Moglie marito tre figli e un solo stipendio di 500 euro…ma arriva l’angelo!

Una storia di condivisione e solidarietà: ci piace il lieto fine!

Notizie così vorremmo leggerle un po’ più spesso. Sì, perché ti fanno riflettere, fondamentalmente su due cose.

La prima: non bisogna mai lamentarsi della propria vita, che spesso è molto migliore di certe esistenze invisibili in cui davvero ogni giorno è una lotta quotidiana per i bisogni elementari.

La seconda: ci sono storie che finiscono bene; questo significa che la speranza non deve mai morire, anche nella situazione più nera.

La protagonista di questa vicenda è una mamma, Carmen, sposata e con tre figli di 6, 8 e 12 anni. Il marito lavora come addetto alle pulizie in un ristorante (in nero),  ma perde il lavoro e da allora è disoccupato. Carmen invece accudisce tre ore al giorno una donna disabile guadagnando 500 euro al mese.

Come riporta il Corriere, ciò che è successo a questa famiglia è incredibile: dopo esser stati sfrattati una prima volta, hanno trovato un alloggio comune, ossia una stanza in una casa, pagando 400 euro.

Ma vivendo con un solo stipendio, di 500 euro, ben presto vengono sfrattati anche dall’alloggio, dove tra l’altro il padrone di casa si è pure tenuto le valige con gli indumenti visto che non avevano pagato l’affitto… no comment!

Carmen, trovandosi alle strette, chiede quindi alla signora disabile presso cui lavorava se possono dormire a casa sua e così è stato: la casa però è così piccola che tutti, inclusi i bambini, sono costretti a dormire sul pavimento.

Ma non è finita qui! I vicini di casa della signora, vedendo l’andirivieni dall’appartamento, minacciano di chiamare i vigili e così Carmen, il marito e i tre bambini si ritrovano di nuovo senza un tetto sulla testa.

Ecco però che arriva l’angelo! Si, un “angelo” che provvede a loro: una persona, che preferisce rimanere anonima, è riuscita infatti a trovare un appartamento decoroso per Carmen e la sua famiglia, e si è impegnata a pagare l’affitto per un anno. 

Non è meraviglioso leggere che i benefattori esistano non solo nelle favole, ma anche nella realtà?

Questo “angelo” esiste, appunto, e da anni aiuta i poveri e salda i debiti di coloro che altrimenti non ce la farebbero, dei cosiddetti “disperati”.

Su sua stessa iniziativa è nata una fondazione, che si chiama  Fondazione Condividere, la quale tramite la rete sviluppa progetti di sostegno sia in Italia sia in America Latina.  Il motto della Fondazione è : “Noi non siamo ciò che possediamo, ma ciò che rappresentiamo per gli altri”. Visitate sia il sito, che la pagina Facebook, meritano!

Pubblichiamo inoltre un video in cui questo “angelo” viene intervistato, in maniera da illustrarvi meglio chi è, cosa fa e perchè lo fa…


In un periodo particolarmente brutto, di crisi, dove appunto la speranza spesso è ridotta a un lumicino, è importante che ci siano persone in grado di riconoscere la propria condizione fortunata, e che vogliano condividerla con gli altri. Sapete ad esempio che Bill Gates, l’uomo più ricco al mondo, dona metà dei suoi guadagni in beneficenza? Voi direte: rimane comunque milionario. Certo, ma quanti milionari ci sono al mondo che i propri soldi preferiscono investirli in auto, donne, e ville lussuose?

Noi di Universomamma speriamo che, attraverso l’operato della Fondazione Condividere, venga lanciato un messaggio di solidarietà, un braccio teso verso chi non ce la fa; tra poco sarà anche Natale e sapete quanti saranno i poveri in Italia? 4,8 milioni! Sono raddoppiati e sono soprattutto al Sud (fonte: Istat). Per favore, pensiamoci e facciamo noi tutti qualcosa, anche solo facendo conoscere tale Fondazione…

E voi unimamme? Avete mai avuto un “angelo” che vi ha salvato da una situazione difficile?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta