Viaggiare è imparare.

Un’altra vignetta di Gavin Aung Than per farci riflettere, questa volta sull’importanza del viaggio.

 

 

2012-08-21-travel

 

Si, viaggiare…

Trova il più ignorante, intollerante razzista e mandalo o mandala in giro per il mondo. Fai loro vivere ogni cultura, incontrare ogni razza di gente, trascorrere del tempo con diverse famiglie, mangiare, bere e ballare con loro – lasciali  immergersi nell’ospitalità in giro per il mondo, nella povertà e nella guerra. Sicuramente alla fine del viaggio avranno un atteggiamento completamente diverso.” Ecco il concetto che Gavin Aung Than, di cui precedentemente  abbiamo già parlato, vuole esprimere con questa vignetta, citando Mark Twain, scrittore americano autore, solo per citarne due, de:

  • Le avventure di Huckleberry Finn
  • Le avventure di Tom Sawyer.

La citazione, ripresa dal libro “The Innocents Abroad” (Innocenti all’estero), dice: “viaggiare è fatale ai pregiudizi, al bigottismo e alla chiusura mentale, e molti di noi ne hanno davvero bisogno sotto questo aspetto. Opinioni ampie, benefiche e morali su uomini e cose non possono essere acquisite vegetando in un piccolo angolo della terra per tutta una vita“.

E voi che ne pensate?

Siete d’accordo con lui?

Quanto serve viaggiare per “aprire la mente”?

 

Firma: Redazione Universo Mamma

Notizie Correlate

Commenta