Gravidanza: lo sviluppo dei bambini è minacciato dai prodotti che usiamo quotidianamente

Una recente ricerca ha calcolato che il 95% delle donne in gravidanza è esposta a composti chimici ‘pericolosi per la crescita dei bambini dentro e fuori dall’utero.

donna in gravidanza igiene orale

Care unimamme. sappiamo che durante la gravidanza dobbiamo fare attenzione alla nostra alimentazione, allo stress, ecc… ma una recente indagine ci mette in allerta riguardo i fenoli, composti derivanti dal benzene (costituente naturale del petrolio), che possono avere conseguenze negative sullo sviluppo dei nostri bimbi in gravidanza e nei loro primi anni di vita.

I fenoli: cosa sono e dove si trovano

Le donne incinte sono quotidianamente esposte a dei composti, i fenoli appunto, che si trovano nel nostro ambiente e si dividono così:

  1. parabeni: usati come conservanti nei cosmetici e nei prodotti per la salute
  2. triclosan: un agente antibatterico e pesticida che si trova in alcuni dentifrici e  saponi
  3. benzofenone 3: usato nei prodotti di protezione solare
  4. dichloro fenolo: il precursore di ciò che viene usato per i deodoranti per ambienti interni
  5. resine biosfenolo A: fabbricazione di materie plastiche a base di policarbonato (bottiglie di plastica, custodie di cd, ecc…)

Questi composti sono considerati interferenti endocrini, cioè sostanze capaci di interferire con i meccanismi naturali legati agli ormoni (sintesi, trasporto, associazione, azione e eliminazione) del corpo, responsabili ad esempi0 dello sviluppo.

Fenoli e disturbi della crescita dei bambini: una ricerca

Lo studio, condotto dall’Ospedale Universitario di Nancy e Poitiers, e dal Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta  è stato condotto nel modo seguente:

  • su un campione di 520 bambini maschi di un gruppo preventivamente selezionato
  • si è svolto dal 2003 al 2006 prima dell’introduzione delle attuali normative sul biosfenolo (i biberon con questo materiale sono stati vietati in Europa, ma si vendono in Africa…)
  • la crescita di ogni bambino è stata valutata attraverso un’ecografia durante la gravidanza e successivamente misurando i bimbi alla nascita e fino a 3 anni

Risultati dello studio

I dati dicono che:

  1. il 95% delle donne in gravidanza è stata esposta ai fenoli
  2. alcuni fenoli possono disturbare la crescita dei bambini di sesso maschile
  3. i piccoli alla nascita hanno un peso maggiore della media

Piu’ nello specifico i ricercatori hanno mostrato una correlazione negativa tra i livelli di triclosan e i parametri di crescita misurati con l’ecografia nel terzo trimestre di gravidanza, mentre i parabeni erano associati con un maggiore peso alla nascita e a 3 anni.

Questo è stato il primo studio di questo tipo che ha preso cioè in considerazione le contaminazioni ambientali legati ai vari tipi di fenoli e i dati di crescita dei bambini, durante e dopo la gravidanza.

I ricercatori cercheranno ora di ripetere tali risultati, includendo nuovi dati, per meglio comprendere in quale periodo l’influenza di tali composti è maggiore e per allargare l’indagine anche alle bambine.

E voi unimamme eravate consapevoli di questi rischi che si annidano negli oggetti più impensati? Controlliamo sempre l’etichetta di ciò che utilizziamo potrebbe essere un primo passo per la prevenzione, no?

 

(Fonte: Science Daily)

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta