Una bambina si è sacrificata durante una sparatoria per aiutare un parente – FOTO

Keyla Salazar
fonte: Go Fund me

Una bimba di 13 anni è morta durante il Gilroy Garlic Festival per aiutare un parente.

Unimamme, forse la strage del Gilroy Garlic Festival, non ha avuto la stessa risonanza che ha avuto in America, a ogni modo si è trattato dell’ennesima sparatoria in cui sono morte 4 persone, tra cui alcuni bambini.

Bambina muore per aiutare un parente

Tra le 4 vittime di Santino William, un diciannovenne armato con un fucile d’assalto A 47 c’era anche la tredicenne Keyla Salazar, che avrebbe compiuto 14 anni settimana prossima.

La ragazzina si trovava al festival culinario insieme alle due sorelle, la mamma e il patrigno quando sono risuonati i primi colpi.

Mentre le persone iniziavano a fuggire sua zia Katiuska Vargas ha detto che la nipotina è rimasta indietro per aiutare un parente che per muoversi usava un bastone. Poi Keyla e il patrigno Lalo sono stati divisi dagli spari.

Lalo è rimasto ferito a un braccio, mentre alle 2 del mattino la famiglia ha ricevuto la telefonata che non avrebbe mai voluto ricevere e che comunicava la morte della piccola.

Keyla viene ricordata come una bambina a cui piacevano i Pokemon Go e che voleva molto bene al suo chihuahua.

“Keyla era una bellissima bambina che si preoccupava per le altre persone e gli animali” ha detto Lorena, la sua mamma.

La zia Katiuska ha scritto: “non ho parole per esprimere il dolore che sto sentendo, eri troppo giovane per esserci portata via, siamo tutti devastati e disperati”.

Oltre a Keyla è morto anche un bimbo di 6 anni: Stephen Romero.

Su Go FUnd me è stata aperta per aiutare i sopravvissuti della strage, ma anche per aiutare la famiglia di Keyla.

Il killer è stato ucciso sul posto.

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda di cui si parla su Aol?

leggi anche > Un ragazzo di 17 anni compie una strage a scuola: morte 10 persone (FOTO & VIDEO)