Ecco come una bambina ha vinto il cancro e aiuterà altri bambini a guarire

Salvare i bambini con il cancro è possibile se tutti contribuiscono. Grazie a Humans of New York in sole 3 settimane si sono raccolti 3,8 milioni di dollari.

Nel mondo purtroppo moltissimi bambini si ammalano ancora di cancro.

Grace West, una ragazzina di 12 anni, è una di loro, anche se in qualche modo è stata “fortunata”.humans of new york

Due anni fa le è stato scoperto un neuroblastoma al 4° stadio  Lei lo descrive così: “è come avere un canale di radici per tutto il corpo”.

Bambini con il cancro: la campagna per salvarli di Humans of New York

La vicenda umana di questa straordinaria bambina è una di quelle scelte dalla famosa associazione Humans of New York che ha deciso di illustrare le devastanti esperienze fisiche ed emotive dei piccoli pazienti del Memorial Sloan Kettering Cancer Center.

Per sostenere le sperimentazioni che possono aiutare questi bambini servono molti soldi, e incredibilmente l’associazione ha raccolto 3,8 milioni di dollari in meno di 3 settimane. 

“Anche per loro è difficile seguire storie simili, perché nessuno vuole ascoltare di bambini che soffrono e affrontano malattie mortali” ricorda Grace.

Questa coraggiosa bambina spiega perché ha deciso di partecipare al progetto “ho pensato che sarebbe stato fantastico perché non ci sono molti fondi federali che vanno al cancro pediatrico, l’ammontare è quasi non esistente. Creare consapevolezza servirà a portare un cambiamento nella comunità del cancro pediatrico”.

Nina Pickett, amministratrice del Dipartimento Pediatrico del  Memorial Sloan Kettering commenta così l’interesse di Brandon Stanton, fondatore di Humans of New Yorkè stato un incontro fortuito, non ha niente a che fare con la comunità del cancro pediatrico, nessuna conoscenza di qualcuno affiliato, ma aveva nel suo cuore l’idea che sia un’ingiustizia che un bambino abbia il cancro e così ha deciso di fare un servizio fotografico su questo tema”.

hony-cancer-grace-today-160524_7ca3cc2aaaa5eaf7a6c44f94b41a2182.today-inline-largePickett ha ammesso di non aver mai visto una campagna avere un così forte impatto in un breve periodo di tempo. “Questo è stato un sforzo della società civile”.

La campagna ha aiutato tutta la comunità che gira intorno ai bambini malati a venire alla luce: infermieri, genitori, medici, ecc…

Sappiamo quanto isoli questa malattia. Sappiamo quanto le persone si ritraggano. Sappiamo quanto le famiglie abbiamo bisogno di spostarsi e di avvicinarsi ai centri per la cura e lasciare le loro comunità, conosciamo la paura con cui convivono”.

Brandon di HNW ha dato voce a tutto questo.

Solo il 4% dei fondi federali va al cancro pediatrico, persino le cause farmaceutiche hanno poco interesse nello sviluppare terapie dirette al cancro pediatrico, perché i numero non sono abbastanza significativi per loro. “Se 12-15 mila bambini si ammalano di cancro ogni anno loro lo considerano una cosa rara”.

Il trattamento sperimentale che ha salvato Grace è stato trovato grazie a 2 milioni di dollari raccolti da genitori con figli con il neuroblastoma. “Per molti di loro è stato un gesto altruistico perché sono certa che per molti la cura non avrebbe fatto in tempo a salvare i loro bimbi”.

“Voglio che le persone se ne vadano con la sensazione che ogni dollaro donato cambierà delle vite e farà la differenza”.

bimbaLa protagonista del servizio fotografico Grace, è stata dichiarata libera dal cancro qualche mese fa, dopo anni di durissimi trattamenti.

Penso che il progetto di Humans of New York aiuterà altri bambini come me, farà la differenza e aiuterà a trovare una cura per il cancro. La band di genitori ha raccolto 2 milioni di dollari per le cure e salvarmi. Con 3 milioni di dollari possono spingersi oltre e creare altre cure. Spero che le persone comprendano che poco può fare molto nel fare la differenza nella vita degli altri“.

Unimamme sebbene questo sia un tema doloroso pensiamo che creare maggior consapevolezza aiuterà la prevenzione. Inoltre si tratta di una bellissima storia di generosità che ci scalda il cuore.

Noi vi lasciamo con un altro servizio fotografico sul vero volto dei bimbi col cancro.

Voi siete a conoscenza di storie simili?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta