Ragazzina di 13 anni umiliata dal padre e dalla moglie di lui: la denuncia della mamma (FOTO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:27

Unimamme, oggi vi parliamo di un avvenimento capitato a una ragazzina che ci lascia davvero allibite.

Una ragazzina vive una brutta esperienza

La mamma di Christin Johnson aveva concesso alla figlia di farsi dei colpi di sole per celebrare il suo primo giorno da adolescente, avendo appena compiuto 13 anni.

La ragazzina era contenta e mamma e figlia hanno scattato alcune foto per ricordo.

I genitori di Christin sono divorziati, quando la mamma della ragazza è andata a prendere la figlia a casa del papà ha fatto una scoperta che non avrebbe voluto fare: i capelli di Christin erano stati tagliati cortissimi.

 

“Questa è come sembrava mia figlia quando l’ho riportata casa e le altre due foto testimoniano cosa è accaduto prima che tornasse da me, tutto questo perché aveva fatto dei colpi di sole per il compleanno”.

Il messaggio di denuncia della mamma, comparso su Facebook, ha ottenuto 33 mila Like e 21426 condivisioni.

La ragazza ha spiegato che il padre e la matrigna le avevano tagliato i capelli corti perché non approvavano i colpi di sole.

Naturalmente la mamma di Christin si è arrabbiata moltissimo e ha deciso di lottare per togliere la custodia condivisa all’ex marito.

Inizialmente era stata creata una pagina Facebook per raccogliere fondi per la battaglia legale ma successivamente è stata chiusa.

La nonna della ragazza, successivamente, ha portato la nipote in un salone di bellezza dove le hanno dato una parrucca coi capelli a lungo in modo che la ragazza si senta più a suo agio.

Ora la mamma di Christin ha aggiunto che la figlia si sente molto più a suo agio.

Il padre della ragazza e la compagna, che hanno organizzato il taglio di capelli, ora sono nel mirino dei servizi sociali.

Le indagini però sono ancora alle prime battute.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questo spiacevole episodio?
Cosa avreste fatto al posto della mamma di Christin?

Noi vi lasciamo con un’altra storia in cui una suocera ha rapato a zero una bambina.