Matteo Salvini

Matteo Salvini e la lettera di una mamma.

Unimamme, oggi vi parliamo di un brutto risvolto della campagna elettorale in atto, in vista del 4 marzo, giorno in cui gli italiani saranno chiamati a votare.

Una mamma scrive una lettera a Matteo Salvini

Qualche giorno fa, Matteo Salvini, leader della Lega, ha giurato sul Vangelo in Piazza Duomo, un gesto che ha suscitato perplessità e reazioni diverse.

Una mamma e imprenditrice, Gabriella Nobile, ha quindi deciso di scrivere una lettera aperta a Salvini, descrivendo la quotidianità dei figli, due bambini originari dell’Africa, che lei ha adottato e che sono vittime dell’intolleranza alimentata dalle parole del politico leghista.

Ecco cosa ha scritto mamma Gabriella:

“Caro Salvini 
Sono una mamma adottiva di due splendidi bambini africani.
Volevo ringraziarla perché sta regalando ai miei figli dei momenti di terrore davvero fuori dal comune . 
Mia figlia di 7 anni prima di andare a letto mi chiede : “ma se vince quello che parla male di noi mi rimandano in Africa ? “
E piange disperata. 

Mio figlio invece , prende l’autobus per andare agli allenamenti di calcio quasi tutti i giorni e da circa un paio di mesi mi racconta di insulti che è costretto a subire da suoi gentili simpatizzanti .

Dire ad un bambino di 12 anni, che oltretutto veste una divisa sportiva : sporco n…. , n….. di mer… , torna a casa tua , venite qui rubare e ammazzare le nostre donne …….credo che sia la palese dimostrazione di come questo paese, grazie a persone come lei , stia lentamente scivolando nel baratro.

Nei suoi ipocriti slogan “ prima gli italiani “ c’è tutta l’ignoranza di colui che non ha ancora capito che l’italiano e’ colui che ama l’Italia non che ci e’ nato ! 

Come io sono mamma perché amo i miei figli e non perché li ho partoriti.

Faccia la guerra a coloro che ci hanno ridotto al collasso . Benpensanti italici che hanno impoverito di cultura e di valori questo bellissimo paese facendo guerre contro i poveri , gli immigrati , i gay , i rifugiati ….. tutto per una sola bieca motivazione .

Distogliere l’attenzione dalle malefatte ( e non uso termini peggiori perché sono una Signora ) che imperterriti continuate a perpetuare a chi in questo paese ci crede davvero .”

Il suo messaggio, pubblicato su Facebook, è diventato virale, ottenendo 59 mila Like e 28.530 condivisioni.

Il post di questa mamma ha suscitato varie reazioni, tra chi è solidale con lei, chi chiama in causa il bullismo, la deriva razzista degli ultimi tempi, chi pensa si tratti di una storia inventata e, infine, chi puntualizza che Salvini vuole rimandare in Africa solo gli irregolari e non certo due bambini con la cittadinanza italiana.

Come si legge su Il Corriere Gabriella Nobile è una fiera mamma che ha adottato i bambini di cui parla, i suoi figli, quando avevano 2 anni il maggiore e pochi mesi la minore.

“C’è chi se la prende con loro considerandoli la causa di tutti i problemi italiani”.

Lei stessa testimonia di aver ricevuto messaggi molto preoccupati da altri genitori con figli adottati che stanno vivendo episodi simili a quelli vissuti dai suoi bambini.

Gabriella Nobile dichiara di aver condiviso il messaggio perché ritiene che alcune posizioni della Lega non aiutino in termini di integrazione.

“Che ci sia un’emergenza immigrazione è sotto gli occhi di tutti ma va gestita in modo concreto e umano. Usando le parole giuste“.

Inoltre sottolinea che inizialmente la sua lettera era stata rimossa da Facebook perché conteneva la parola “n***o”, l’appellativo con cui i razzisti italiani insultano il figlio.

Finalmente, dopo qualche giorno Salvini ha risposto, sul suo profilo Facebook, usando toni più pacati di quelli che abitualmente utilizza nei suoi comizi, slogan e dichiarazioni pubbliche.

“Una mamma che ha adottato due bimbi africani dice che i suoi figli hanno paura di me?

Sbaglia, lo dico con affetto, da papà.

Basterebbe che la mamma spiegasse ai suoi figli che io allontanerò dall’Italia delinquenti, clandestini e spacciatori, non certo i bambini! Voglio un Paese più sicuro per tutti, soprattutto per i nostri figli.

Questo mi chiedono non solo gli italiani ma anche tanti immigrati, regolari e perbene, che vivono in questo Paese. Anzi, al governo lavorerò per rendere più veloci e meno costose le adozioni per le migliaia di coppie che attendono questa gioia da anni, non avendo 30.000 euro da spendere o anni per aspettare.

P.S. Visto che viviamo entrambi a Milano, sarei ben felice di offrirle un caffè al parco, mentre i nostri bimbi giocano insieme”.

Certo è che il leader leghista non ha affrontato il problema principale per cui mamma Gabriella l’ha chiamato in causa.

Unimamme, voi cosa ne pensate della lettera di Gabriella, dei problemi di cui parla e della risposta di Matteo Salvini?

E se fossero i vostri figli ad essere trattati così?

Noi vi lasciamo con la vicenda di una ragazzina di 15 anni insultata su un autobus a causa del razzismo e la bella storia di due bambine amiche per la pelle che possono insegnare tanti agli adulti.