“BimBumBapp”: l’app pensata per garantire la sicurezza dei bambini

rientro a scuolaL’app “BimBumBapp” per monitorare la presenza del bambino a scuola. Inoltre ci sono diversi servizi per mettere in comunicazione le famiglie con la scuola. 

Negli asili nido della provincia di Grosseto sarà attivata un’iniziativa che prende il nome di “BimBumBapp”. Si tratta di un App che permette ai genitori di comunicare con la struttura per dare informazioni puntuali, in tempo reale, sulle attività giornaliere e sui principali aspetti della vita scolastica.

Un’iniziativa nata grazie ad un progetto della cooperativa sociale Giocolare, che gestisce con il Consorzio Co&so parte dei servizi all’infanzia comunali, e fortemente voluta dal Comune di Grosseto.

BimBumBapp: l’App che monitora l’effettiva presenza del bambino a scuola ed anche di più

L’app “BimBumBapp” è un app innovativa e che sta per essere utilizzati negli asili nido e scuola primaria dei comuni in provincia di Grosseto. Si tratta di un app che permette di mettere in comunicazione la scuola ed i genitori, la famiglia dell’alunno. I Genitori hanno una finestra aperta sul loro bambino e possono vedere in tempo reale le informazioni che la struttura mette a disposizione:

  • Diario Giornaliero, ovvero le indicazioni sulle attività quotidiane svolte dal bambino e consultabili dal genitore le
  • Foto del bambino e delle attività svolte
  • Presenze del bambino, con la possibilità da parte del genitore di notificare preventivamente le assenze e sistema di sicurezza che notifica il genitore per assenze non preventivamente giustificate, con la funzione Appello. La funzione di allarme sull’appello giornaliero invia una notifica in caso di assenza non preventivamente giustificata, in modo da allertare il genitore ed evitare spiacevoli incidenti.
Credits: App BimBumBapp
  • Apertura di Ticket, ovvero segnalazioni inviate dai genitori alla Struttura che sono presentate agli Operatori, che ne confermano la presa visione.
Credits: App BimBumBapp

“BimBumBapp” sarà resa operativa grazie alla fornitura dell’hardware necessario per l’installazione dell’applicazione da parte di Pam Panorama. La società donerà quattro dei sette tablet a disposizione del personale di ogni struttura per la prima infanzia, come riportato da La Nazione.

Con l’app ‘BimBumBapp’ si andrà a semplificare la gestione dei servizi educativi per l’infanzia. Sia per gli educatori, sia per gli operatori del settore ed anche per le famiglie interessate.

L’assessore ai servizi educativi, Chiara Veltroni, conferma l’aiuto che questa app porterà: “È sempre stata una priorità di questa amministrazione quella di garantire la più armonica collaborazione fra le due istituzioni formative basilari per la vita del bambino. Scuola e famiglia avranno adesso un canale comunicativo privilegiato, veloce ed efficace, un alleato prezioso per poter svolgere le proprie rispettive funzioni al meglio. Tale strumento risulta, pertanto, utile al fine anche di prevenire i fenomeni di abbandono in auto, grazie all’invio di un messaggio al genitore nel caso di assenza del figlio. Siamo finalmente giunti alla conclusione di un percorso, iniziato circa un anno fa, partito in via sperimentale nel nido ‘Il Sole’ di via Pirandello, gestito dalla cooperativa Giocolare, ed esteso successivamente agli altri nidi comunali tramite cooperativa nonché a quelli a gestione diretta”.

Anche per il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, l’app è importante: “È importante introdurre questo sistema di monitoraggio, per rendere più agevole la missione degli addetti ai lavori ed attivare un circolo virtuoso fatto di collaborazione e dialogo fra educatori e genitori. Sarà un filo diretto inedito, tecnologico e innovativo per avere un punto preciso sull’attività del bambino, sotto i più svariati aspetti. Inoltre, è un passo avanti fondamentale nell’ottica della sicurezza: il nostro imperativo, anche e soprattutto quando si parla dei nostri figli, è categoricamente quello di puntare sempre più ai massimi standard di tutela. Ad esempio, in caso di assenza di un bambino il genitore verrà subito avvisato grazie ad un sistema di messaggistica reso possibile dall’app…

Il presidente dell’associazione Giocolare, Andrea Fornari, come riportato da Il Giunco, comunica che l’iniziativa riguarderà le scuole di tutti i comuni: “Dopo aver sperimentato la app per quanto riguarda la funzione ‘Appello’, nei 3 nidi del comune di Grosseto e nel polo Arcobaleno che gestiamo con il consorzio Co&so , abbiamo concluso il percorso per avviare la stessa funzione in tutti i nidi comunali. La nostra percezione è che le famiglie e il personale abbiano compreso le potenzialità di questo strumento che supporterà le tradizionali modalità di comunicazione tra servizi e famiglie. Sulla base delle indicazioni dell’Amministrazione comunale potremo sperimentare e attivare anche funzioni come gli aggiornamenti sugli eventi del servizio, le informazioni giornaliere su attività ordinarie e le informazioni personalizzate”.

Leggi anche > Bambini sordi: una app per tradurre i libri nel linguaggio dei segni

Voi unimamme eravate a conoscenza di questa app? La trovate utile?