Influenza, casi in aumento: i consigli degli esperti

bambini malati

In Italia è esplosa l’epidemia di influenza, con numerosi casi registrati durante la settimana di Natale. Molti bambini hanno passato le vacanze a letto, con febbre alta, raffreddore e tosse.

Secondo il bollettino dell’Istituto superiore di sanità nel periodo 25-31 dicembre 2017 sono stati registrati circa 673.000 casi di influenza. Nella settimana precedente gli italiani colpiti dal virus sono stati 387.000. Per un totale di circa 1 milione di persone ammalate. Dall’inizio della sorveglianza i casi complessivi di influenza sono stati circa 2.168.000. Molti casi riguardano i bambini. L’influenza ha colpito con intensità tutte le Regioni italiane, eccetto il Friuli Venezia Giulia, Veneto, Provincia di Bolzano e la Valle d’Aosta.

Influenza 2017/2018: i casi in Italia

Nell’ultima settimana dell’anno appena passato, dal 25 al 31 dicembre, si è verificato un brusco aumento dei casi di influenza in Italia in tutte le classi di età. Lo rileva il Rapporto epidemiologico InfluNet a cura del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità.

Il livello di incidenza in Italia dei casi di influenza, nell’ultima settimana dell’anno, è stato pari a 11,11 casi per mille assistiti, e ha già superato quello massimo raggiunto nella scorsa stagione. L’intensità dell’epidemia è ancora considerata media, ma si sta avvicinando molto al valore di 13,50 casi per mille assistiti che definisce un’intensità ‘alta’.

In quasi tutte le Regioni italiane il livello di incidenza è pari o superiore a dieci casi per mille assistiti, con l’eccezione di Friuli Venezia Giulia., Veneto, Provincia Autonoma di Bolzano e Valle d’Aosta, nelle quali l’incidenza è di circa quattro casi per mille assistiti. Invece, le Regioni più colpite, dove è stata superata la soglia dei 13,50 casi ogni mille assistiti, sono: Piemonte (14,48), Provincia Autonoma di Trento (22,02), Liguria (14,97), Marche (16,87), Basilicata (34,89), Calabria (21,57).

Incidenza dell’influenza in Italia, 25-31 dicembre 2017 (InfluNet)
La fascia di età maggiormente colpita dall’influenza è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni (0-4 anni), in cui si osserva un’incidenza di circa 29,17 casi per mille assistiti, e poi quella tra i 5 e 14 anni pari a 18,96 casi ogni mille assistiti.
Negli adulti, fascia 15-64 anni l’incidenza è di 10,07 casi; mentre tra gli anziani, persone di età pari o superiore a 65 anni, l’incidenza è di 6,27 casi ogni mille assistiti, anche in quest’ultimo caso in aumento.
Per ulteriori informazioni: Rapporto Influnet del 3 gennaio 2018.

Influenza: i consigli degli esperti

I bambini sono tra i soggetti più colpiti dall’influenza, perché trascorrono molto tempo all’interno di ambienti chiusi e affollati, in cui è maggiore il rischio di contagio, come scuole e asili.

I consigli degli esperti della Società Italiana di Pediatria per affrontare l’influenza nei bambini.

Come prevenire l’influenza

  1. lavare le mani frequentemente
  2. non scambiare ciucci e posate tra i bambini
  3. idratare bene i bambini
  4. far assumere frutta e verdura in quantità adeguate
  5. qualora prescritte dal Pediatra, non dimenticare di somministrare le vitamine
  6. curare il raffreddore con i lavaggi nasali
  7. evitare il contatto con persone con sintomi influenzali
  8. areare gli ambienti chiusi frequentemente
  9. vestire i bambini in modo adeguato: né troppo né troppo poco
  10. se i bambini rientrano nelle categorie consigliate, non dimenticare di somministrare loro il vaccino anti influenzale

Cosa fare un caso di febbre

  • Mettere il bambino a riposo, in un luogo comodo e non necessariamente a letto.
  • Evitare i rimedi della nonna: borsa d’acqua fredda sulla fronte o spugnature d’aceto. Al limite applicate spugnature di acqua tiepida, per dargli una sensazione di benessere.
  • Far bere il bambino, perché in presenza di febbre ha più bisogno di liquidi.
  • Usare i farmaci antipiretici solo quando la febbre è accompagnata da malessere generale, seguendo le indicazioni del pediatra. I farmaci usati in questi casi sono paracetamolo e ibuprofene, che non vanno usati combinati/alternati. È preferibile la somministrazione per bocca, solo in caso di vomito è utile la somministrazione per supposta.

Come si manifesta l’influenza e quanto dura

L’influenza si presenta normalmente con febbre improvvisa, spesso accompagnata da brividi, cefalea, dolori muscolari, inappetenza e sintomi respiratori, come tosse e raffreddore.

Il periodo di incubazione del virus è di solito di 1-4 giorni. La durata può variare da bambino a bambino, ma generalmente va da 5 a 8 giorni.

Nella maggior parte dei casi, l’influenza si risolve da sola. Tuttavia, è bene consultare il pediatra per escludere altre malattie che possono avere sintomi simili.

L’influenza intestinale, conosciuta come gastroenterite, è diversa dalla malattia causata dal virus dell’influenza: si presenta con vomito e/o diarrea e può dare febbre.

I casi in cui preoccuparsi e consultare subito il pediatra

  • il bambino è molto piccolo
  • sta molto male
  • rifiuta di mangiare e di bere.

Altri consigli

Il bambino deve rimanere a casa finché non è totalmente guarito, anche per evitare di contagiare i compagni di scuola. La febbre è un sintomo importante, ma non è l’unico elemento per decidere se il bambino sia guarito e possa tornare a scuola. Occorre verificare se vi è ancora malessere generale o tosse insistente. Non bisogna avere fretta ed è bene consultare il pediatra.

L’antibiotico non serve per curare l’influenza. Va somministrato ai bambini solo in alcuni casi e soprattutto solo su indicazione del medico. Infatti, l’antibiotico serve solo per curare un’eventuale complicanza batterica. Somministrare antibiotici a un bambino, se non necessario, non aiuta a far passare prima la febbre.

Per ulteriori informazioni consultate il sito web della Società italiana di pediatria.

Tutto chiaro unimamme? Seguirete queste indicazioni?

Vi ricordiamo il nostro articolo: 10 segnali per riconoscere l’influenza nei bambini

Influenza 2017/2018 in Italia