Bambino vittima di una maestra che gli lavava la bocca con il sapone

Brutta vicenda di abusi in una scuola materna vicino a Ravenna. Una maestra ha lavato col sapone la bocca di un bimbo di 5 anni perché bestemmiava.

abusi

Un nuovo caso di abusi nei confronti di un bimbo da parte di una maestra che avrebbe dovuto occuparsi di lui desta sconcerto e orrore.

I maltrattamenti nei confronti di un bimbo di pochi anni si sono svolti in una scuola materna privata vicino a Ravenna, dove un’educatrice 55enne è arrivata a lavare con il sapone la bocca del suo alunno perché aveva bestemmiato.

Ma non solo, ci sarebbero state anche tirate per i capelli, alle orecchie, un castigo nel ripostiglio e un sollevamento per le braccia nei confronti della piccola e inerme vittima.

La vicenda risale a un po’ di tempo fa quando il piccolo, un bimbo affetto da un disagio comportamentale, aveva solo 5 anni.

L’inchiesta però si è aperta nel 2011, quando il bambino, passando dalle scuole materne alle elementari ha chiesto cosa gli sarebbe successo se si fosse comportato male.

A quel punto il testimone ha parlato delle punizioni a cui era stato sottoposto facendo scoppiare il caso e successivamente è stato sentito in un contesto protetto all’interno dell’inchiesta della squadra Mobile della polizia coordinata dal pm Angelo Scorza, confermando quanto precedentemente dichiarato.

La maestra, che ha sempre negato ogni accusa ed è stata sostenuta dall’istituto in cui lavorava, una scuola materna privata di ispirazione cattolica, alla fine è stata condannata a un anno di pena per gli abusi commessi, mentre è stata assolta dal secondo capo d’accusa: sequestro di persona.

La donna, inoltre, dovrà risarcire al bambino maltrattato 12 mila Euro, mentre altri 4 mila a testa andranno ai genitori, costituitisi come parte civile nel processo.

Purtroppo, come ben sappiamo dalle cronache nostrane, non è la prima volta che un bimbo è vittima di maltrattamenti in un asilo, tempo fa un caso simile aveva indotto a sollevare l’ipotesi di installare impianti di videosorveglianza nelle scuole.

Unimamme, voi cosa fareste se qualcosa di simile accadesse a vostro figlio?

Condividete con noi la vostra opinione si vi va.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta