Panico al parco acquatico: “Bolle e sangue sui piedi dei bambini”

Credits: FanPage

In un parco acquatico è scoppiato il panico quando dei genitori hanno segnalato che i bambini avevano bolle e sangue sui piedi. Allertata la Polizia.

Una domenica che doveva essere un momento di divertimento con la propria famiglia si è trasformata in giorno da dimenticare per molti genitori. Il panico si è scatenato al parco acquatico “Pareo Park” di Giugliano, un comune in provincia di Napoli. Molte persone hanno denunciato, anche attraverso i social, che hanno trovato macchie rosse e sangue sui piedi dei bambini dopo che hanno usato le piscine.

Le lesioni erano anche sul corpo, ma la direzione del parco ha replicato l’estraneità dei fatti: “L’acqua era pulita, nessuna contaminazione, voci false”. Intanto sono stati molti gli accessi al pronto soccorso della città.

Il Pareo Park è l’ex parco acquatico Magic World che è stato aperto ieri, dopo un lungo periodo di chiusura.  È considerato “il parco acquatico più grande del Sud Italia”, occupa secondo i numeri dell’azienda 200 addetti.  All’inaugurazione nel luglio 2017 presero parte, fra gli altri, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e Giulio Rapetti Mogol, direttore artistico del futuro Palazzetto della Musica. L’azienda che gestisce la struttura è la Partenope Investment srl Pareo Park.

 

Panico al parco acquatico di Giugliano: “Infezioni prese in piscina”

Su Facebook sono apparse tante foto di bambini che presentavano chiazze rosse su tutto il corpo, bolle sanguinolenti sui polpastrelli e sulle dita dei piedi, come riportato da FanPage.

A seguito di queste foto è scoppiato il caos nell’acqua park di Giugliano, Il “Pareo Park” ex Magic World, perché i genitori dei bambini hanno dichiarato che i piccoli avevano queste lesioni sulla pelle dopo che si sono recati nelle piscine della struttura.

Parco acquatico “Pareo Park”. Credits: Facebbok di “Pareo Park”.

L’allarme è stato dato da delle madri, che intorno alle 14.30, hanno allertato i bagnini per segnalare le bolle. In molti hanno poi richiesto anche l’intervento delle autombulanze.

Come spesso accade, in molti hanno denunciato l’accaduto sui social: “Caos al Pareo Park le infezioni prese nelle piscine….. Tutti i bambini con i piedi insanguinati e pieni di bolle e per di più nessun responsabile presente  Cose allucinanti”.

Così, a seguito delle lamentele, sono accorsi sul posto la Polizia di Stato che è stata chiamata dal personale della struttura.

La Polizia a raccolto tutte le testimonianze, tra le quale c’era quella di chi asseriva che all’improvviso il colore dell’acqua delle piscine sia diventato verde. Le indagini sono ancora in corso per verificare se nell’acqua fossero presenti delle sostanze urticanti. Molti dei bambini sono stati portati al pronto soccorso, divisi tra il San Giuliano, La Schiana di Pozzuoli e il Santobono-Pausilipon di Napoli. A quanto appreso successivamente, all’ospedale La Schiana di Pozzuoli sono giunte nel pomeriggio, accompagnati dai genitori “10/15 bambini arrivati dal Pareo Park per una leggera reazione cutanea ai piedini e alle mani”.

La replica della direzione non tarda ad arrivare: “Hanno messo in giro voci fasulle”

Dalla direzione fanno sapere che l’acqua era pulita e le accuse sono senza fondamento, attraverso un video in diretta su Facebook, che però poi è stato cancellato.  Nel video fano sapere che: “Hanno messo voci in giro totalmente fasulle, c’è ancora gente che prende il sole. La polizia è intervenuta solo per calmare le 20 persone che volevano mettere in giro queste voci. Tra poco pubblicheremo anche le foto delle analisi dell’acqua, fatte davanti alla polizia, per dimostrare che non c’era assolutamente nulla nell’acqua”.

Sulla pagine Facebook del parco è stato scritto: “La direzione del Pareo Park smentisce in maniera categorica che nella giornata di oggi, domenica 23 giugno, il parco sia mai stato posto sotto sequestro dalle autorità competenti. Pertanto lunedì 24 giugno il parco sarà regolarmente aperto al pubblico dalle ore 10 alle 18”.

I commenti sotto al post sono tanti alcuni utenti hanno pubblicato le foto di mani e piedi con le lesioni ed alcuni anche hanno caricato foto dell’acqua delle piscine.

Leggi anche > Bambino di un anno ingerisce droga: “l’ha trovata al parco giochi”

Voi unimamme cosa ne pensate, si farà chiarezza sulla vicenda?