Nomi, significati e onomastici: oggi si festeggia Maria

Cosa significa il nome Maria? E soprattutto, quando si parla di Maria quali i diversi significati associati al nome?

santissimo nome di maria

Un tempo erano i nomi dal sapore un po’ americano, poi venne il momento dell’ispirazione ai vip e dopo ancora la ricerca dell’originalità a tutti i costi. Ma tra i vari Sophia, Emma e Chanel c’è  solo una classe di nomi che sembra resistere incrollabile: i classici. Se infatti le mode passano e le tendenze si superano tra loro, chiamare un figlio con i nomi che i nostri nonni e bisnonni amavano resta un successo senza tempo.

Luca, Giovanni, Andrea sono nomi che non tramonteranno mai così come Cristina, Antonella e, ovviamente, Maria, classico dei classici per tutte le bambine.

L’appellativo per eccellenza segno di devozione verso la Madonna ha origini lontane e una filiazione pressoché sterminata. Le sue radici affondano infatti nell’antico ebraico, per la precisione da Maryàm che significa “principessa, signora” e i suoi derivati più moderni sono numerosi:

  • Miriam,
  • Mariam,
  • Mira,
  • Mirella.

A questi si aggiungono poi gli altrettanto fecondi diminutivi:

  • Mariella,
  • Mariuccia,
  • Marietta,
  • Mariolina,
  • Mariola

Infine, per chi fosse un po’ indeciso e volesse dare un tocco più personale ad un nome tanto vissuto, c’è sempre la possibilità del doppio appellativo: Maria si presta enormemente a creare nomi composti e persino al maschile consente di lasciare un segno di devozione o semplicemente un allure nobiliare.

Insomma le alternative sono qui davvero numerose e difficilmente le aspirazioni dei genitori non verranno accontentate.

Un nome dunque dalla storia lontana, ricca di significato e, soprattutto, dal forte plusvalore religioso. Poco servirà allora un portafortuna a chi viene onorato da un simile appellativo, ma noi per sicurezza ve ne suggeriamo comunque qualcuno:

ColoreBlu

PietraZaffiro

MetalloOro

Numero fortunato: 1

Il Santo del giorno: Maria

Ma perché parlare di Maria proprio oggi? Presto detto: il 12 settembre è la Festa del Santissimo nome di Maria, giornata dunque dedicata alla madre del Salvatore e occasione per festeggiare l’onomastico di tutte le “Marie”.

“In questo giorno viene rievocato l’ineffabile amore della Madre di Dio verso il Figlio santissimo e viene posta avanti gli occhi dei fedeli la figura della Madre del Redentore per essere piamente invocata.”

Il nome è comunque così diffuso anche tra le sante, che spesso in alcune località d’Italia i festeggiamenti si spostano ad un diverso giorno.

In generale comunque è proprio alla Madonna che le ragazze di nome Maria vedono legati la maggior parte delle accezioni con cui il loro nome si identifica:

  • la signora ritrosa,
  • la signora beneamata,
  • goccia del mare,
  • padrona,
  • amata.

Quest’ultima accezione deriva in particolare però dall’origine egiziana del nome che si fa in questo caso risalire a Mrjt, “amata” appunto, a cui poi gli ebrei aggiunsero il suffisso diminutivo.

Ma c’è anche un altro significato riconosciuto al nome Maria, che è “Stella del mare“, perché come una stella la Vergine Maria emette i propri raggi che illuminano l’universo, penetrano gli abissi e avvolgono la terra. “Ella è la stella rilucente e meravigliosa che elevata sull’immensità di questo mare splende radiosa per i suoi meriti e i suoi fulgidi esempi. O tu che nelle vicissitudini della vita. più che camminare per terra hai l’impressione di essere sballottato fra tempeste e uragani, se non vuoi finire travolto dall’infuriare dei flutti, non distogliere lo sguardo dal chiarore di questa stella! Se insorgono i venti delle tentazioni se t’imbatti negli scogli delle tribolazioni guarda la stella, invoca Maria Se vieni travolto dalle onde della superbia, dell’ambizione, della mormorazione, dell’invidia, della gelosia: guarda la stella, invoca Maria. Se l’ira, l’avarizia, la concupiscenza della carne scuotono la navicella della tua anima: guarda la stella, invoca Maria. Se turbato dalla gravità dei tuoi peccati, confuso per le brutture della tua coscienza, atterrito dal rigore del giudizio stai per venire risucchiato dal baratro della tristezza e dall’abisso della disperazione guarda la stella, invoca Maria. Nei pericoli, nelle difficoltà e nei momenti di incertezza, guarda la stella, invoca Maria. Abbila sempre sulla bocca, abbila sempre nel cuore e se vuoi ottenere l’aiuto della sua preghiera, non tralasciare di imitarne gli esempi. Seguendo lei non andrai fuori strada, pregandola non dispererai, pensando a lei non sbaglierai. Se ella ti sostiene non cadrai, se ella ti protegge non avrai nulla da temere, se ella ti guida non ti affaticherai, se ti sarà favorevole giungerai alla mèta e così potrai sperimentare tu stesso quanto giustamente sia stato detto: “e il nome della vergine era Maria.“”

Concludiamo infine con una curiosità: da Maria deriva anche il termine marionetta. Nel Medioevo infatti gli ecclesiastici che interpretavano i ruoli delle tre Marie (Maria madre di Gesù, Maria Maddalena, Maria di Cleofa, le 3 donne che accompagnarono Gesù al Calvario), nelle rappresentazioni sacre erano chiamati marionette.

Insomma unimamme, ora che sapete tutto, che ve ne pare? Convinti?

Firma: Francesca Testa

Notizie Correlate

Commenta