Finalmente spiegato perché i bambini ereditano l’intelligenza dalla mamma

Una serie di studi hanno stabilito da quale genitore si eredita l’intelligenza.


sacrificarsi per i figliL’intelligenza delle persone ha una componente ereditaria
, ma di recente gli scienziati hanno stabilito chi debbano ringraziare i piccoli,tra mamma e papà, per il loro acume.

Intelligenza dei bambini: da chi la ereditano?

I ricercatori hanno dimostrato che i bambini ereditano la loro intelligenza dalla mamma. Alla base di questo processo ci sarebbero i cosiddetti “geni condizionati” che si comportano diversamente a seconda delle loro origini.

Questi possiedono una sorta di etichetta biochimica che consente di risalire alle loro origini e di rivelare perfino se sono attivi o meno nelle cellule discendenti.

Si è scoperto che alcuni di questi geni condizionati provengono dalla mamma. Se invece vengono ereditati dal papà sono disattivati.

Uno dei primi studi su questo argomento è stato condotto nel 1984 presso la University of Cambridge.

In questa ricerca erano state seguite numerose donne, analizzando la co evoluzione del cervello e il condizionamento del genoma.

Si è giunti alla conclusione che i geni materni contribuiscono allo sviluppo dei centri di pensiero.

Nel primo esperimento sono stati creati embrioni di ratti che avessero solo geni della mamma o del papà.

Quando è arrivato il momento di trasferirli nell’utero della mamma sono morti, si è quindi dedotto che ci sono geni condizionati che si attivano quando vengono ereditati dalla mamma, essi sono vitali per lo sviluppo dell’embrione.

I geni del papà sono invece fondamentali per la crescita del tessuto che forma la placenta.

Successivamente i ricercatori hanno scoperto che gli embrioni potevano sopravvivere se le normali cellule embrionali venivano mantenute e il resto manipolato:

  • i topi con una dose extra di geni materni avevano teste e cervello grandi
  • quelli con una dose extra di geni paterni avevano cervelli piccoli e corpo grande

Poi sono state trovate le cellule che contenevano solo i geni paterni o materni in 6 diverse aree del cervello che a loro volta presiedevano a diverse funzioni cognitive.

Mentre l’embrione matura le cellule paterne si accumulano in zone specifiche:

  • ipotalamo
  • amigdala
  • area preottica
  • setto

Queste aree assicurano la nostra sopravvivenza e coinvolgono anche funzioni come:

  • sesso
  • cibo
  • aggressività

Non è stata trovata traccia di cellule paterne nelle zone del cervello che controllano diverse azioni cognitive come:

  • linguaggio
  • pianificazione

Gli studi sono stati approfonditi ed è emerso che l’intelligenza viene trasmessa dal cromosoma X e siccome le donne ne hanno 2 è più probabile che siano loro a trasmetterlo.

Un’altra ricerca svoltasi a Glasgow, in Scozia, ha preso in considerazione 12686 giovani tra i 12 e i 22 anni.

Queste persone sono state intervistate ogni anno dal 1994.

Sono stati presi in considerazione diversi fattori:

  • colore della pelle
  • educazione
  • stato socio economico

è emerso che il miglior predittore dell’intelligenza era quella della mamma.

Oltre alla genetica le mamme aiutano i figli a sviluppare la loro intelligenza attraverso il contatto fisico ed emotivo.

Uno studio dell’università del Minnesota ha dimostrato che i bimbi con un forte attaccamento alla mamma sviluppano la capacità di giocare con complessi giochi simbolici a 2 anni. I piccoli erano anche meno frustrati dal problem solving, ossia dal risolvere i problemi.

L’amore delle mamme e il legame con loro sono importantissimi per lo sviluppo del cervello dei bimbi. Una ricerca ha seguito le mamme per diversi anni:

  • le mamme che sostenevano i figli e soddisfacevano i bisogni emotivi ed intellettuali dei figli avevano bambini con un ipotalamo del 13% più grande di quelli le cui mamme erano emotivamente distanti

Il 40-60% dell’intelligenza viene ereditata, come riportato su Psychologhy Spot, il resto però dipende dall’ambiente, dagli stimoli e dalle caratteristiche personali.

E voi unimamme che ne pensate?

Noi vi lasciamo con 10 consigli per favorire l’intelligenza dei bambini.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta