La TOP 10 dei cartoni animati che più hanno commosso i bambini

Una classifica dei cartoni animati che tiene conto del fattore tristezza insito nella storia.

Up

Unimamme, vi siete mai trovate a dover consolare un figlio in lacrime per la morte di uno dei personaggi dei cartoni animati?

In realtà sono tanti i piccoli nati e cresciuti negli anni Ottanta e Novanta che possono descrivere le loro prime vere paure citando l’apparizione di un personaggio come il giudice Morton di Chi ha incastrato Roger Rabbit o la disperazione alla morte del padre di Simba in Il Re Leone. Solo per citarne un paio e per non parlare della straziante scena della morte della mamma di Bambi.

Certo è che questi cartoni animati hanno svolto un ruolo molto importante nella formazione emotiva di queste generazioni, sarà per questo che il giornalista  Shea Serrano ha voluto compilare una classifica ispirata all’indice di tristezza di questo prodotti d’animazione.

Si tratta di un vero indice dei cartoni più tristi considerando le storie dei personaggi.

Come spiega Serrano “si va dall’1 per cento, che è triste come quando ti cade il telefono e si rompe lo schermo, al 100 per cento, che è una tristezza devastante e brutale, debilitante anche se provata indirettamente“.

Ecco la classifica, partendo dall’ultimo in graduatoria:

10) Il libro della giungla: 50%

il libro della giungla


 

Mowgli è un orfano abbandonato nella foresta. Accolto dagli animali viene poi abbandonato anche da loro.

 

9) James e la pesca gigante: 53%

james_e_la_pesca_gigante_disney


 

Il piccolo James è un orfano costretto a vivere con due perfide zie che lo prendono in giro per il modo in cui sono morti i suoi genitori: travolti da un rinoceronte.

 

8) Bambi: 61%

Bambi


 

La scena della morte della mamma di Bambi è una di quelle più citate di sempre. Serrano ne parla come della cosa più devastante dopo che, da bambino, pensò di essere stato abbandonato dal padre.

 

7) Il gobbo di Notre Dame: 63%

gobbo di notre dame


 

Le premesse, in questo caso, non promettono niente di buono. “Sua madre è una zingara a Parigi nel 1482, che forse era il peggior momento nella storia per essere uno zingaro. Viene catturata e uccisa dalla polizia”. Il piccolo, rimasto orfano, viene chiuso per 20 anni in una cattedrale e quando alla fine decide di uscire tutti lo prendono in giro.

 

6) Il Re Leone: 67%

il-re-leone-simba-guarda-mufasa-morire


 

Come saprete il piccolo leoncino rimane orfano del padre, ucciso dal malvagio zio che gli fa credere di essere il responsabile. Poi, dopo averlo allontanato cerca di ucciderlo inviandogli delle cattivissime iene a darli la caccia.

 

5) Big Hero 6: 71%

big-hero-6


 

Qui la tragedia incombe sul protagonista Tadao che crea una squadra di robot perché suo fratello Tadashi è morto nel tentativo di salvare il suo professore da un incendio. Purtroppo anche i genitori del ragazzo sono morti.

 

4) Alla ricerca della valle incantata: 75%

Alla ricerca della valle incantata


 

Il protagonista Piedino assiste alla straziante morte della madre aggredita da un T-rex.

 

3) Pinocchio: 81%

Geppetto Pinocchio


 

Di questa opera Serrano sottolinea le varie traversie del povero Geppetto che, non potendo avere figli, è così tanto desideroso di compagnia umana da farsi un burattino a cui però si allunga il naso quando si dicono le bugie, che viene trasformato in un asino, per poi sviluppare problemi di alcol e fumo. Geppetto, al culmine della disperazione, viene inghiottito da una balena.

 

2) Alla ricerca di Nemo: 87%

AllaRicercaDiNemo


 

Qui il vero protagonista è il padre di Nemo: Marlin a cui uno squalo cattivo mangia tutta la nidiata tranne un pesciolino che nasce disabile. Quando il piccolo viene mandato a scuola viene catturato dagli umani.

 

1) 100% Up

coppia di Up


Il montaggio dei primi 4 minuti del film con il matrimonio di George e della moglie fino alla morte di quest’ultima ne fa uno dei film più devastanti di tutti i tempi.

E voi unimamme , concordate con questa classifica? Quali altri cartoni per voi sono tristi?

 

 

 

 

Fonte: Il Post.it

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta