Home Mamma & Co. Accade nel mondo “Le cose migliori di un bambino autistico”: le parole di un papà...

“Le cose migliori di un bambino autistico”: le parole di un papà commuovono

CONDIVIDI

Una madre  è sempre preoccupata per i propri figli, figuriamoci quando questi bambini sono speciali.

Ellie Whetzel descrive se stessa come “fieramente protettiva” nei confronti di suo figlio Leo, che ha 7 anni e non parla perché autistico. Quando però ha confidato al suo compagno Andy le sue paure – è stata per anni una mamma single – e il fatto che abbia molte domande sul futuro del suo bambino, le è stata data una risposta davvero sorprendente.

La bellissima risposta di un “papà” a una mamma preoccupata per il futuro del figlio autistico

Ellie – che ha anche un blog in cui racconta la sua quotidianità dal titolo My life with Leo – ha pubblicato un post sulla pagina Facebook Love What Matters divenuto presto virale.

Ecco la traduzione:

“Sono stata una mamma single per Leo per 4 anni e mezzo, prima che Andy entrasse nelle nostre vite. Lui è l’unica figura paterna che Leo abbia conosciuto, e ciò che rende il loro legame ancora più speciale è che Leo è autistico e soprattutto non parla, ma l‘amore che Andy ha per lui è ed è sempre stato incondizionato.

Come madre, ho un sacco di preoccupazioni per il futuro del nostro ragazzo. Ma l’amore, l’accettazione e la comprensione tessuti nel loro rapporto sono bellissimi.

Di recente, stavo parlando con il mio Andy. “La vita è cosi  ambigua, con così tante domande che devono ancora trovare una risposta per Leo” ho detto. 

Lo sguardo di Andy si è lentamente rivolto verso il nostro ragazzo, la sua espressione preoccupata ha dato lasciato il posto ad una piena di serene certezze. 

“Mi stupisce sempre – ha iniziato – come anche oggi ci sia ancora tanta negatività attorno all’autismo”. 

“Una delle cose migliori di Leo ” ha sottolineato “è quanto sia genuinoQuando è felice, te lo fa sapere. Quando è arrabbiato, te lo fa sapere… Le sue emozioni sono pure e non ci sono bugie. La cosa triste è che la gente dice che questo sia anormale. Quando in realtà è così che dovrebbero essere le persone“. 

Ho ascoltato  mentre Andy andava avanti:  le sue parole mi hanno dato forza attraverso ogni sillaba che passava.

“Da qualche parte qualcuno ha detto che Leo sarà diverso. Lo seguiremo differentemente… Non tutti lo capiranno, ma va bene. E anche se toccherà le vite di solo due persone, avrà fatto comunque la differenza…

Sicuramente ci saranno dei momenti di frustrazione. Ma non dovremo mai permettere che questi possano inficiare la sua qualità di vita.

E se questo ragazzo, che affronta costantemente delle sfide, potrà svegliarsi ogni giorno con il sorriso…starà bene“.

Questa mamma ha poi raccontato all’HuffPost UK che prima di incontrare l’attuale compagno pensava che mai avrebbe trovato qualcuno che potesse sviluppare una tale relazione con il figlio. Ma quando poi Andy è entrato nelle loro vite tutto è cambiato: “Non solo ho trovato un partner amabile e di supporto … ma Leo ha trovato il suo papà”.

E voi unimamme cosa ne pensate di queste toccanti parole ed in generale di questa storia?

Intanto vi lasciamo con il post in cui invece un papà arrabbiato si sfoga con i suoi amici spiegando che suo figlio ha l’autismo, non la lebbra.