In questa scuola i bambini imparano meglio grazie alle classi flessibili VIDEO

scuola flessibile

Una scuola flessibile, dove gli spazi non sono rigidamente prefissati e i bambini imparano in libertà. E imparano meglio. La stanno sperimentando negli Stati Uniti. Ecco di che cosa si tratta.

Scuola flessibile: le classi dove i bambini fanno lezione liberamente

Niente banchi dove gli studenti sono irreggimentati. Nella scuola flessibile, o meglio nelle classi flessibili, i bambini e i ragazzi si muovono liberamente, interagiscono con lo spazio e tra di loro. Con effetti positivi sull’apprendimento. Un metodo che stanno sperimentando nelle scuole pubbliche della contea di Albemarle. Ma non proprio è una novità, una libertà simile l’aveva già sperimentata Maria Montessori.

Il metodo introdotto negli Usa punta a potenziare le scelte degli studenti, aumentare il loro impegno e migliorare la loro partecipazione.

La classi flessibili danno agli studenti, bambini e adolescenti, la possibilità di scegliere lo spazio di apprendimento migliore per loro. Lo aiutano ad essere collaborativi, a comunicare e impegnarsi nel pensiero critico.

Da quando è stato introdotto questo metodo di scuola flessibile, nelle scuole della contea di Albermale hanno notato i seguenti cambiamenti:

  • i voti degli studenti sono migliorati
  • gli alunni appaiono più felici e impegnati
  • gli studenti sono più partecipi e hanno conversazioni più stimolanti

Scuola flessibile: come funziona

Ma come funziona questo metodo delle classi flessibili?


Agli studenti viene data la possibilità di scegliere come imparare. In classe i bambini non si siedono sui banchi, possono sedersi ovunque vogliano. Le classi sono organizzate apposta e sono sicure.

Gli insegnanti, poi, studiano il pensiero che c’è dietro la scelta degli alunni. Sono interessati a quelle scelte dei ragazzi, sulla loro posizione in classe, che richiedono molto tempo. Vogliono che non siano casuali, ma strategiche. i bambini devono scegliere consapevolmente dove mettersi.

Un’insegnante di seconda elementare ha disegnato l’immagine dei bambini quando entra in classe:

  • c’è chi è sdraiato sul pavimento
  • chi seduto sulle ginocchia ad un tavolo basso
  • chi si alza

Quando l’insegnante entra in classe, per prima cosa chiede a suoi alunni il motivo che sta dietro la scelta del loro spazio di apprendimento.

Questo aiuta i bambini a riconoscere le loro preferenze ed essere maggiormente consapevoli, anche quando sono piccoli. I bambini, inoltre, riescono ad elaborare e articolare i loro pensieri in modo compiuto. Soprattutto, imparano a scegliere cosa è meglio per loro. In questo modo lavorano meglio insieme e da soli.

Per applicare con successo il metodo delle classi flessibili, gli insegnanti devono

  • avere una visione della loro classe
  • essere disposti ad eliminare alcune attrezzature scolastiche tradizionali

In queste classi flessibili, gli insegnanti si impegnano per supportare il lavoro collaborativo tra i bambini. Un impegno che non si può portate avanti se gli insegnanti se ne stanno dietro ad una cattedra e i bambini sono isolati.

Le classi delle scuole di Albemarle funzionano perché hanno questi elementi:

  • hanno almeno tre tipi diversi di sedie
  • usano librerie flessibili
  • invece dei banchi singoli, utilizzano grandi tavoli, rotondi o rettangolari. Oppure mettono insieme quattro tavolini per creare uno spazio collaborativo più ampio, dove lavorare tutti insieme.

Le librerie flessibili funzionano così: possono essere spostate all’interno della classe, in modo da fare spazio o anche creare piccoli angoli o nicchie. Nel primo caso, tutti guardano tutti e possono partecipare come una comunità.

Molto importante è che i bambini abbiano un’ampia scelta di posti dove e come sedersi. I bambini possono sedersi su qualunque cosa, purché si sentano a loro agio. Vengono usati come sedie e sedili molti oggetti diversi e più originali, dai cuscini ai secchi alle casse.  Per i piani di lavoro vengono scelti tavoli di differente altezza e di solito con le ruote, per spostarli più facilmente.

In generale le classi flessibili utilizzano:

  • divani
  • sedie
  • letti a castello
  • canoe

Come fanno le classi a procurarsi tutto questo materiale? Un po’ ci pensa la scuola, per il resto lo procurano gli insegnanti chiedendo ai genitori di portare alcune sedie o arredi da casa che non utilizzano più, li acquistano dai mercatini di seconda mano nei quartieri alti o nei college, dove si trova materiale buono, oppure presso enti e associazioni, sempre materiale in buone condizioni. Oppure lanciano campagne di crowdfunding. Un impegno collettivo per migliorare l’apprendimento dei bambini.

Questo metodo innovativo è stato descritto sul sito web Eduotpia.

E voi unimamme che ne pensate? Pensate sia efficace questo tipo di scuola flessibile?

In merito vi ricordiamo il nostro articolo sulle scuole alternative in Italia.

Firma: valeria bellagamba

Notizie Correlate

Commenta