Alcol, il binge drinking riduce il volume dei testicoli negli adolescenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:01
alcol binge drinking
Alcol (iStock)

Alcol, il binge drinking riduce il volume dei testicoli negli adolescenti. Lo studio italiano.

Che l’alcol faccia male, soprattutto nei giovani, è cosa risaputa. Ora uno studio scientifico, condotto in Italia, ci dice che l’abuso di alcol rischia di compromettere lo sviluppo sessuale dei ragazzi, in particolar modo dei maschi, influendo negativamente sulla crescita dei testicoli. Cosa c’è da sapere.

Alcol, il binge drinking compromette lo sviluppo sessuale dei ragazzi

Attenzione all’alcol, bandito per i minorenni, anche per i neo maggiorenni è dannoso e può avere pensanti conseguenze sul loro sviluppo sessuale. È quanto ha scoperto uno studio italiano condotto su oltre 10mila giovani, pubblicato sulla rivista scientifica Andrology l’11 giugno scorso.

Lo studio ha stabilito che l’abuso di alcol tra i giovani, in particolare il cosiddetto “binge drinking“, ovvero le bevute di grandi quantità di alcolici, anche di diverso tipo, rischia di compromettere lo sviluppo dei testicoli, che rimangono di volume ridotto,  con conseguenze sulla salute sessuale.

Per la loro ricerca gli studiosi italiani hanno utilizzato i dati del sondaggio “Amico Andrologo”, un programma permanente di sorveglianza nazionale coordinato dalla Università Sapienza di Roma, condotto dalla Società Italiana di Andrologia e Medicina Sessuale (Siams) con il supporto del Ministero della Salute. Il sondaggio è stato effettuato su studenti di sesso maschile dell’ultimo anno delle scuole superiori, ragazzi di 18 e 19 anni di età, e ha incluso 10.124 interviste strutturate e 3.816 esami medici. Quindi, domande ai ragazzi, visite ed esami clinici.

Dal sondaggio è emerso che il 16,6% dei soggetti era in sovrappeso, il 3% era sottopeso e il 2,3% era obeso. Inoltre, il 32,6% degli intervistati fumava, l’80,6% beveva alcol e il 46,5% assumeva droghe. Tra gli studenti sessualmente attivi, il 60,3% dei ragazzi, quasi la metà, il 48%, faceva sesso non protetto.

Di questi ragazzi esaminati, poi, solo l’11,6% era stato trattato per disturbi andrologici nonostante gli esami clinici rilevassero disturbi nel 34,6% dei partecipanti al sondaggio. Tra questi problemi sono risultati prevalenti:

  • la riduzione del volume dei testicoli (14%),
  • il varicocele (27%),
  • la fimosi (7%),
  • l’eiaculazione precoce (5%),
  • le infezioni trasmesse sessualmente (4,7%).

Gli studiosi hanno osservato che l’abuso di alcol e nello specifico il binge drinking erano strettamente correlati con la riduzione del volume dei testicoli. Oltre all’abuso di alcol, determinanti nella crescita ridotta dei testicoli sono risultati anche l’essere sottopeso e l’uso di droghe. In genere, i comportamenti a rischio si sono rivelati significativi elementi di previsione dell’ipotrofia testicolare.

C’è una tendenza in crescita di comportamenti a rischio negli studenti maschi delle scuole superiori, afferma lo studio italiano. Una parte importante di adolescenti di sesso maschile con disturbi andrologici non sospetti tiene comportamenti che potrebbero comprometter lo sviluppo dei loro testicoli.

Non è la prima volta che gli andrologi italiani affermano che bere troppo alcol riduce le dimensioni dei testicoli,. Alla stessa conclusione erano arrivati già alcuni anni fa, sempre sulla base dei dati del sondaggio “Amico Andrologo”. Questo, però, è un ulteriore studio ed è stato pubblicato anche su una rivista scientifica.

Daniele Gianfrilli, primo autore dello studio e ricercatore della Scuola di Endocrinologia dell’Università Sapienza di Roma, ha spiegato all’Ansa che “la grandezza dei testicoli è un indice della salute riproduttiva nell’uomo, e una diminuzione potrebbe essere collegata a una ridotta capacità di produrre spermatozoi“. Pertanto, lo studioso ha sottolineato che “nell’adolescenza è necessaria una maggiore attenzione alla prevenzione della salute andrologica“.

Una raccomandazione che vale non solo per il consumo di alcol, ma anche per la prevenzione in generale.

Che ne pensate unimamme? Fate attenzione al consumo di alcol dei vostri figli?

Leggi anche –> Dipendenza da alcol e droga nei minori: l’allarme del Garante per l’Infanzia