Ragazza legata e “bullizzata” dai compagni a scuola

ragazza legata durante assemblea istituto
fonte: iStock

Una quindicenne che frequenta un istituto superiore di Pistoia è stata legata a un palo e bullizzata dai compagni durante un’assemblea.

La questura di Pistoia deve fare i conti con una vicenda sulla cui ricostruzione circolano diversi dubbi.

Adolescente: legata durante assemblea, si indaga

Nel corso dell’assemblea d’istituto in una scuola superiore di Pistoia, svoltasi il 28 febbraio scorso, una quindicenne sarebbe stata legata dai compagni e poi ricoperta di scritte con il pennarello.

La vicenda si è svolta presso il Liceo artistico Petrocchi.

Secondo la prima ricostruzione la giovane avrebbe portato da bere e avrebbe abusato dell’alcol fino a perdere i sensi. A quel punto un gruppo di ragazzi e ragazze l’avrebbero legata a un palo con lo scotch e poi le avrebbero “tatuato” frasi volgari sul viso con i pennarelli.

La vicenda però, come accennavamo, ha dei punti oscuri.

Stando alle fonti dell’Ansa la ragazzina, che frequenta il primo anno, ha rifiutato di sottoporsi ad analisi mediche in ospedale. I medici non hanno stilato un referto e su di lei non sono state rinvenute ferite.

Non sono stati stati riscontrate segni di nastro sulla bocca o lesioni.

Alla questura di Pisa non risulta che la ragazzina abbia subito bullismo o violenze.

Inoltre, secondo le prime indagini nessuno avrebbe indotto la giovane a bere alcolici.

Nel frattempo la Digos sta controllando i video di quanto accaduto registrati nei telefonini dei presenti.

In un filmato si vede l’adolescente per terra, semisvenuta, mentre altri ragazzi sono intorno a lei.

Dalle immagini però non emergono elementi che potrebbero far pensare ad aggressioni o bullismo.

I ragazzi del filmato saranno ascoltati presto, mentre altri sono in corso di indivduazione. Anche la quindicenne verrà ascoltata.

A ogni modo la sua famiglia non ha sporto denuncia.

Unimamme, cosa ne pensate di quanto raccontato su Repubblica?

Dagli elementi presentati secondo voi come si sono svolte le cose?

Leggi anche > Dipendenze nei ragazzi, cosa devono sapere i genitori