perdere la pazienza e non poterne più dei giocattoli e oggetti dei figli lasciati in giro per casa, in ogni dove.

In mezzo al caos è difficilissimo pulire e le mamme, soprattutto quando hanno più bambini e non molti aiuti in casa, rischiano di impazzire. Così arriva il momento di prendere decisioni drastiche, e pazienza se il pargolo si mette a piangere disperato perché ha perduto per sempre il suo gioco preferito. Sarà una lezione per stare più attento ed essere più ordinato la prossima volta. In qualche modo i bambini dovranno pur imparare a rimettere le loro cose a posto. Se non lo capiscono con le buone, le richieste, lo capiranno con le cattive, la perdita del giocattolo.

È quello che deve aver pensato senza nessuna remora né rimorso Jessica McGinty della pagina Facebook Mishmash Moments. La mamma ha avuto un’idea spietata ma geniale per obbligare i propri figli a tenere in ordine la casa e lo ha annunciato a tutte le altre mamme con un post sulla sua pagina Facebook.

Nel post la mamma ha scritto:

Oggi ho preso i maledetti secchi per i bambini: se lasciano le loro cose in giro, vanno nel loro secchio. Se le trovo ancora lì all’ora di andare a letto, vanno direttamente nel secchio dell’immondizia, perché cavolo se sto pulendo“.

Il messaggio è chiaro: giocattoli in ordine o fanno una brutta fine. Perché una mamma non può stare tutto il tempo a mettere i giocattoli a posto.

Semplice e diretto. Quando ripetere le stesse cose ai figli all’infinito non porta risultati, bisogna ricorrere alle misure estreme. Jessica McGinty è una mamma che non ha paura di buttare via gli oggetti dei suoi bambini.

Forse un po’ duro come metodo educativo, ma è un buon modo per stimolare i figli a tenere in ordine le loro cose e diventare responsabili. Una volta avvertiti, se non provvedono a mettere in ordine rischiano di perdere le loro cose. Certo buttare via giocattoli costosi non è il massimo, non tutti possono permetterselo e soprattutto sarebbe uno spreco inutile. Questo sistema, tuttavia, potrebbe essere utilizzato per le cose di poco valore, per le cianfrusaglie lasciate in giro dai bambini, che sono proprio le cose che sporcano casa e creano confusione.

Al limite, invece di gettare nella spazzatura i giocattoli lasciati in giro, possono essere riposti per qualche tempo in uno sgabuzzino o in un altro posto non raggiungibile dai bambini. Una sorta di confisca temporanea, finché i vostri figli non avranno imparato la lezione. Una soluzione meno drastica e altrettanto efficace. I bambini non amano separarsi dai loro giocattoli preferiti.

Sotto al post sulla pagina Facebook Jessica McGinty, molti genitori hanno lasciato commenti di approvazione. Chi taggando i propri consorti e chi addirittura i figli.

Una mamma ha scritto che anche lei usa lo stesso metodo, la gli oggetti lasciati in giro dai suoi figli vanno direttamente nella spazzatura, senza passare per il secchiello di avvertimento.

Un’altra mamma, invece, con maggiore senso pratico, ha detto che i giocattoli che i suoi figli trascurano vengono regalati ad altri bambini che li apprezzano. In questo modo si evita la produzione eccessiva di rifiuti e si fanno felici altri bambini, magari bisognosi. La soluzione migliore.

E voi, unimamme? Che ne pensate di questo metodo? Userete anche voi i secchielli per i giochi dei vostri figli?

Per concludere vi ricordiamo il nostro articolo su come insegnare ai bambini a mettere in ordine grazie al metodo Montessori. Tutta un’altra storia.