salvini sui vaccini
Vaccini (iStock)

Salvini: “10 vaccini sono inutili e pericolosi”. Burioni: “Bugie”. Scoppia la polemica sui vaccini in Italia.

L’incontinenza verbale, si sa, è la patologia che affligge molti  politici, sempre pronti a fare polemica e strumentalizzare ogni questione, pur di portare consensi dalla propria parte. C’è chi è in campagna elettorale continua, anche quando è stato eletto e dovrebbe mantenere un contegno istituzionale.

Così capita che il neo Ministero dell’Interno discetti di qualunque argomento, pur non attinente alle competenze del suo dicastero, pur di suscitare dibattiti e polemiche e provocare l’opinione pubblica. A certe provocazioni non andrebbe risposto, ma quando viene detto che i vaccini sono inutili e pericolosi, facendo disinformazione pur di compiacere quel movimento no-vax i cui convincimenti non hanno alcuna base scientifica non si può tacere.

Salvini sui vaccini: inutili e pericolosi. Insorge il mondo scientifico

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini è intervenuto oggi telefonicamente ad una trasmissione radiofonica di RadioStudio54 per parlare di vaccini. Contrariamente a quanto dispone la legge introdotta nel 2017 con il Decreto Lorenzin, che esclude dai nidi e dalle scuole d’infanzia i bimbi non vaccinati (a loro tutela e di quei bimbi che non possono essere vaccinati), Salvini ha detto che manterrà l’impegno preso in campagna elettorale, ammettendo i bambini in classe anche se non in regola con le vaccinazioni.

“Garantisco l’impegno preso in campagna elettorale nel permettere che tutti i bimbi entrino in classe, vadano a scuola”, perché “la priorità è che i bimbi non vengano espulsi dalle classi” anche se non vaccinati, ha detto Salvini nell’intervista telefonica, come riporta l’Ansa.

Sulla politica del nuovo governo in tema di obbligo vaccinale, il ministro ha aggiunto: “Siamo in due, c’è un’alleanza Lega-M5s, bisogna ragionare anche con gli alleati, al ministro Grillo ho iniziato a parlare di questi temi”. E proprio sui vaccini obbligatori, introdotti un anno fa a causa del pericoloso calo delle coperture vaccinali sul quale l’Organizzazione mondiale della sanità aveva messo in guardia l’Italia, Salvini ha affermato: “Ritengo che 10 vaccini obbligatori siano inutili e in parecchi casi pericolosi se non dannosi“.

Salvini sui vaccini ha concluso inviando un ringraziamento “per il loro coraggio” ai ricercatori Antonietta Gatti e Stefano Montanari.

Salvini sui vaccini: la risposta di Burioni

Immediata è stata la risposta del prof. Roberto Burioni che dalla sua pagina Facebook ha prontamente smentito le affermazioni del Ministro dell’Interno:

No, Ministro Salvini. Dieci vaccini non sono inutili e tantomeno dannosi. Sono gli stessi vaccini che vengono usati con identici tempi e identici modi in tutto il mondo. Sono i dieci vaccini che hanno salvato e salvano, in tutta sicurezza, milioni di vite. Vaccini che proteggono anche lei, i suoi figli e i suoi elettori, e pure tutti i cittadini italiani che lei ha il dovere di tutelare.

Ministro Salvini, lei ha detto una cosa non rispondente al vero, perché quelli che riporto io sono fatti, suffragati da dati scientifici solidissimi.

Quella che ha detto è una bugia, una bugia pericolosissima. E che a dirla sia chi ha la responsabilità della sicurezza del mio paese è una cosa che mi preoccupa molto.

Fatti, e non bugie.

Poco dopo, Burioni ha pubblicato la risposta di Salvini:

Questa è parte della risposta (pubblicata dall’agenzia Dire, ndr) che mi ha dato il Ministro Salvini. Lo sfido pubblicamente a indicare quali dei 10 vaccini sono “assolutamente superflui”, indicando la bibliografia che supporta le sue affermazioni.

Se non lo farà (e non potrà farlo!), avremo la certezza che il Ministero degli Interni (che deve garantire la nostra sicurezza) è in mano a un signore che racconta pericolose bugie“.

Le risposte a Salvini sui vaccini dal mondo scientifico

Durissimo anche l’intervento del prof. Pierluigi Lopalco.

“PERICOLOSISSIMO

Se dieci vaccini (quali? a me risulta che il decreto sull’obbligo di vaccini ne preveda due, un esavalente ed un tetravalente) sono pericolosi, il fatto che un Ministro della Repubblica si faccia così facilmente abbindolare da un manipolo di cialtroni e ciarlatani è pericolosissimo.

Non capirne di medicina è giustificabile, ma per un politico non riconoscere un ciarlatano è preoccupante, soprattutto se nelle mani di questo politico affidiamo la sicurezza del Paese.

