Una pillola per la celiachia: il “rimedio” anti glutine sembra vicino

Alcuni scienziati stanno mettendo a punto una pillola per ridurre gli effetti del glutine sull’intestino delle persone celiache.

celiachia-nel-bambino

Care unimamme, forse conoscerete già la celiachia, un’intolleranza alimentare al glutine che colpisce sempre di più i nostri bambini.

Ora però gli scienziati stanno lavorando su una pillola che potrebbe aiutate le persone affette da questa malattia. Il glutine infatti si nasconde in moltissimi cibi, anche quelli in cui questo elemento non è specificatamente indicato.

La pillola Alv003 quindi potrebbe integrare perfettamente la dieta delle persone celiache e ridurre i danni provocati dal glutine.

Il farmaco non è ancora stato approvato, ma i risultati sono molto promettenti.

 

Come si è svolto lo studio?

  • sono state considerate 41 persone affette da celiachia
  • una parte ha ricevuto la pillola un’altra invece no
  • la sperimentazione è durata 6 settimane
  • ai partecipanti è stato chiesto di ingerire 2 grammi di glutine per 6 settimane

 

E i risultati?

Successivamente i ricercatori hanno analizzato piccoli campioni di intestino comparandoli con quelli presi precedentemente ai test. Dai risultati è emerso che i partecipanti che hanno preso il placebo avevano più infiammazioni intestinali di quelli che invece avevano preso la pillola.

I ricercatori però proseguono con i piedi di piombo.

La pillola non consentirà loro di mangiare una pizza spiega cauto Adelman, uno degli scienziati coinvolti nel progetto. Il farmaco infatti renderà solo più efficace, si spera, la dieta dei celiaci.

Adelman inoltre sta coordinando un ulteriore studio su 500 partecipanti per stabilire se questa pillola miracolosa può riparare i danni all’intestino causati  dalla celiachia.

Se tutto andrà bene e il farmaco sarà approvato potremo usufruirne nel 2018, fino a quel momento i celiaci dovranno armarsi di pazienza e aspettare.

Unimamme, avete persone affette in famiglia? Sarebbero felici di tale pillola?

 

 

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta