Poliziotti Babbi Natale per i bambini ricoverati all’Umberto I di Roma (video)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24
poliziotti babbi natale
I Babbo Natale dei Nocs (screenshot video)

Poliziotti Babbi Natale per i bambini ricoverati presso la pediatria del Policlinico Umberto I di Roma.

Gli agenti del Nocs della Polizia di Stato si sono esibiti in spettacolari acrobazie, vestiti da Babbo Natale, per i bambini ricoverati nella Clinica pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma. Una sorpresa per fare gli auguri di buon Natale ai piccoli pazienti.

Poliziotti Babbi Natale per i bambini dell’Umberto I

Dopo Torino e l’Ospedale Regina Margherita, questa volta è toccato al Policlinico Umberto I di Roma per uno spettacolo di Babbi Natale arrivati per portare qualche attimo di gioia ai bambini ricoverati in ospedale.

La mattina del 21 dicembre, sotto il sole splendente e il cielo azzurro di Roma un gruppo di agenti speciali dei Nocs della Polizia di Stato si è calato dal tetto del policlinico e da una torre vicina, regalando ai bambini uno spettacolo emozionante e divertente.

Poliziotti Babbi Natale con eccezionali doti di acrobati, da fare invidia al “vero Babbo Natale” che nella notte della Vigilia dovrà calarsi nei camini o entrare dalla finestra delle case di tutti i bambini. Con un fisico decisamente più atletico, ma vestiti di tutto punto di rosso e con la barba bianca i poliziotti Babbi Natale hanno “preso d’assalto” l’ospedale romano, prima prima rimanendo sospesi in aria dal cavo tirato da un edificio a fianco, e poi scendendo a terra dal tetto della clinica pediatrica dell’Umberto I, sempre con un cavo. Mentre scendevano i poliziotti Babbi Natale hanno salutato con la mano i bimbi affacciati alle finestre della clinica.

poliziotti babbi natale
I Babbo Natale dei Nocs (screenshot video)

Con gli occhi pieni di meraviglia, i bambini hanno ammirato lo spettacolo acrobatico restando con il naso all’insù e per un momento dimenticando malattie e terapie. Un momento di sollievo e di allegria anche per i genitori dei piccoli pazienti.

Una volta a terra, gli agenti del Nocs vestiti da Babbo Natale sono entrati nella clinica pediatrica per portare doni ai piccoli pazienti.

Le immagini video e fotografiche sono state pubblicate sui canali social del Policlinico Umberto I e della Polizia di Stato.

poliziotti babbi natale
Poliziotto Babbo Natale dei Nocs (screenshot video)

Il direttore del Policlinico Umberto I, Vincenzo Panella, ha spiegato a Roma Today: “Tutti gli anni le Forze dell’ordine organizzano un momento natalizio con i bambini della clinica pediatrica. Quest’anno ad organizzarlo è stata la Polizia di Stato che ha fatto una cosa veramente particolare e che rimarrà sicuramente nella memoria. L’Umberto I prova a far passare un Natale il più sereno possibile ai ricoverati che non possono tornare a casa durante il periodo di feste. In particolare, in cima ai nostri pensieri ci sono i bambini e le famiglie che sono insieme a loro nei nostri reparti. Le Forze dell’ordine ci danno una mano donando questi momenti di letizia e distrazione che servono a portare il clima natalizio anche dentro una corsia d’ospedale. Noi siamo grati loro e spero che quello di oggi sia stato anche per i nostri ospiti un momento di serenità, perché se lo meritano veramente“.

Che dire unimamme? Momenti di gioia, divertimento e commozione per i piccoli pazienti e le loro famiglie.

Ecco il video pubblicato sul profilo twitter della Polizia di Stato con i poliziotti Babbi Natale acrobati.

Volendo invece capire esattamente chi sono i Nocs e cosa fanno, direttamente dal sito della Polizia di Stato riportiamo la descrizione:

“Il Nocs (Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza) è un gruppo speciale della Polizia di Stato addestrato per portare a termine operazioni ad alto rischio, come la liberazione di ostaggi, le irruzioni in ogni ambiente per la cattura di criminali e terroristi, la protezione di alte personalità istituzionali italiane in particolari situazioni di pericolo e la tutela di personalità straniere in visita in Italia.”

Più speciale di Babbo Natale però non ce n’è!