Se calano le coperture vaccinali l’intero Paese è in pericolo. Con le malattie infettive non si scherza. Un Paese civile non può permettersi un salto indietro nel passato. C’è voluta una legge per recuperare i danni enormi della propaganda antivaccinista. In Italia si è reso necessario un provvedimento che in un Paese civile non sarebbe stato neanche ipotizzato.

Alimentare la propaganda e la superstizione da parte delle più alte cariche dello Stato è inaccettabile. Fare propaganda giocando con la salute dei nostri figli è ignobile.”

Caustico l’intervento della pagina Facebook RIV – Rete Informazione Vaccini, che ha annunciato la pubblicazione a breve di un comunicato congiunto delle principali società mediche e scientifiche in Italia.

“l noto esperto di salute pubblica Salvini, laureato in medicina e chirurgia all’università del Nulla e specializzato in Igiene all’università della Propaganda ha diffuso stupidaggini sulle vaccinazioni. Fortunatamente ci sono le Società scientifiche… nelle prossime ore potrete leggere un comunicato stampa congiunto di SItI, SIP, FIMMG, FIMP che speriamo abbia la stessa risonanza mediatica…”

Nel pomeriggio è uscito il comunicato congiunto delle società scientifiche.

I vaccini salvano le vite e sono sicuri: la scienza non è un’opinione

Roma, 22 giugno 2018.

“In riferimento a quanto dichiarato oggi dal Ministro dell’Interno il Board del Calendario Vaccinale per la vita (SIP- Società Italiana di Pediatria, SItI – Società Italiana di Igiene, FIMP -Federazione Italiana Medici Pediatri, FIMMG – Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) ribadisce che i 10 vaccini proposti a tutela di tutta la popolazione, e in particolare di tutti i soggetti più fragili che non possono essere vaccinati, sono sicuri, efficaci e indispensabili a garantire la protezione di tutta la popolazione verso malattie gravi, pericolose e potenzialmente mortali.
Grazie alla legge che limita l’accesso alle scuole per i bambini non vaccinati, imitata da altre nazioni, l’Italia è un Paese più sicuro e ci auguriamo che non rientri più tra le nazioni a rischio infettivologico come ci aveva definito l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

E’ auspicabile che il Ministro della Salute Giulia Grillo assuma posizioni scientificamente validate a supporto di tutto il calendario vaccinale e a tutela della funzione della sanità pubblica e della salute di tutti i cittadini”.

Infine, è arrivata la risposta dell’Istituto Superiore di Sanità, che ha diffuso un comunicato in 5 punti per ribadire l’importanza e l’efficacia delle vaccinazioni.

Nel caso in cui si fermassero i programmi vaccinali, le malattie prevenibili con i vaccini tornerebbero. Anche se un’igiene migliore, il lavaggio delle mani e l’acqua pulita contribuiscono a proteggere dalle malattie infettive, queste malattie si possono diffondere indipendentemente dal livello di igiene. Se le persone non si vaccinassero, in breve tempo comparirebbero di nuovo malattie diventate poco frequenti, come la difterite, la pertosse, il morbillo, la parotite.

Lo sottolinea l’Organizzazione Mondiale della Sanità a proposito del valore dei programmi vaccinali in tutto il mondo che ha diffuso in un video il seguente testo:

CINQUE FATTI SULLE VACCINAZIONI

1. I vaccini sono sicuri ed efficaci

Ogni vaccino approvato è:

  • rigorosamente testato prima di essere autorizzato per l’uso
  • regolarmente valutato
  • i suoi effetti sono costantemente monitorati

2. I vaccini prevengono malattie mortali come:

  • difterite,
  • parotite,
  • morbillo,
  • pertosse

3. I vaccini immunizzano meglio delle infezioni naturali

La risposta immune ai vaccini è simile a quella prodotta dall’infezione naturale ma è meno rischiosa.

4. I vaccini combinati sono sicuri e producono effetti benefici

La somministrazione contemporanea di più vaccini non produce danni sul sistema immunitario dei bambini.

  • si diminuisce il disagio dei bambini
  • si risparmia tempo e denaro

5. Se noi fermiamo le vaccinazioni le malattie riemergeranno

Nonostante la migliore igiene sanitaria, e l’accesso all’acqua sicura le infezioni si diffonderanno

Quando le persone non sono vaccinate, le malattie infettive diventate rare ricompaiono velocemente.

Che dire unimamme?

Come risponderà la Ministra della Salute Giulia Grillo a queste dichiarazioni di Salvini? Eppure solo fino a pochi giorni fa aveva detto sì alle vaccinazioni.

Video sul Decreto sui vaccini obbligatori, pubblicato un anno fa dal Ministero della Salute