Malala Yousafzay vince il Nobel per la Pace

Il Nobel per la pace di quest’anno è stato assegnato a Malala Yousafzai, giovane attivista di origine pakistana che da anni si batte per il diritto all’istruzione delle bambine.

malala

Quest’anno il Nobel per la Pace è tutto dedicato ai bambini e alla difesa dei loro diritti, il Comitato norvegese che si occupa di assegnare questo prestigioso riconoscimento ha scelto Malala Yousafzai a pari merito con Kailash Satyarthi.

Malala Yousafzai, come ricorderete è una giovane attivista di origine pakistana che, fin da quando aveva 11 anni, si batte per il diritto all’istruzione delle bambine e che, per la sua causa ha anche rischiato la vita quando nel 2009 lo spietato regime talebano ha cercato di metterla a tacere sparandole in testa.

Il suo esempio non è sfuggito alla giuria che si occupa dell’assegnazione del Nobel dove il suo nome circolava ormai da anni.

“Nonostante la sua giovane età Malala Yousafzay ha già combattuto diversi anni per il diritto delle bambine all’istruzione ed ha mostrato con l’esempio che anche bambini e giovani possono contribuire a cambiare la loro situazione. Cosa che ha fatto nelle circostanze più pericolose. Attraverso la sua lotta eroica è diventata una portavoce importante del diritto delle bambine all’istruzione” ha dichiarato il Presidente della giuria spiegando il perché della loro scelta.

La decisione non è stata facile, perché in lizza c’erano molte personalità di spicco attive in ambiti diversi, come il militare bielorusso per i diritti dell’uomo Ales Beliastski o persino l’ex agente dell’Nsa Edward Snowden.

Insieme alla coraggiosa Malala è stato premiato anche Satyarthi, un altro attivista che da più di vent’anni, con la sua organizzazione: Bachpan Bachao Andolan lotta contro il lavoro minorile.

Satyarthi e i suoi hanno già liberato 80 mila bambini e favorito il loro reintegro nella società.

Un Nobel quindi che ha scelto persone che lottano a difesa dellinfanzia e che hanno dimostrato la loro dedizione alle proprie cause con impegno e costanza.

E voi Unimamme cosa ne pensate di questo riconoscimento assegnato a Malala? Lo ritenete meritato?

Dite la vostra se vi va.

(Fonte: Huffington Post)

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta