“Quando mi sono innamorato di te?”: un padre lo rivela alla figlia – FOTO

La lettera di un papà alla figlia spiega perché non ha capito da subito quanto l’amava e racconta il momento in cui lui se ne è reso conto. Parole che incantano e che tanti papà hanno condiviso.

LetteraUn padre cerca spesso le parole per descrivere l’amore che prova per il proprio figlio o figlia. Allo stesso tempo, non sempre riesce a esprimere al meglio ciò che prova. Un po’ per inclinazione naturale, un po’ per il desiderio di rimanere l’uomo duro e solido in grado di sorreggere la famiglia, un po’ anche perché ci si ritrova in un vortice di emozioni in cui non si ha molto tempo per pensare.

Inoltre i papà non sviluppano il legame con i figli come le mamme, che li tengono in grembo per 9 mesi. C’è chi si innamora appena lo tiene in braccio per la prima volta e chi invece impiega un po’ di tempo per elaborare il tutto. Quando però questo amore riesce a venire espresso, quando esce sotto forma di parole, è una poesia che incanta e rapisce. Come la bellissima lettera che un padre ha scritto alla propria figlia.

La lettera d’amore di un papà per la figlia

LetteraPatrick O’Malley è un papà di 30 anni di Auckland, Nuova Zelanda. Spinto a raccontare l’amore che prova per sua figlia Lola di 3 anni, ha preso la decisione di scriverle una bellissima e commovente lettera.

Ecco la bellissima lettera:

107,048,700 secondi

1,784,145 minuti

29,735 ore

1,238 giorni

177 settimane.

88 quindicine

40 mesi

3 anni

Questo è da quanto tempo ti amo.

Eri appena nata bambina. Dettagliato, lo so. Ma è importante.

Se avessi saputo quanto sarebbe cresciuto il mio amore per te, avrei cercato di vivere meglio il momento della tua nascita. È stato lungo, eravamo stanchi e tu non avevi voglia di venire fuori. Ricordo che ero così terrorizzato, e ricordo che il cordone ombelicale sembrava gomma sotto le forbici mediche che rimbalzavano sul cordone nelle mie mani tremanti .

Se solo avessi saputo quanto ti avrei amata.

Sono andato a casa ed ero in un vortice di emozioni , ma la solennità di questo evento che cambia la vita non mi era ancora penetrata.

Se solo avessi saputo allora quanto avresti fatto crescere il mio cuoreDormivo, mi svegliavo , ti facevo visita e ripetevo tutto fino a quando sei venuta a casa.

Poi con te a casa non sapevo cosa fare. Alcuni genitori si innamorano immediatamente e altri hanno bisogno di tempo per accendere la fiamma. È una cosa terribile da dire? O è così scontato che si provi un amore immediato per i figli, che la società considera noi inadeguati?

Se solo avessi saputo cosa avrebbe fatto esplodere il mio cuore. Far scendere lacrime dai miei occhi, contrarre la mia gola mentre ingoio questo grumo sporgente. 

Avevo paura di avere una bambina , non sapevo cosa fare con le ragazze . Sarei stato un buon genitore? Il mio modello di ruolo maschile non era stata un’aggiunta positiva nella mia vita, posso essere io un’influenza positiva nella sua? Un milione di pensieri, di sentimenti ed emozioni che opacizzano la mia visione. Allontanandomi da questo miracolo.

Tu eri sempre presente.

Poi è iniziata la preoccupazione . Prima dell'”Amore”. La paura.

Stai mangiando bene? Stai bene? Stai dormendo bene? Perché la tua pelle è di quel colore? Cos’è quel muco appiccicoso? Quanto Panadol dovremmo darti? Quando hai preso l’ultimo Panadol? Hai la febbre? Stai mettendo i denti? Perché stai vomitando? Quando finirai di vomitare? Quella piaga sembra dolorosa, quanta crema? Quanto tempo senza pannolini? Quanta formula? Quante cacche sono troppe? Non era solo malata?

Notti insonni ascoltandoti tossire, respirare affannosamente, starnutire, preoccupandomi sempre che non ti saresti svegliata. Un urlo!! Finalmente!! Almeno sapevo che eri viva.

Se solo avessi saputo che mi avresti chiamato papà e detto che mi ami .

Mi guardo indietro e penso a tutti i bei ricordi . Alle innumerevoli facce buffe, e espressioni instancabili . Il movimento continuo con la lingua che hai acquisito. Il tuo primo sorriso. La tua prima risatina. Quando ti ho cambiato e che mi hai dato calci nello stomaco e ho pensato che era la cosa più divertente del mondo . Guardando che calciavi calci con palese disprezzo della sicurezza personale e del gatto. Strillando di gioia quando mi vedevi.

Quando il tuo volto si accendeva… 

Se solo avessi saputo che i momenti più gloriosi della mia vita erano quando quella luce brillava su di me.

Tutto questo avviene così velocemente . Un minuto sei sdraiata , quello dopo stai seduta, poi gattoni, poi cammini, poi …… le parole.

Morbidi , stupidi suoni messi insieme in magiche, significative, memorabili singole sillabe. “Pa”. 

Se solo avessi compreso il potere che una sillaba avrebbe avuto. Come mi avrebbe modellato e rimotivato per qualcosa di più grande. Se solo avessi saputo che sentire il mio nome chiamato quando correvi verso di me con le braccia ben aperte, avrebbe purificato la mia anima dopo una giornata tesa o stressante.

Sento il botto, la casa rimbomba il suono di una grancassa e l’urlo mi strappa dal mio sonno . Un senso di terrore mi pervade. Corriamo verso la tua camera e ti vediamo sdraiata con il viso rivolto verso il basso e rosso attraverso le urla. Sono in stato di shock,  è l’esperienza più terrificante della mia limitata carriera di genitore . Come facevo a sapere che questo era solo l’inizio . “Non stare lì , prendila! ” Mi precipito da te. Tu vomiti, il panico cresce, tu urli, il panico cresce, non smetti di fare una di queste due cose. Il panico cresce.

Una corsa tesa in auto e 15 minuti più tardi siamo al Pronto Soccorso. Passi dalle urla e vomiti a sorrisi e giochi tattili sul pavimento della sala dei medici. Stai bene adesso?

30 minuti più tardi stai bene, o almeno questo è quello che il medico ci ha detto e i medici sanno tutto . Perché per la prima volta nella mia vita sto dubitando di un medico? 30 anni di vita equivalgono a 30 anni di pratica di un medico, giusto?

Sospiro di sollievo.
Tu stavi bene .

Se solo avessi saputo che un giorno mi avrei chiesto” Stai bene papà?” con una tale preoccupazione che dimentico chi si suppone debba preoccuparsi per chi. 

Parole. Perbacco. Parole.

Mi ricordo quando tutte le parole che sapevi sarebbe entrate su di quarto di un singolo foglio di carta delle dimensioni di un A4 e li aggiungevamo non appena le imparavi . Che cosa è mai successo a quel pezzo di carta?

Orgoglio. Ricordo che prima di un appuntamento dal pediatra scrivevo ogni parola che sapevi e di essere molto sorpreso che ne sapevi molte. Quando il pediatra ci ha detto che stavi sviluppando in modo eccellente e che erano colpiti dal tuo vocabolario stati colpiti sei vostro vocabolario ero raggioso da orecchio a orecchio .

Se solo avessi saputo che avresti sciolto il mio guscio esterno ed esposto il mio cuore .

Centinaia di parole , centinaia di frasi.

“È buffo papà?”

“Non parlerò mai più “

“Tu dici di no e io dico di sì “

“Non così papà “

“Ti amo papà”

“Vuoi giocare con me papà?”

“Papà!! Ho bisogno di aiuto!!!”

“Come si chiama quello papà? “, Seguito da ” No! Quello è un schifo”

E “Sei così buffo papà !!! “

Cavolo mi piace essere buffo.

Se solo avessi saputo che mi avresti conquistato con le parole e che non sarei riuscito a dormire fino a quando non ho scritto questo . Che ho pianto mentre ho scritto questo.

Dove è andata la mia bambina?

Dove hai trovato questo potere che hai su di me ?

Quando mi hai reso così sentimentale ?

Quando le nostre anime si sono toccate e hanno fatto scuotere la mia?

La cosa più spaventosa di tutto questo è che batti il ciglio ed è passato, un momento si muove nel successivo.

Fasi vanno e vengono , e una volta che una fase passa non si può mai tornare indietro.

Ragazzo, vorrei poter congelare in questa fase . Vorrei poter chiaramente catturare ogni fase. Presto questi momenti saranno ricordi e alcune foto in un album.

Quando mi sono innamorato di te? Dal momento in cui ti ho incontrato la prima volta . Solo che non lo sapevo ancora.

107,048,700 secondi

1,784,145 minuti

29,735 ore

1,238 giorni

177 settimane.

88 quindicine

40 mesi

3 anni

Questo è da quanto tempo ti amo.

patrick e figliaIl risultato è un testo che è diventato subito virale, stupendo le mamme e i papà di tutto il mondo.

La lettera, inviata dalla moglie di Patrick a Constance Hall, la mamma “queen” che sta facendo parlare di sé da mesi,  è una lunga descrizione di questo amore, dei momenti passati insieme e delle emozioni provate, degli istanti di vita genitoriale che, come per Patrick, rimangono impressi dentro ma scorrono troppo velocemente. Proprio da queste considerazioni malinconiche nasce una piccola nota di rammarico un po’ più profonda.

Lo sfogo di un padre che non ha saputo cogliere l’attimo, mettersi in contatto con le proprie emozioni. Un’esperienza che provano molti padri e che realizzano solamente quando oramai è troppo tardi, quando quell’istante è ormai passato.

Allo stesso tempo, però, lancia un bel messaggio per tutti quanti: non è mai troppo tardi per vivere le proprie emozioni, anche se ognuno le vive a modo proprio. L’importante è ricordarselo ogni volta che, proprio come scrive Patrick, ci si sente chiamare “Papà!. In quel momento bisogna dare il massimo, nonostante la stanchezza, lo stress accumulato. Perché l’amore di un padre è una forza travolgente, che cresce giorno dopo giorno. E anche se non vi siete sentiti così coinvolti nel momento della nascita, non vi preoccupate. Anche a Patrick è successo, come avete letto.

Succede a molti padri di non provare un attaccamento immediato, dice Patrick.

Cosa ne pensate di questo padre, cari unigenitori? Anche per voi è stato così?

Noi vi lasciamo con un altro esempio di padre amorevole da cui si può prendere esempio,  Andre Palmer e la sua foto virale.

Firma: Andrea Mondati

Notizie Correlate

Commenta