Avere delle “vere” amiche salva la vita, lo dice la scienza

Avere delle amiche salva la vita: secondo la scienza sono importantissime perché aiutano appunto a stare meglio. Attenzione alla scelta!

le amiche salvano la vita

Vi ricordate quando Carrie, Charlotte, Samantha e Miranda si confidavano attorno ad un tavolo di un locale di New York? Ecco, si stavano salvando letteralmente la vita.

Avere delle amiche infatti permette di stare molto meglio quando ci sono dei periodi particolarmente difficili. Lo dico io che ho delle persone molte ristrette su cui contare e che conosco da una vita.

Le amicizie devono però essere sincere e soprattutto non sparire quando si ha bisogno, come recita il famoso proverbio: io – dopo che mi sono ammalata di depressione post partum – ho chiuso per esempio parecchie amicizie perché non hanno saputo o voluto starmi vicino. Con il tempo sono diventata molto diffidente, ma so per certo che se concedo il mio tempo è per la vita.

Avere delle amiche fidate è meglio di una medicina 

Secondo recenti studi infatti le famose chiacchiere tra donne sono utili perché:

  • rafforzano il sistema immunitario
  • riducono il rischio di diabete
  • aumentano l’ossitocina (l’ormone della calma)
  • aumentano la serotonina (neurotrasmettitore anti depressivo e fonte generale di benessere) 

Secondo infatti Katherine Ehrlich, ricercatrice americana della  Northwestern University, l’amicizia fra donne è molto importante perché ha un ruolo nel modo in cui le cellule rispondono alle diverse patologie”.

Insomma, se volete uscire con le vostre amiche per un aperitivo, un caffé o una sessione di shopping non sentitevi in colpa: innanzitutto il tempo per sé stesse è sacro e aiuta anche la famiglia. Non bisogna secondo me crescere i figli con l’idea che la mamma sia solo votata al focolare: una mamma è prima di tutto una donna con i propri desideri e deve continuare nel limite del possibile a coltivarli anche dopo essere diventata genitrice.

Secondo poi, confidarsi con le amiche più intime è importante perché si esternano magari dubbi e preoccupazioni e di solito ci si sente meno sole. Attenzione, però: le confidenti devono essere appunto tali, non conoscenti.

Secondo infatti una ricerca, riportata da West, le donne ammalate di tumore al seno con uno scarso supporto di amicizie muoiono nel 61% di casi in più rispetto a quelle che hanno pochi amici, ma molto stretti. 

Insomma, se è vero il proverbio che gli amici sono la famiglia che ti scegli, è meglio sceglierseli con attenzione.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta