Capricci dei bambini: 9 modi per non impazzire

A volte i capricci dei vostri figli fanno davvero “impazzire”!Ecco 9 consigli per non cedere ai nervi ed ai successivi sensi di colpa!

ThinkstockPhotos-494373625

Maternità, esperienza meravigliosa della vita di una donna, sempre ricamata ed evidenzia in ogni dettaglio d’amore ma diciamoci anche un’altra verità… ci sono momenti in cui si butterebbe tutto in aria, in cui lo stress delle mille cose da fare e nei ruoli più disparati (mamma, donna, lavoratrice, …), cede all’insistere di un capriccio o delle inarrestabili corse e urla per casa dei figli. Ne abbiamo parlato grazie ad una divertentissima serie di foto sulla maternità come è “realmente” in 10 magnifici auto-scatti!

Oggi passiamo ad alcuni saggi consigli su come mantenere la calma.

9 suggerimenti per affrontare i capricci e mantenere la calma

Quando vi trovate in uno di quei giorni in cui è davvero difficile mantenere la pazienza e sentite che il vostro limite sta per essere superato provate a seguire questi seguenti suggerimenti per aiutare a mantenere i nervi al loro posto… anche nel caso in cui vostro figlio vi abbia di proposito soffiato una bolla di mocciolo addosso!

1. Ricordate che un capriccio non è mai contro di voi, nè per farvi del male. Il vostro bambino agisce perché qualcosa sta accadendo in lui e sta facendo del suo meglio per esprimerlo. A seconda dell’età del bambino, ci potrebbe essere una qualsiasi sorta di stress a contribuire a questo comportamento. Per un adolescente già  potrebbe trattarsi di stress da esame, per un bimbo più piccolo di stanchezza dopo una lunga giornata a scuola o semplicemente del suo bisogno di riconnettersi con voi. I bambini trovano particolarmente difficile comprendere e disinnescare le intense “tempeste” in corso nel loro cervello in via di sviluppo.

2. Prendetevi del tempo e una breve pausa di “riflessione” se necessario.  Se capite di non essere nella condizione in quel momento di dare un riscontro o risolvere il contrasto fate un passo indietro e date a voi stessi lo spazio e il tempo di calmarvi. Questo potrebbe significare magari chiedere al vostro partner di intervenire, per prendervi un momento e pensare a come meglio gestire la situazione. Oppure, potrebbe essere semplicemente sufficiente stare a pochi passi di distanza dal vostro bambino. Una pausa potrebbe essere anche un modo sano positivo di affrontare la rabbia. I bambini non possono ascoltare tutto quello che diciamo, ma si può essere sicuri che stanno a guardare ogni singola cosa che facciamo. Cercano di capire cosa significa essere un adulto e come ci si deve comportare. Pertanto, essi diventano proprio come le persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo in giro, e questo è il motivo per cui è importante per loro avere modelli di ruolo sani.

3. Fate respiri profondi, può sembrare un cliché, ma solo perché è vero. Quando veniamo innescati in modalità di lotta, fermiamoci  e iniziamo a respirare meno profondamente, come la sensazione di rabbia sale in alto nel nostro petto. Prendere alcuni respiri profondi aiuterà ad alleviare lo stress e consentire al corpo di calmarsi abbastanza per mettere a fuoco e pensare. Quando siamo tornati nel nostro centro (o almeno più vicino ad esso), siamo in grado di sentire in modo più efficace la nostra mente razionale e di genitore. Le decisioni e le parole che vengono da una reazione emotiva e arrabbiata non sono mai quelle buone.

4. Amate il vostro bambino incondizionatamente. Questo punto è abbastanza facile, tuttavia, nei momenti di estremo stress l’amore incondizionato improvvisamente non è così facile da raggiungere. Per sentirsi sicuro e protetto, il bambino ha bisogno di sapere che è amato per tutto il tempo anche quando si sta comportando come se fosse posseduto. State attenti con le parole e con le azioni quando i figli si comportano in modo incontrollabile è perché cercano di assicurarsi e ricevere l’invio di un messaggio di amore incondizionato. Potete farlo parlando ed affrontando il comportamento specifico, non rendendolo personale. Attaccate il problema, non la persona, sempre – anche con gli adulti.

5. Concentratevi su qualcosa di bello. Il vostro bambino può essere un angelo un minuto e il diavolo il prossimo. E ‘ importante che non si dimentichino i momenti angelici, anche quando il bambino è  fuori controllo. Quando qualcuno sta gridando o si pone in modo aggressivo verso di voi, è facile andare in modalità di difesa. Ma, ricordate, questo non è un vero e proprio attacco, questo è il gesto di una piccola persona confusa. Voi siete il genitore in questa situazione e questo significa che non è una lotta tra uguali. Concentratevi non sul bambino odioso dalla faccia rossa che sta di fronte a voi, ma sul bello e dolce bambino che vi ha detto buongiorno quella stessa mattina. Che cosa potete fare per aiutarlo?

6. Pensate indietro nel tempo a una situazione in cui vi siete scagliati contro qualcuno perché avevate bisogno di aiuto o eravate frustrate. La rabbia e la frustrazione sono manifestazioni della paura. Immaginatevi nei suoi panni e ricordatevi di come vi siete sentiti in quella situazione, vi tornerà più facile aiutare e supportare vostro figlio per ciò di cui ha bisogno. Immaginatevi un po’ alla sua età. Avreste voluto che vostra madre o  padre ci parlassero con voi? Avreste voluto un abbraccio caldo e comprensivo? O avreste voluto essere sgridati per aver causato problemi semplicemente perchè non sapevate “come si fa”, come comportarvi in quella situazione?

7. Vedete attraverso i suoi occhi. E’ piuttosto difficile quando un bambino è arrabbiato, aggressivo e odioso verso di voi. Ma immaginare quanto peggio sia per lui quando lo siete voi! Se andate ad armi spianate, urlando e gridando, immaginare come questo possa farla sentire. Avete già il potere di questa relazione; siete i grande, i più forti e più indipendento. Reagire ad un aggressione in modo “aggressivo” potrebbe anche portare al risentimento nei bambini I bambini possono essere piccoli, ma prosperano sul rispetto e la comprensione, proprio come voi. In caso contrario, il mondo può sembrare un luogo ingiusto, perché quelli più grandi e più potenti sembrano avere il sopravvento. Ci sono tanti adulti che credono in questo.

8. Ricordate che questo è il vostro compito. La responsabilità di gestire queste situazioni non sta nel vostro bambino. Come genitore è vostro compito cambiare questa situazione. Non è un lavoro facile, tutt’altro, ma è il vostro lavoro comunque. Quindi, capire come aiutare il vostro bambino e come sdrammatizzare la situazione con calma e in modo efficace. Se vi arrabbiate, non state aiutando il bambino ad affrontare qualunque cosa stia accadendo.

9.  Le vostre azioni parlano più delle vostre parole quando si tratta di genitorialità. Siate calmi, comunicativi e sotto controllo, anche quando il bambino non lo è. Questo aiuterà il vostro bambino ad imparare a gestire in modo efficace le sue emozioni – anche quelle spiacevoli. Ciò che è ancora più importante, però, è avere la capacità di tenere a freno questi drammi prima che si dispieghino.

Care Unimamme, impariamo che con molta attenzione, un’attenta riflessione e un approccio calmo, potrete anche essere in grado di impedire crolli futuri. Ricordate sempre che gli scatti di ira sono come le onde, se riuscirete ad avere pazienza, e a cavalcarli, potreste vederle da sopra e non esserne travolti. Dopo aver riflettuto su cosa fare, focalizzatevi anche su cosa NON FARE… MAI, quando si parla di capricci!

Diteci la vostra se vi va.

 

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta