L’88% delle mamme con una emorragia post partum hanno problemi ad allattare

Uno studio ha dimostrato il collegamento tra difficoltà nell’allattamento al seno ed emorragie durante il parto.

allattamento al seno

Unimamme, oggi vogliamo parlarvi di un’interessante ricerca scientifica riguardante i problemi che possono riscontrare le donne nell‘allattamento al seno a causa di una emorragia e conseguente trasfusione post partum.

Problemi di allattamento ed emorragia: uno studio

La ricerca si è avvalsa di dati sia qualitativi che quantitativi raccolti attraverso questionari. Ecco come come si è svolta l’indagine:

  • sono state selezionate 206 donne che avevano avuto esperienze di emorragie post partum
  • i questionari sono stati compilati a 1 settimana dopo il parto e a 2 e 4 mesi
  • il 53% delle partecipanti erano primipare
  • il 95% ha avuto un solo figlio
  • il 65% aveva meno di 35 anni
  • il 2% ne aveva meno di 20
  • il 4% sopra i 40

Di tutte queste quelle incluse nell’indagine sono state l’88%, ovvero coloro che avevano perso  almeno 1500 millilitri di sangue.

Stabiliti i criteri e il campione si è proceduto ad osservare come è andato l’inizio dell’allattamento:

  • il 63% ha cercato di allattare il figlio fin dall’inizio
  • l’85% sperava di farlo

L’allattamento però non è andato bene per tutte, solo la metà delle donne che intendevano allattare fin da subito il piccolo ci è riuscita. Per il 19% di queste mamme l’opportunità è stata rimandata addirittura a diverse ore dopo la nascita.

Alla fine però:

  • il 63% delle mamme è riuscito ad allattare durante la prima settimana
  • il 45% continuava a farlo a 4 mesi dalla nascita del piccolo

A seconda della quantità di sangue perso aumentava il ritardo con cui le donne potevano iniziare ad allattare. Per quanto riguarda le trasfusioni:

  • il 53% delle partecipanti ha ricevuto trasfusioni nella prima settimana dopo il parto
  • il 96% delle partorienti che avevano perso più di 300 millilitri di sangue ha ricevuto trasfusioni
  • il 37% delle partecipanti che avevano perso meno di 300 millilitri di sangue ha ricevuto trasfusioni

Risultati

I dati hanno evidenziato che le difficoltà di allattamento insorgono a seguito di consistenti perdite di sangue e conseguenti trasfusioni. Per questo motivo queste donne dovrebbero essere sostenute e assistite nell’allattamento al seno, in modo da aiutare il piccolo ad attaccarsi il prima possibile. Purtroppo però questo non sempre avviene…

Unimamme e voi siete alle prese con l’allattamento? State avendo problemi? Se volete conoscere qualcosa in più su questa affascinante esperienza date un’occhiata al nostro articolo su come funziona l’allattamento.

Noi vi lasciamo con un approfondimento sulle differenze nell’allattamento al seno nel mondo.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta