Giornata mondiale contro l’AIDS: l’80% dei malati in Italia ha meno di 30 anni

In occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS una serie di iniziative nelle principali città d’Italia con test gratuiti, ecc.. Nel corso del 2014 in Italia ci sono stati 3600 nuovi casi.

AIDSIl 1 dicembre cade la Giornata Mondiale contro l’Aids, di cui si contano ancora 142 mila nuovi casi solo lo scorso anno in area europea. Si pensa erroneamente che sia una malattia guaribile, ma non è così, esistono sì delle terapie molto costose ma non si guarisce.

AIDS: si continua a morire

Le cifre, anche in Italia, sono ancora allarmanti:

  • 180 sieropositivi in Italia
  • 3600 nuovi casi in Italia nel 2014
  • l’80% dei contagiati ha meno di 30 anni

Purtroppo, a giocare a favore del proliferare di questa malattia c’è il silenzio, la superficialità nel fare sesso senza proteggersi e la decisione di non fare i test di controllo.

Così 7 malati su 10 scoprono di essere infetti solo quando l’AIDS è conclamato. Quindi, per invitare la popolazione a prendere coscienza dei rischi e tutelare la propria salute la Lila Onlus ha lanciato l’iniziativa: Fatti un regalo: fai il test!

Il test rapido Salivare: cos’è e come funziona

Si tratta di una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi inviando un sms al 45504 per promuovere la conoscenza del test rapido salivare che consente una diagnosi tempestiva e cure successive.

Da qualche anno è disponibile questo tipo di test i cui risultati arrivano in 20 minuti. Il test funziona rilevando la presenza di anticorpi IgG e IgM anti-HIV-1 e HIV-2 nella saliva.

Funziona applicando una paletta sterile alle arcate gengivali superiori e inferiori e un’area di reazione contenente antigeni HIV – 1/2. Dopo l’applicazione la paletta viene immersa in una soluzione che permette la migrazione del fluido gengivale lungo il supporto solido verso l’area di reazione.

In caso di presenza di anticorpi anti HIV si determina una barra rossa nella zona T. Una seconda barra si deve formare nella zona C indicando che il test è avvenuto correttamente.

  • Il test non è REATTIVO o NEGATIVO quando compare solo la banda nella zona C
  • Il test è REATTIVO o POSITIVO quando compaiono due bande nella zona T e C (vuol dire che ci sono anticorpi contro l’HIV che possono indicare lo stato di infezione da HIV).
  • Il test è INVALIDO quando non compare nessuna barra, vuol dire che va rifatto

Per la diagnosi però è necessario fare un test del sangue con le metodiche  ELISA e Western Blot.

Si tratta di un test affidabile, ma con una sensibilità leggermente inferiore rispetto a quello tradizionale. Può essere praticato solo in presenza di un medico, possibilmente anche uno psicologo, presso un ambulatorio o in strutture apposite.

Giornata mondiale contro l’AIDS: gli eventi in Italia

Come accennavamo, sono diversi gli eventi organizzati per commemorare la Giornata Mondiale contro l’AIDS.

  • a Milano una facciata del Pirellone è illuminata con la scritta “Stop Aids”. In questo modo il Consiglio Regionale vuole dimostrare il proprio sostegno alle iniziative legate a questa giornata
  • a Perugia è stato presentato uno studio che mira a uccidere il virus HIV utilizzando molecole di Selenio. La ricerca è stata presentata anche sul Journal of Medicine Chemistry.
  • da Catania a Torino: giornate di test gratuiti, proiezioni, spettacoli teatrali per promuovere la conoscenza dell’AIDS tra i più giovani, poi 25 mila preservativi saranno distribuiti gratuitamente insieme al materiale informativo della Lila
  • test gratuiti: presso le sedi della Lila di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Como, Livorno, Firenze, Milano, Roma, Torino e Trento, infine si ricorda che a Milano ogni giovedì del mese è possibile effettuare un test della saliva gratuito presso la sede della Lila in via Carlo Maderno 4, dalle 17 alle 20.30.
  • Croce rossa: ha ideato un muro di profilattici che formano la Scritta AIDS da cui ciascuno può staccarne uno per sensibilizzare circa l’uso del preservativo che può salvarci da questa malattia. I giovani della Croce rossa saranno presenti in molte piazze d’Italia con questa iniziativa

Unimamme, voi eravate al corrente di queste cifre ancora molto preoccupanti in merito alla diffusione dell’AIDS? Ne parlate con i vostri figli?

Noi vi lasciamo con un test per voi o i vostri figli per controllare le vostre conoscenze su HIV e AIDS, è sempre meglio saperne di più vero?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta