Partorire è come praticare uno sport estremo: i traumi visti dalla scienza

Uno studio sottolinea che le 6 settimane standard non basterebbero per riprendersi dal parto. Ecco perché.

ferite da parto

Sappiamo che il parto non è un’esperienza da “prendere alla leggera”, una recente ricerca sottolinea perché.

Partorire: uno studio per indagare i traumi

Stando a una ricerca dell’Università del Michigan partorire un bimbo sarebbe equiparabile a uno sport estremo. I traumi  infatti impiegano molto tempo a guarire, come se le mamme avessero affrontato una lunghissima maratona.

Lo studio ha considerato 68 donne incinte e a rischio di lesioni pelviche, seguendole tramite esami accurati simili a quelli imposti agli atleti.

“Se corri una maratona ci impieghi più tempo a guarire rispetto a chi corre un miglio solo” dichiara la professoressa Janis Miller, a capo della ricerca “alcune esperienze di parto sono più faticose di altre quindi uno dei punti principali è far sapere alle mamme che si riprenderanno, anche se a volte ci vuole più tempo”.

Spesso il medico dà l’ok alla mamma per riprendere le attività normali come il sesso o gli esercizi, dopo le 6 settimane standard, ma la realtà è diversa.

Sei settimane non sono una scelta razionale per il tempo necessario al corpo per guarire, aggiunge la Miller.

Lo studio, pubblicato sul l’American Journal of Obstetrics and Gynecology conclude che un solo esame clinico non basta per distinguere le lesioni pelviche dal parto.

Sono state scoperte nuove lesioni pelviche in donne che avevano avuto un travaglio molto lungo o erano avanti con gli anni.

Il 15% delle mamme subisce lesioni pelviche che impiegano fino a 8 mesi a guarire:

  • 1/4 avevano fluidi nel midollo osseo pubico o avevano fratture simili a quelle da stress da sport
  • 2/3 avevano un eccesso di fluido nel muscolo che indicava una ferita simile a un forte stress muscolare
  • nell’ultima fase del parto il  41% delle donne riporta strappi muscolari alle pelvi, con addirittura tutto il muscolo staccato del tutto o parzialmente dall’osso.

Miller paragona uno strappo ai muscoli pelvici a uno al tendine posteriore del ginocchio.

“Come il fluido dei muscoli l’edema è un indicatore per ogni sorta di gonfiore, rigidità o gonfiore muscolare. Alla fine scompare, ma quando dipende da quanto è stato estremo l’esercizio“.

Dopo aver visto i risultati Miller consiglia alle mamme che sentono che qualcosa non va dopo 6 o 9 mesi dal parto di consultare uno specialista.

Queste lesioni non possono scomparire con i normali esercizi di Kegel, necessitano più tempo per guarire.

La fisioterapista Jessica McKinney, specializzata in terapia per il bacino e ostetricia, sostiene i risultati della Miller  perché fornisce la dimostrazione che le ferite e i trauma del parto richiedono tempo per guarire.

Secondo lei dopo le 6 settimane standard bisognerebbe fare domande specifiche alle mamme, chiedendo loro di sintomi alla parete pelvica, incontinenza anale o urinaria, preoccupazioni a fare il bagno o di pressioni sulla parete pelvica.

Come ricorda su Wbur sarebbero utili anche terapie mirate per aumentare la resistenza del bacino, educazione sull’intestino, vescica e salute sessuale.

Unimamme, voi quanto tempo avete impiegato a riprendervi dal dolore del parto?

Vi lasciamo con 12 metodi naturali per alleviare i dolori del parto.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta