Home Mamma & Co. Giochi e attività Le spiagge migliori per i bambini 2018: la classifica secondo i pediatri

Le spiagge migliori per i bambini 2018: la classifica secondo i pediatri

CONDIVIDI

Spiagge per bambini

Quali sono le spiagge migliori per i bambini e le loro famiglie nel 2018.

Spiagge per bambini e famiglie

Quando si deve scegliere la località dove trascorrere le tanto sospirate vacanze estive i genitori compiono un’attenta selezione per coniugare le esigenze di tutti, avvalendosi quindi anche dei consigli degli esperti che suggeriscono, annualmente, le “spiagge a misura di bambinio”.

Quest’anno le spiagge premiate con la “Bandiera verde” sono 136.

Come scegliere le spiagge migliori

I criteri sono quelli basilari che ogni genitore dovrebbe considerare:

  • acqua limpida e bassa vicino alla riva
  • sabbia indispensabile per costruire torri e castelli, favorendo il gioco dei bambini
  • bagnini e scialuppe di salvataggio
  • giochi
  • spazio per cambiare il pannolino o allattare con comodo
  • gelatrie, ristoranti, locali per l’aperitivo o per fare una cena o un pranzo leggero

Tutto questo può fare la differenza tra un soggiorno tra una vacanza ideale e rilassante e una invece un pochino più stressante.

A stilare l’elenco delle spiagge bandiere verdi 2018 per bambini è stato un gruppo di 2380 pediatri, naturalmente questi ultimi hanno svolto il loro lavoro in modo integerrimo senza che gli fosse corrisposto un compenso economico per partecipare all’iniziativa.

Per ognuna delle regioni inoltre è stata selezionata almeno una spiaggia, questo per mantenere la dimensione nazionale del campione considerato.

Italo Farnetani, ordinario di Pediatria della Libera università Ludes di Malta, che ha partecipato all’iniziativa presiedendo anche un convegno sul tema, ha spiegato i criteri con cui i pediatri si sono approcciati al lavoro di selezione di spiagge migliori per i bambini per la prossima stagione.

Per la qualità delle acque e la possibilità di balneazione i pediatri hanno fatto riferimento alle strutture istituzionali e pubbliche italiane come:

  • le ordinanze dei sindaci
  • le rilevazioni dell’Arpa regionali
  • le varie tipologie marine

Nel 2008 e nel 2009, per esempio, sono state definite le località marine definite mondane, ovvero con attrezzature dedicate sia ai bambini che agli adulti, nel 2010 invece è stata la volta di quelle “incontaminate” in cui fosse il lato naturale a prevalere sulle strutture turistiche.

Nel corso degli anni i criteri di valutazione si sono evoluti, tenendo però sempre ben presente l’obiettivo primario del benessere dei bambini e delle loro famiglie.

Successivamente è stato introdotto anche il criterio della dislocazione geografica sottolineando la distribuzione omogenea in tutto il territorio nazionale. Farnetani sottolinea che i bambini e i ragazzini under 18 vanno ormai al mare per divertirsi, per godere di quella libertà e di quegli spazi negati durante gli altri mesi e trascorrere del tempo con i genitori.

Il mare, come commenta Farnetani stesso: “offre una possibilità ai bambini di oggi di muoversi, fare attività fisica, stare all’aperto e passare del tempo con i genitori”.

I pediatri inoltre rimarcano che la spiaggia dovrebbe essere di sassi e rocce, con abbastanza spazio tra un ombrellone e l’altro. La presenza degli assistenti di spiaggia oltre a garantire una maggior sicurezza è prova anche di pulizia.

Quest’anno, in modo particolare, ci sono delle novità che elevano la Calabria a prima regione per località premiate.

Sono state infatti incluse nell’elenco anche:

  • Bianco (RC)
  • Squillace (CT)

in questo modo la Calabria totalizza ben 18 bandiere verdi.

Al 137° posto compare la spagnola Malaga. Questa città è stata selezionata da un’équipe di colleghi spagnoli capitanati da Alfonso Delgado Rubio. Malaga inoltre è legata alle bandiere verdi da una richiesta di gemellaggio con Montesilvano.

 

Bandiere verdi 2017: l’elenco

In Abruzzo: Giulianova (Teramo), Montesilvano (Pescara), Pescara, Pineto-Torre Cerrano (Teramo), Roseto degli Abruzzi (Teramo), Silvi Marina (Teramo), Tortoreto (Teramo), Vasto Marina (Chieti); Basilicata: Maratea (Potenza) e Marina di Pisticci (Matera);

Calabria: Bianco (RC), Bova Marina (Reggio Calabria), Bovalino (Reggio Calabria), Capo Vaticano (Vibo Valentia), Cariati (Cosenza), Cirò Marina-Punta Alice (Crotone), Isola di Capo Rizzuto (Crotone), Locri (Reggio Calabria), Melissa-Torre Melissa (Crotone), Mirto Crosia-Pietrapaola (Cosenza), Nicotera (Vibo), Palmi (Reggio Calabria), Praia a Mare (Cosenza), Roccella Jonica (Reggio), Santa Caterina dello Jonio Marina (Catanzaro), Siderno (Reggio Calabria), Soverato (Catanzaro), Squillace (Catanzaro).

Campania: Agropoli-Lungomare San Marco, Trentova (Salerno), Ascea (Salerno), Centola-Palinuro (Salerno), Ischia: Cartaroma Lido San Pietro (Napoli), Marina di Camerota (Salerno), Pisciotta (Salerno), Pollica-Acciaroli, Pioppi (Salerno), Positano-Spiagge: Arienzo, Fornillo, Spiaggia Grande (Salerno), Santa Maria di Castellabate (Salerno), Sapri (Salerno);

Emilia Romagna: Bellaria-Igea Marina (Rimini), Cattolica (Rimini), Cervia-Milano Marittima-Pinarella (Ravenna), Cesenatico (Forlì Cesena), Gatteo-Gatteo Mare (Forlì-Cesena), Misano Adriatico (Rimini), Rimini, Riccione (Rimini), Ravenna-Lidi Ravennati, San Mauro Pascoli-San Mauro Mare (Folrì-Cesena);

Friuli Venezia Giulia: Grado (Gorizia), Lignano Sabbiadoro (Udine).

Lazio: Anzio (Roma), Formia (Latina), Gaeta (Latina), Lido di Latina (Latina), Montalto di Castro (Viterbo), Sabaudia (Latina), San Felice Circeo (Latina), Sperlonga (Latina), Ventotene-Cala Nave (Latina);

Liguria: Finale Ligure (Savona), Lavagna (Genova), Lerici (La Spezia), Noli (Savona). E ancora,

Marche: Civitanova Marche (Macerata), Fano-Nord-Sassonia-Torrette/Marotta (Pesaro-Urbino), Gabicce Mare (Pesaro-Urbino), Grottammare (Ascoli Piceno), Pesaro (Pesaro-Urbino), Porto Recanati (Macerata), Porto San Giorgio (Fermo), Numana Alta-Bassa Marcelli Nord (Ancona), San Benedetto del Tronto (Ascoli), Senigallia (Ancona) Sirolo (Ancona).

Molise: Termoli (Campobasso); 

Puglia: Fasano (Brindisi), Gallipoli (Lecce), Ginosa – Marina di Ginosa (Taranto), Marina di Pescoluse (Lecce), Marina di Lizzano (Taranto) Melendugno (Lecce), Ostuni (Brindisi), Otranto (Lecce), Polignano a Mare – Cala Fetente – Cala Ripagnola – Cala San Giovanni (Bari), Porto Cesareo (Lecce), Rodi Garganico (Foggia), Vieste (Foggia).

Sardegna: Alghero (Sassari), Bari Sardo (Ogliastra), Cala Domestica (Carbonia-Iglesias), Capo Coda Cavallo (Olbia), Carloforte-Isola di San Pietro: La Caletta – Punta Nera – Girin – Guidi (Carbonia-Iglesias), Castelsardo-Ampurias (Sassari), Is Aruttas-Mari Ermi (Oristano), La Maddalena-Punta Tegge-Spalmatore (Olbia Tempio), Marina di Orosei-Berchida-Bidderosa (Nuoro), Oristano – Torre Grande (Oristano), Poetto (Cagliari), Quartu Sant’Elena (Cagliari), San Teodoro (Nuoro), Santa Giusta (Oristano), Santa Teresa di Gallura (Olbia Tempio), Tortolì – Lido di Orrì, Lido di Cea (Ogliastra).

Sicilia: Balestrate (Palermo), Campobello di Mazara – Tre Fontane – Torretta Granitola (Trapani), Casuzze-Punta secca-Caucana (Ragusa), Cefalù (Palermo), Giardini Naxos (Messina), Ispica-Santa Maria del Focallo (Ragusa), Marina di Lipari-Acquacalda-Canneto (Messina), Marina di Ragusa, Marsala – Signorino (Trapani), Mondello (Palermo), Plaja (Catania), Porto Palo di Menfi (Agrigento), Pozzallo – Pietre Nere, Raganzino (Ragusa), San Vito Lo Capo (Trapani), Scoglitti (Ragusa), Vendicari (Siracusa).

Toscana: Bibbona (Livorno), Camaiore – Lido Arlecchino – Matteotti (Lucca), Castiglione della Pescaia (Grosseto), Follonica (Grosseto), Forte dei Marmi (Lucca), Marina di Grosseto (Grosseto), Pietrasanta – Tonfano, Foccette (Lucca), Monte Argentario – Cala Piccola – Porto Eercole (Le Viste), Porto Santo Stefano (Cantoniera – Moletto – Caletta) – Santa Liberata (Bagni Domiziano – Soda – Pozzarello) (Grosseto), San Vincenzo (Livorno), Viareggio (Lucca), Pisa – Marina di Pisa, Calambrone, Tirrenia (Pisa);

Veneto: Caorle (Venezia), Lido di Venezia, Cavallino Treporti (Venezia), Jesolo- Jesolo Pineta (Venezia), Chioggia-Sottomarina (Venezia), San Michele al Tagliamento-Bibbione (Venezia).

 

Vediamo qualche spiaggia in particolare:

Spiagge per bambiniSanta Teresa di Gallura (Olbia), Sardegna: è una cala lunga 700 metri con un fondale basso e sabbia soffice, è incastonata da falesie e le acque assumono tante tonalità di blu.

Spiaggia del Poetto a Cagliari: dune di sabbia bianchissima e vicinanza dell’affascinante promontorio della Sella. La città e i suoi animati baretti sono nelle vicinanze.

Spiaggia di Varigotti nella frazione di Finale Ligure: qui abbiamo sabbia grigia mista a ghiaia che offre qualche centinaio di metri di arenile, in alcuni tratti attrezzato, in altri completamente libero.

Spiaggia di Gallipoli, in Puglia: viene denominata la “Perla dello Ionio” e presenta un litorale lungo fino a 20 km caratterizzato da belissime spiagge e un incantevole centro storico. Santa Maria di Leuca è una delle zone più consigliate a chi viaggia con bambini.

Santa Caterina dello Jonio Marina (Catanzaro), in Calabria: spiaggia cristallino con pesci che nuotano fino a riva. Il borgo vicino è semplice e tranquillo, una scelta ideale per famiglie con bambini piccoli.

Spiaggia di Signorino in Sicilia: acqua trasparente, impianti predisposti per l’accoglienza turistica, la spiaggia è sabbiosa e molto vasta.

Porta San Giorgio (Fermo), Marche: spiaggia di sabbia con numerose strutture ricettive.

Santa Maria di Castellabate (Salerno): Castellabate è una delle perle della costiera del Cilento, gran pare della zona è tutelata dall’area marina protetta, insignita di diversi riconoscimenti. Ci sono spiagge dorate, sassose e calette naturali.

San Vincenzo (Livorno), Toscana: il mare è di colore blu scuro, nel tratto urbano è poco profondo mentre nella parte del Parco di Romigliano l’altezza dell’acqua è di un paio di metri. Si hanno a disposizione 11 km di spiaggia.

Unimamme, voi avete già deciso dove trascorrere le vostre vacanze?

Scegliereste una di queste mete?

Noi vi lasciamo con un approfondimento sul perché i vostri bambini potrebbero essere nervosi in spiaggia.