Bambina abusata a 4 anni: la testimonianza shock di Ashton Kutcher

Ashton Kutcher durante la sua testimonianza

L’attore americano Ashton Kutcher, ex compagno di Demi Moore, ha da poco rilasciato una drammatica e toccante testimonianza davanti al Senato degli Stati Uniti sullo sfruttamento sessuale dei bambini. Un tema dei nostri giorni tragico e sconvolgente, purtroppo sempre più diffuso.

Il caso in particolare riguarda una bambina che oggi ha 7 anni abusata fin dall’età di 4. Kutcher, con le lacrime agli occhi e la voce rotta dalla commozione, ha raccontato che questa bambina è stata violentata da un uomo e filmata in un video poi pubblicato nel deep web. Gli abusi sono andati avanti per tre anni e niente e nessuno è ancora riuscito a fermarli.

La bambina è originaria della Cambogia, un Paese molto povero dove purtroppo il traffico e l’abuso sessuale sui minori è molto diffuso. Così come il turismo sessuale, praticato da pervertiti che arrivano in Cambogia da tutto il mondo. L’uomo che ha abusato della bambina del video è un turista americano, ha riferito Ashton Kucther. Senza decisi e severi provvedimenti da parte delle autorità locali, purtroppo diventa difficile perseguire questi crimini odiosi. Ecco perché è importante che anche i Paesi di provenienza dei violentatori prendano provvedimenti.

Bambina abusata e video sul web: la testimonianza di Kutcher

Lo scorso 15 febbraio, Ashton Kutcher ha raccontato davanti alla Commissione Affari Esteri del Senato americano, presieduta dal senatore Bob Corker, di aver visto personalmente il video sulla bambina abusata. Immagini che hanno lasciato il segno, soprattutto perché è padre di due bimbi piccoli, e ha subito pensato a loro.

Quando ha raccontato del viedeo, Kutcher si è commosso. L’attore è cofondatore e presidente di un’associazione, Thorn, che si batte contro il traffico e l’abuso dei bambini. Proprio per questo suo impegno l’attore è stato contattato, nel tentativo di impedire che il video della bambina abusata circoli ancora per il web.

Il mio lavoro è quello di presidente e cofondatore della Thorn – ha spiegato Ashton Kutcher -. Noi sviluppiamo un software per combattere il traffico di esseri umani e lo sfruttamento sessuale dei bambini. Questa è la nostra mission principale. L’altro mio lavoro è quello di padre di due bambini, uno di due mesi e uno di due anni. E come parte di un lavoro che prendo molto sul serio, credo che sia mio compito difendere il loro di diritto di raggiungere la felicità e garantire una società e un governo che difendano quel diritto allo stesso modo“.

Kutcher ha reso la sua testimonianza davanti al Senato Usa per valutare i tentativi per mettere fine alla schiavitù moderna e al traffico di esseri umani e per l’emanazione di un provvedimento che autorizzi l’iniziativa di legge per la fine della schiavitù moderna.

L’attore ha anche detto di aver ricevuto delle critiche per questo suo impegno, in particolare sul web, dai troll di internet. Alcuni gli hanno suggerito di occuparsi solo di film e tv. Invece Kutcher ha voluto sottolineare l’importanza di questa sua lotta contro gli abusi e lo sfruttamento sessuale dei bambini, proprio per il fatto di essere un personaggio pubblico e di avere maggiore visibilità di altri e presa sull’opinione pubblica.

In casi come quello denunciato, della bambina abusata per anni, spesso rivolgersi a chi ha una visibilità pubblica come un attore può essere l’ultima possibilità.

Ero al telefono con lo staff della mia associazione, che mi chiedeva aiuto perché avevamo ricevuto una chiamata dal Dipartimento di Sicurezza Interna che ci riferiva di una bambina di 7 anni che era stata abusata e del video di quell’abuso che era stato diffuso nel dark web. Era stata violentata e hanno visto il video per tre anni, ma non sono riusciti a trovare l’autore di quell’abuso. Così ci hanno chiesto aiuto. Eravamo la loro ultima possibilitàun attore e la sua associazione. Questo è il mio lavoro e lo faccio con dedizione“.

Infine, Ashton Kutcher ha chiesto ai senatori maggiori fondi per finanziare strumenti per stanare le persone che sfruttano i bambini sul web.

Le sue ultime parole durante l’udienza davanti al Senato sono state profondamente toccanti: “Vado a dormire tutte le sere, pensando a quella bambina che ancora viene abusata. E se io faccio la cosa giusta, possiamo salvarla“.

Ecco il video della testimonianza di Ashton Kutcher davanti al Senato Usa.

E voi unimamme, cosa ne pensate dell’impegno di questo attore e dell’importanza di sensibilizzare l’opionione pubblica e i governi su questi drammi e su come prevenirli?

Noi vi lasciamo con la denuncia di Don Fortunato di Noto, un prete che da anni si batte  contro la pedopornografia sul web.

Firma: valeria bellagamba

Notizie Correlate

Commenta