Bagnanti si offrono come baby-sitter per la figlia dell’ambulante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40
0
26
Creditis: Facebook di Desirè Nica

Alcuni bagnanti si sono offerti come baby-sitter per la figlia di tre anni di un’ambulante che vendeva la sua merce sulla spiaggia di San Vito lo Capo.

Una bellissima storia di integrazione e di altruismo è quella che è stata raccontata dal profilo Facebook di una donna e mamma di Roma che si trovava in vacanza a Trapani.

Desirè Nica racconta di come un gruppo di bagnanti abbia fatto da baby-sitter ad una bambina la cui mamma è un’ambulante che vende della merce sulla spiaggia. Desirè Nica racconta “l’Italia, quella bella”.

Bagnanti fanno i baby-sitter della figlia di un’ambulante: “Lavora tranquilla”

Qualche giorno fa, una venditrice ambulante stava camminando sulla spiaggia di San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, uno dei più famosi e belli luoghi di villeggiatura in Sicilia. La donna non era sola, con lei anche la figlia piccola di tre anni che seguiva la madre sotto il sole rovente. Sulla spiaggia c’erano tante mamma con i loro figli che erano li in vacanza.

Una di loro, Desirè Nica, ha poi raccontato cosa è successo sulla spiaggia quando è arrivata la venditrice ambulante e la figlia, in un post sul suo profilo di Facebook: “Sono le 13.00, e arriva sulla spiaggia uno dei tanti ambulanti che cercano di vendere qualcosa. Solo che stavolta è donna. Solo che stavolta è mamma. Ha una cesta enorme che tiene in bilico sulla testa, con dentro tutto ciò che vorrebbe vendere, e dietro, legata sulla fascia, la sua bambina. Avrà 2 anni e mezzo, 3 al massimo. Sta sotto al sole in groppa alla sua mamma mi chiedo da chissà quante ore. Subito mi sento in difficoltà“.

Creditis: Facebook di Desirè Nica

Il post è stato condiviso tantissime volte ed ha ricevuto più di 20.000 like. Desirè continua a raccontare: “Guardo mia figlia e penso che sono 3 ore che mi affanno per farle scegliere cosa mangiare, per coprirle la testa dal sole, per stare attenta che non beva acqua troppo fredda. Dico a Gabri che vado a comprare qualcosa da quella mamma e che vado a portare un po’ di frutta fresca alla bimba e darle qualcosa da mangiare“.

A questo punto la sua sorpresa: “Ma non c’è stato bisogno di fare niente. Perché oggi l’Italia bella è stata quella delle mie vicine di ombrellone che tutte insieme hanno detto a quella mamma come loro, di andare a lavorare tranquilla, perché alla sua bambina ci avrebbero pensato loro. Ed è proprio così che è andata“.

La donna ha accolto l’offerta delle altre mamme ed ha lasciato lì la piccola: “La mamma ha continuato il suo giro per le spiagge, e la piccola ha mangiato insieme a tutti i nostri figli sotto l’ombra del ristorante dello stabilimento, ha giocato sulla riva, ha fatto i gavettoni insieme agli altri bambini della spiaggia. E io oggi sono felice, perché è stato davvero bello vedere tutto questo”.

Come riportato anche da Il Fatto Quotidiano, Desirè Nica è stata intervistata ai microfoni di Radio Capital. Ha raccontato di quel giorno per lei meraviglioso : “Avevo visto questa bimba dell’età di mia figlia… Da quando sono diventata mamma, tutti i figli sono figli miei. Mi ha colpito il vedere tutte queste mamme che si sono messe insieme per aiutarne un’altra”.

Leggi anche > LA SPIAGGIA ACCESSIBILE PER I BAMBINI RICOVERATI, IL PROGETTO DEL BAMBINO GESU’

Sotto il suo post ci sono stati tanti commenti positivi, ma come spesso accade, c’è anche chi è andato contro il gesto. Desirè risponde anche a loro: “E per rispondere anche ai maligni che dicono che i bambini se li portano dietro per vendere di più, aggiungo che se fosse stato così questa mamma ci avrebbe detto di no, avrebbe portato la figlia con sé. Invece è stata felice di lasciarla, non voleva tenerla sotto il sole”.

Finisce dicendo: “Quello che oggi ti comunicano i social è un’Italia che si sente autorizzata a tirare fuori la parte razzista, ma la realtà è molto meglio di quella che appare sui social”.

Voi unimmamme eravate a conoscenza di questa notizia? Cosa ne pensate del gesto che hanno fatto le mamme nei confronti della bimba?