Taranto: violenze sui quattro minori e disabili, arrestata anche la madre

Traumi e bambiniA Taranto quattro fratelli minori e con una disabilita sono stati maltrattati ripetutamente da tre adulti. Tra di loro anche la madre dei bambini.

Una donna insieme al compagno ed ad un amico di famiglia avrebbe violentato i suoi figli minori. Gli episodi di violenza andavano avanti da diversi anni. I bambini hanno un’età compresa tra i 6 ed i 14 anni.

Il caso è venuto a conoscenza quando alla donna sono stati tolti i figli. Sono stati affidati ad una casa famiglia e poi a delle famiglie adottive a seguito delle condizioni di abbandono in cui vivevano, malnutriti e non frequentavano la scuola.
La mamma delle vittime ed i suoi complici sono stati arrestati dalla polizia di Taranto.

Quattro fratelli cresciuti con patatine e pop corn. Abusati da tre persone, compresa la loro madre

Le vittime di questa storia orribile ed assurda sono quattro fratelli che oggi hanno 14, 12, 9 e 6 anni. I bambini hanno tutti una disabilità intellettiva.

I bambini sono cresciuti in condizioni degradanti. Non andavano a scuola e subivano continui maltrattamenti.
I piccoli erano spesso lasciati da soli in casa senza una supervisione da parte di un adulto. Vivevano con la madre ed il compagno della donna che non provvedevano nemmeno alla loro alimentazione. Venivano nutriti da patatine, pop corn e bevande gassate. Inoltre la loro igiene personale era inesistente.

Nell’estate del 2018 i servizi sociali avevano segnalato all’autorità giudiziaria le condizioni dei bambini. Erano stati segnalati i presunti abusi sessuali subiti da due dei quattro fratellini, quelli che oggi hanno 14 e 9 anni. Gli abusi erano da parte della madre, dal compagno e da un terzo uomo. I bambini chiamavano quest’ultimo con un nomignolo, ma le forze dell’ordine, in seguito, lo hanno identificato.

I due fratelli hanno anche raccontato che gli altri due fratelli, 12 e 6 anni, erano stati anche loro vittime dei tre aguzzini. Si sono confidati con gli operatori sociali della casa famiglia dove erano stati affidati.
In seguito sono stati affidati ad altre famiglie come disposto dal Tribunale dei minorenni di Taranto nell’ottobre 2017. Non potevano più vivere nella loro abitazione a causa del totale abbandono.
Sono subito stati notati che i bambini avevano comportamenti anomali e “sessualizzati“, causati dai maltrattamenti che avevano subito.

Le violenze avvenivano nell’abitazione familiare ed anche in un’altra casa diroccata

Le violenze alle quali i bambini erano continuamente sottoposti avvenivano in due case. Sia nell’abitazione della famiglia e sia nella casa di campagna dell’amico. L’amico di famiglia, un pregiudicato, era un casolare in campagna in disuso e diroccato. Aveva un terreno circostante sul quale pascolano cavalli e mucche.

Il posto è stato individuato grazie a dei dettagli che hanno fornito i bambini stessi.

Durante l’indagine, gli agenti hanno potuto accertare che tutti e quattro i bambini hanno subito violenze.
L’accusa contro la madre dei bambini ed i due uomini è di violenza sessuale continuata in concorso e maltrattamenti. In più c’è l’aggravante data dall’età dei bambini all’epoca dei fatti. Infatti i bambini avevano tutti meno di 10 anni. La più piccola dei quattro ha subito maltrattamenti da quando aveva solo 3 anni.

L’arresto dei tre adulti è stato eseguito dopo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip su richiesta del sostituto procuratore.

Leggi anche > Bimba di 22 mesi picchiata dal compagno della madre: è in pericolo di vita

Voi unimamme eravate a conoscenza di questa brutta vicenda?