“Perché dovresti avere un figlio”: una dichiarazione d’amore “inaspettata” di una mamma degenere

Perché avere un figlio? Qual è il solo e unico motivo per cui alla fine si può dire “ne è valsa la pena!”? Una mamma blogger prova a rispondere e lo fa molto bene!

Qualche tempo fa vi avevamo segnalato una ricerca circa l’origine della felicità che, secondo gli scienziati non consisteva nell’avere figli.

Di parere diverso sembra essere invece una mamma nostrana: Simona Redana, come ha scritto nel suo blog “Una mamma in più“.

Simona è la prima a definirsi “mamma degenere” e se vi fate un giro sul suo blog capirete il perché.

In questo suo post però Simona “cambia rotta” raccontando come è avvenuta la decisione, più o meno consapevolmente, che era giunto il momento di diventare mamma. 

Leggetelo “tutto d’un fiato”:

Mai voluto figli, io. Mai piaciuti i bambini. E se devo proprio dire la verità, non mi piacciono molto nemmeno adesso, Gnoma esclusa (e non sempre). Mai stata particolarmente materna. Mai giocato “alla famiglia” con le amiche e mai fatto da mamma alle mie bambole.

Quando mi sono fidanzata, e poi sposata, il problema bambini ovviamente mi si è posto. La prospettiva di diventare mamma non mi allettava per niente, ero quasi gelosa all’idea che Marito potesse amare qualcun altro oltre a me, ero gelosa del mio corpo snello, del mio tempo libero, del mio sacrosanto diritto a mettermi lo smalto su mani e piedi, dei miei viaggi in giro per il mondo, della mia vita.

Ma sapevo anche che se non lo avessi fatto subito, un bambino, forse non lo avrei fatto mai. In fondo era il momento giusto: l’età c’era, le condizioni economiche no ma sentivo – giustamente – puzza di crisi e sapevo che le cose non sarebbero mai migliorate, Marito aveva cominciato a parlarne, i futuri nonni fremevano, la società mi diceva che era cosa buona e giusta. E insomma, io sono pigra in modo imbarazzante, e non sono riuscita a trovare nemmeno la voglia di pensarci su. “Boh ok magari proviamoci” ho buttato lì. Tre giorni dopo ero incinta. BOOM.

Sapevo che non sarei mai stata una di quelle che un bambino lo avrebbero voluto, cercato, bramato e adorato fin da subito. Sapevo che mi sarei dovuta auto-violentare per averne uno. E così è stato.

 …nonostante ME, la Gnoma è arrivata. E io, che nella vita non ero mai stata in grado di amare veramente qualcuno, io che mi commuovevo davanti alle puntate di Dexter perché mi sentivo esattamente come lui – sete di sangue a parte – ho scoperto di poter amare.

E se oggi qualcuno che non si è ancora deciso a fare o meno un bambino e che sta magari valutando l’idea di non averne affatto mi dovesse chiedere se ne vale la pena, non potrei che rispondere che sì, ne vale la pena.

Perché quando ti nasce un figlio scopri che prima di quel primo vagito stavi utilizzando il tuo cuore solo a metà. O forse, nel mio caso, non lo stavi usando affatto, ce l’avevi ancora lì, mezzo imballato, con lo scontrino ancora pinzato sopra. Quando diventi madre o padre scopri di poter provare sentimenti ed emozioni di cui semplicemente prima non potevi immaginare l’esistenza.

Magari prima di diventare genitore ti sentivi completo/a, pensavi di avere tutto e di aver già sperimentato tutto dalla vita. Magari, prima di diventare genitore, pensavi anche di sapere cosa fosse l’Amore.

Entrambi ci siamo ritrovati letteralmente spiazzati dai sentimenti che provavamo per quell’ammasso di ciccia molliccia che ci frignava in braccio ed entrambi ci siamo ritrovati a pensare che se qualcuno ci avesse detto prima in cosa consiste veramente diventare genitori, beh ci avremmo pensato diversi anni fa. O comunque non avremmo mai avuto dubbi in merito.

Se un ipotetico Spirito del Natale Futuro come quello del Canto di Natale di Dickens mi avesse preso per mano durante la gravidanza e trasportato, anche solo per pochi minuti, nel mio futuro da mamma, io quel pancione lo avrei amato molto di più. Sapendo che a schiacciarmi la vescica era quel piedino che oggi bacio con fervore, sapendo che a sferrarmi pugni nella pancia era quella manina che oggi stringe forte la mia, beh avrei amato ogni singolo attimo, ogni singolo dolore di quella gravidanza. Se solo avessi saputo, avrei amato Emma fin da quelle due lineette rosa. 

Che dire? L‘ondata emotiva di essere diventati genitori ha colpito sia la neo mamma che il neopapà.

E voi unimamme vi siete commosse leggendo questo bellissimo e intenso post dedicato alla maternità? Noi si ed ora aspettiamo l’annuncio di una seconda gravidanza…anche solo per leggere sul suo blog il post in cui Simona racconta “perchè dovresti avere almeno 2 figli…”. 😉

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta