SIDS: comprendere un meccanismo biologico per salvare migliaia di bambini

Uno studio recente ha scoperto che ci può essere una correlazione tra la morte in culla, i danni all’orecchio interno dei bambini e il livello di anidride carbonica presente nell’ambiente.

Sids

La SIDS, la Sindrome della morte in culla, ha ancora cause inspiegabili, anche se una ricerca recente sarebbe stata una svolta epocale.  

Altri studi hanno scoperto un ulteriore tassello che potrebbe aggiungersi ad una possibile diagnosi: la SIDS può essere infatti collegata a dei problemi all’orecchio.

SIDS: anidride carbonica e danni all’orecchio interno dei neonati

La SIDS può essere collegata all’accumulo di anidride carbonica e ai danni esistenti nell’orecchio interno secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuroscience .

L’autore Dr. Daniel Rubens, un anestesista e ricercatore presso l’Istituto di ricerca dei bambini di Seattle, dice che la scoperta potrebbe aiutare a capire la sequenza degli eventi e dei fattori di rischio che portano alle per SIDS.

Questo è potenzialmente un importante passo avanti nella comprensione delle basi biologiche di ciò che può essere la causa della SIDS,” ha dichiarato Rubens. Abbiamo scoperto che l’esposizione a livelli di anidride carbonica e di danni dell’orecchio interno nei topi hanno comportato una mancanza di movimento verso la sicurezza e l’aria fresca durante il sonno. Vogliamo mettere a punto questa scoperta e studiare il collegamento con l’anidride carbonica in modo più dettagliato.”

La SIDS è definita come la morte improvvisa che non può essere spiegata da qualsiasi altra causa, dopo una approfondita autopsia, l’esame della scena della morte e la revisione della storia clinica, ed è una delle principali cause di morte nei bambini da 1 a 12 mesi di età.

Il Dottor Fred Dore, un medico di medicina interna a Bremerton, Washington, è toccato da vicino da questa ricerca: sua sorella Christine è infatti morta per la SIDS. Suo padre, anch’esso un medico, ha sviluppato una legislazione che ha sollevato la consapevolezza sulla SIDS come un problema di salute pubblica. “Ora, quando i primi soccorsi entrano in una casa con un bambino, cercano condizioni non sicure come la posizione o una culla con le coperte e giocattoli a pelo e cercano di dare le informazioni utili per una corretta educazione”. 

Nello studio, Rubens ha esaminato l’equilibrio di ossigeno e anidride carbonica nell’ambiente del sonno dei topi. Lui e il dottor Nino Ramirez, direttore del Centro ricerche sul cervello a Seattle, hanno studiato le combinazioni di bassi livelli di ossigeno e l’aumento di anidride carbonica per esaminare come i diversi livelli di gas impattino i topi senza danni dell’orecchio interno contro i topi con danni dell’orecchio interno.

Essi hanno identificato una scoperta nuova e inaspettata: l’anidride carbonica non è stata lo stimolo per i movimenti di risveglio durante il sonno come ci si aspetterebbe. Questo sia in condizioni di sonno naturale sia durante un’anestesia leggera.

Abbiamo osservato che la mancanza di ossigeno è lo stimolo per i movimenti di sopravvivenza e che l’anidride carbonica sopprime questa risposta protettiva”, ha detto Rubens. “Questo in aggiunta al fatto che i danni all’orecchio interno sopprimano anche quei movimenti di protezione”. 

Il legame tra danni dell’orecchio interno e l’anidride carbonica potrebbe quindi essere la chiave per capire il motivo per cui i bambini apparentemente sani, che potrebbero avere danni all’orecchio che non è immediatamente evidenti, possono morire di SIDS

Più comprendiamo questi meccanismi biologici, meglio li possiamo studiare e sviluppare modi per identificare i bambini a rischio e intervenire prima  di una  morte tragica“, ha detto Rubens.

Come ha infatti dichiarato in occasione di una precedente ricerca, Ruben è convinto che siano necessari  maggiori test dell’udito entro 48 ore di vita e esami più approfonditi entro un mese. 

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla della morte in culla e le regole base che molti genitori ignorano. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta