I bambini apprendono dai videogiochi comportamenti aggressivi: uno studio lo conferma

Uno studio dell’Iowa State University conferma: i videogiochi influenzano i bambini e trasmettono loro comportamenti e pensieri aggressivi.

Giocare con i videogiochi è un semplice passatempo o ha un’influenza sullo sviluppo dei nostri figli? L’annosa questione ha un nuovo capitolo nello studio dell’Iowa State University che conferma l’influenza dei videogiochi e del comportamento ripetitivo all’interno di essi. I bambini imparano comportamenti e modalità di pensiero aggressive.

due ragazzi giocano

Secondo lo studio l’effetto non è influenzato dal sesso, dall’età o dal livello culturale. Douglas Gentile, il professore di psicologia a capo del team che ha condotto lo studio, dichiara che non esiste molta differenza dall’imparare la matematica o suonare il pianoforte.

“Se fai pratica per ore e ore, acquisisci quella conoscenza, anche se poi non suoni il piano per anni, questo non significa che non puoi sederti al piano e suonare qualcosa. Con i videogiochi violenti accade la stessa cosa: impari ad essere vigile contro i nemici e impari a considerare una reazione violenta come accettabile.”

Lo studio ha seguito più di 3000 bambini per 3 anni e ha scoperto come durante quest’arco di tempo siano diventati più inclini a fare ricorso a un comportamento aggressivo.

call of duty il videogioco

I ricercatori comunque ci tengono a non demonizzare il videogioco e i contenuti multimediali in generale. Allo stesso modo dei comportamenti violenti anche comportamenti utili socialmente vengono appresi e imparati dai bambini. Si tratta solo di scegliere.

E a proposito di scegliere, come si comportano le nostre unimamme? Limitano l’uso dei videogiochi ai loro figli? Chissà, magari qualcuna, ci gioca anche con loro: questa, di sicuro, è la migliore soluzione.

Firma: Stefano

Notizie Correlate

Commenta