Le muffe sono un pericolo per la salute spesso sottovalutato

Allergie, infezioni e patologie vengono veicolate dalle muffe: un pericolo da non sottovalutare soprattutto per chi ha bambini piccoli.

Le muffe sono dei funghi che si moltiplicano su alimenti conservati male o in ambienti umidi e caldi come le nostre docce. La loro presenza è così invasiva da costituire un rischio per la nostra salute, un rischio che spesso sottovalutiamo.

A volte le muffe non sono visibili a occhio nudo, l’odore in questo caso farà da spia e ci segnalerà la loro presenza. Wisesociety ha chiesto il parere di Antonio Maria Pasciuto, un medico ambientale che opera a Roma.

muffe in un vetrino

Fondamentale per evitare che si formino è ricordarsi di areare la casa: le nostre abitazioni oggi vengono costruite in modo che conservino tutto il calore e paradossalmente questo per le muffe è un vantaggio perché crea un ambiente ideale. Aprire le finestre e assicurare un ricambio di aria è il modo migliore per diminuire la possibilità che si formino.

È importante non sottovalutare il pericolo derivante dalle muffe perché possono far insorgere problemi nell’uomo in ben tre modi diversi:

1. Allergie
Le spore con cui le muffe si riproducono si spostano per via aerea e possono provocare reazioni allergiche come l’asma.

2. Tossicità
Alcune muffe producono tossine nocive per l’uomo. È un meccanismo di recente studio e quindi meno conosciuto rispetto alle malattie respiratorie, ma può portare problemi anche a organi come l’apparato digerente, o irritare le mucose, la pelle o gli occhi.

3. Infezioni
Molto raro, il meccanismo infettivo entra in azione soltanto in presenza di persone con le difese immunitarie debilitate. Mette però a rischio i bambini sia perché non hanno difese pari a quelle di un adulto sia perché passano la maggior parte del tempo in luoghi chiusi.

muffa

Non è mai troppo tardi per prendersi cura dell’ambiente in cui viviamo.

Quindi attenti alle muffe: sembrerà il tipico rimedio della nonna, ma consigliamo alle nostre unimamme di far giocare i bambini il più possibile all’aria aperta.

Firma: Stefano

Notizie Correlate

Commenta