Home Figli Salute Pidocchi e bambini: conoscerli bene per combatterli (FOTO&VIDEO)

Pidocchi e bambini: conoscerli bene per combatterli (FOTO&VIDEO)

CONDIVIDI

pidocchi nei bambini

Quando le mamme parlano di pidocchi, si riferiscono alla pediculosi, cioè all’infestazione del cuoio capelluto causata dai pidocchi.

Pidocchi: chi sono, come si diffondono e come combatterli

pidocchi I pidocchi sono piccoli parassiti a 6 zampe di colore grigio scuro che vivono sull’uomo nutrendosi del suo sangue e che sono specifici dell’essere umano.

Il loro corpo è piatto, e le loro zampe hanno uncini che aderiscono a capelli e peli (raramente i pidocchi possono arrivare a ciglia e sopracciglia). I pidocchi forano la pelle del cuoio capelluto e succhiano il sangue tramite l’apparato boccale.

Un pidocchio ha un ciclo vitale di 6-7 settimane.

Le femmine arrivano a depositare in totale da 100 a 300 uova, chiamate lendini: ogni giorno ne depositano 8-10.

Le uova appaiono come punti bianchi leggermente allungati o marroni, con una forma che ricorda la capocchia di un ago.

pidocchiQuando le uova si schiudono (il periodo di incubazione è di 6-10 giorni) le larve iniziano a succhiare il sangue fino a 5-6 volte al giorno, causando prurito.

Il passaggio da larva a pidocchio adulto richiede 8-9 giorni.

I pidocchi non saltano, ma passano da una testa all’altra solo per contatto diretto e prolungato.

Non è vero che prediligono i capelli sporchi, quindi pettinare i capelli o lavarli spesso non aiuta a prevenire l’infestazione.

Le zone del capo maggiormente colpite dall’infestazione sono quelle dietro la nuca e dietro le orecchie, perché più calde.

Oltre al prurito, altri sintomi possono essere eventuali lesioni dovute al fatto che ci si gratta molto frequentemente.

pidocchiLa pediculosi è un’infestazione molto diffuse: secondo recenti indagini, colpisce più di un milione e mezzo di ragazzi sotto i 18 anni, e la maggior parte è costituita da bambini di età compresa tra i 4 e gli 11 anni. 

Una volta scoperta l’infestazione, se i bambini vanno a scuola la prima cosa da fare è avvisare i genitori dei compagni e gli insegnanti, in maniera da gestire il problema tutti insieme.

Come rimedi sono disponibili diverse soluzioni:

  • prodotti chimici sotto forma di lozioni, shampoo
  • prodotti naturali
  • strumenti come il pettinino a denti stretti.

Circa i prodotti chimici, il prodotto più utilizzato è la permetrina che uccide pidocchi e uova in circa 10 minuti. Dopo aver fatto lo shampoo con l’antiparassitario occorre risciacquare bene, aggiungendo anche dell’aceto (circa 100 gr. per ogni litro di acqua calda) che favorisce il distacco delle lendini. Il trattamento prevede poi di pettinare i capelli, dividendoli in ciocche, con un pettine a denti molto fitti.

Dopo il passaggio con il pettine, per eliminare le lendini rimaste si potrà procedere manualmente.

In merito ai prodotti naturali, sono presenti sul mercato diverse lozioni a base di oli essenziali come ad esempio la lavanda, il tea tree che hanno la capacità di soffocare i parassiti. Tra questi il più diffuso è l’olio di neem, che in purezza ha un odore molto sgradevole non amato dai pidocchi.

Di recente una ricerca ha invece indicato il balsamo come un rimedio efficace, perché essendo denso rallenta i movimenti dei pidocchi che vengono poi eliminati con il passaggio del pettine a denti stretti.

Il trattamento, sia chimico che naturale, va ripetuto dopo 7-10 giorni, che corrisponde al periodo di schiusa delle lendini e un altro è consigliabile farlo dopo 2 settimane, perché recenti studi hanno dimostrato che le lendini sopravvivono anche più a lungo del periodo normalmente considerato.

pidocchi

Importante è anche procedere ad igienizzare i pettini con acqua bollente (li si può lasciare in acqua fatta bollire per almeno 5 minuti).

Circa vestiti, lenzuola, coperte, sciarpe e capelli è bene lavarli a 60° e far arieggiare cuscini e peluche (si può anche decidere di chiuderli in sacchi di plastica per un paio di giorni).

Per prevenire invece è bene:

  • insegnare ai bambini a non scambiarsi abiti, cappelli e sciarpe
  • controllare ogni tanto il cuoio capelluto
  • usare balsamo e passare il pettinino
  • sciacquare i capelli con acqua e aceto

C’è da dire che ultimamente i pidocchi risultano essere più resistenti, e tale ipotesi è confermata dalla scienza. In questi casi gli esperti consigliano prodotti a base di olii sintetici come il dimeticone, il miristato di isopropile o il tocoferolo acetato.

Il segreto per l’efficacia di ogni trattamento è applicarlo con rigore e costanza.

Per concludere un trattamento che sta prendendo piede anche da noi è uno che non usa prodotti e lozioni né chimici né naturali. Uno studio ha infatti dimostrato che l’aria calda ucciderebbe definitivamente pidocchi e lendini se diffusa a una data temperatura (circa 60°) per un tempo di almeno 30 minuti. Esistono macchinari appositi e stanno anche aprendo centri dove poterlo fare.

E voi unimamme, eravate al corrente di tutte queste informazioni sugli odiosi animaletti tanto diffusi tra i nostri figli?


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it