Parto cesareo: ecco come influenza l’evoluzione della specie umana

Secondo alcuni biologici austriaci ricorrere al parto cesareo sta influenzando la specie umana, visto l’intervento chirurgico.

parto cesareo rischio specie

In Italia oggi si ricorre forse più del dovuto al parto cesareo (io stessa ne ho avuti due), ma bisogna dire che c’è anche un ritorno alla naturalezza della nascita, per cui si cerca di controbilanciare entrambe le parti.

Il parto cesareo spesso vituperato è stato inventato da un italiano, Edoardo Porro, a capo del reparto ostetricia dell’Ospedale di Pavia, il quale ha permesso di salvare assieme al bambino anche la mamma in situazioni di parto difficile. Prima di lui donne con il bacino troppo stretto o che presentavano problemi durante il travaglio sarebbero quasi certamente morte se non durante l’operazione, ma alcuni giorni dopo a causa delle infezioni.

Secondo invece alcuni biologi dell’Università di Vienna invece, il cesareo potrebbe mettere a rischio l’evoluzione della specie.

Parto cesareo: ecco perché la specie umana è cambiata

Secondo uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences i neonati che essendo troppo grossi per nascere naturalmente sono passati da 30 su 1000 negli anni Sessanta a 36 su 1000 ai giorni nostri, con un incremento del 10-20% nel giro di pochi decenni. Questo cosa significa?

Poiché un tempo questi bambini avrebbero causato complicazioni e quasi certamente sarebbero morti assieme alla madre durante il parto, i geni responsabili di bimbi più grossi della media sarebbero scomparsi e non sarebbero stati trasmessi alle generazioni successive. Negli ultimi 50 però le cose sono cambiate:  con il cesareo infatti si è introdotta la possibilità di intervenire chirurgicamente e salvare molte vite.

Lo studio è partito con l’osservare l’aumento di casi di bambini con la testa troppo grossa per passare nel canale del parto della madre.  Dal punto di vista evolutivo, tra l’altro, sussiste una contraddizione: a fronte dell’aumento del numero di bambini più grossi, in genere anche più sani,le pelvi femminili non si sono allargate nel corso della storia, per cui il corpo femminile fa più fatica a partorire.

La tendenza, secondo i ricercatori, è che i figli saranno man mano sempre più grandi, ma ciò non porterà al prevalere del parto cesareo rispetto al naturale.

E voi unimamme? Cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta