Noemi migliora e lascia la Rianimazione per stare con i genitori – FOTO
Noemi migliora e lascia la Rianimazione per stare con i genitori – FOTO

Noemi migliora e lascia la Rianimazione per stare con i genitori – FOTO

Noemi
fonte foto: notizie.it

Noemi, ferita durante una sparatoria a Napoli, ha cambiato reparto.

Unimamme, dal capezzale di Noemi, presso l’Ospedale Santobono di Napoli, dove giace la piccola di 4 anni ferita in un attentato camorristico in piazza Nazionale, giungono ottime notizie.

Noemi: ottime notizie sulla sua guarigione

Noemi è stata trasferita dalla stanza di Rianimazione a un reparto dell’ospedale dove potrà trascorrere più tempo con la mamma e il papà e usufruire di tutti i giochi che le sno stati regalati nel corso di questo mese trascorso in ospedale.

I medici hanno deciso di sposare la bambina dopo una tac di controllo tramite cui hanno accertato i progressi clinici di Noemi.

Nel nuovo reparto la piccola inizierà l’assistenza riabilitativa post intensiva per alcuni giorni, per poi essere sottoposta alla vera riabilitazione.

Forse ricorderete che Noemi era arrivata in ospedale in gravi condizioni, tanto da far temere per le sua sopravvivenza.

Il proiettile che l’aveva colpita aveva perforato entrambi i polmoni, fratturato la scapola destra e una vertebra.

Ora però, Noemi, dopo essere uscita dal coma, respira da sola e mangia normalmente.

Il medico che l’aveva operata aveva dichiarato: “mai vista una cosa così tragica”.

Forse ricorderete che questa bambina si trovava nel centro del capoluogo partenopeo insieme alla nonna quando un uomo aveva iniziato a sparare in pieno giorno, tra i clienti del bar, per uccidere il pregiudicato Salvatore Nurcaro.

Il ferimento della piccina aveva scosso profondamente Napoli che le aveva fatto espresso la propria solidarietà con una veglia di preghiera a cui avevano partecipato centinaia di persone.

I genitori di Noemi, da parte loro, Fabio e Tatiana, di 25 e 22 anni, avevano chiesto solo giustizia per la loro piccina.

Per il ferimento della bimba ora è in carcere Armando Del Re, un ventottenne figlio di un boss del narcotraffico, accusato insieme al fratello minore di 18 anni.

Unimamme, noi speriamo che Noemi si riprenda presto in modo completo e possa tornare a casa.

Voi cosa ne pensate di questi ultimi aggiornamenti sulla sua salute riportati su Repubblica?