Neonata con grave tachicardia salvata immergendola nell’acqua gelata – FOTO

fonte: The Mirror

Una neonata rischiava la vita per la tachicardia, è stata salvata immergendola in acqua gelata.

La piccola Holly è nata il 19 dicembre dell’anno scorso, purtroppo si è ammalata di meningite virale il Boxing Day.

48 ore dopo è stata dimessa dall’ospedale.

Bimba salvata in extremis

Alla vigilia di Capodanno sua mamma, infermiera pediatrica, si è accorta che la figlia stava peggiorando e così l’ha portata in ospedale.

Lì il suo battito è arrivato a 320 battiti al minuto, un ritmo anomalo causato da un’infezione al cuore.

Nel tentativo di riportare il ritmo dell’organo a livelli normali i medici hanno immerso la sua testa nell’acqua ghiacciata per 5 secondi.

fonte: The Mirror

Infine è stata trasferita in un altro ospedale, più specializzato.

Ian, suo padre, ha commentato: “davanti ai nostri occhi vedevamo il sangue ritirarsi dagli arti di Holly per proteggere il nucleo, facendola diventare letteralmente grigia, è assolutamente orrendo vedere un bebè ammalarsi così in fretta. Vederla sommersa dall’acqua e piena di aghi come un puntaspilli è qualcosa che nessun genitore vuole vedere”.

“Era molto difficile sapere che non potevamo fare niente”.

I genitori di Holly avevano fiducia nei trattamenti del Freeman Hospital. Dopo 10 giorni Holly è stata dimessa.

Grazie al Sick Children’s Trust la mamma e il papà di Holly hanno potuto stare vicino alla loro bambina in un momento tanto difficile.

Anche la sorella di Holly era in cura. Grazie al Sick Children’s Trust la famiglia non è stata separata.

“Il The Sick Children’s Trust ha spazzato via l’ansia della separazione, non dovevamo preoccuparci di questo, solo di portare a casa le nostre bambine”.

LEGGI ANCHE > UNA BAMBINA IN PERICOLO DI VITA è STATA SALVATA CON UN’OPERAZIONE INNOVATIVA

A ogni modo il recupero di Holly è stato portentoso.

10 minuti prima dell’inizio del nuovo anno Holly, che aveva 12 giorni, si è ripresa.

Ian aggiunge: “Holly è una piccola leggenda, ha iniziato a combattere quando le hanno scosso il cuore e fatto varie procedure, mancavano 10 minuti alla mezzanotte del nuovo anno quando ci hanno detto che il suo cuore aveva ripreso a battere normalmente“.

Ora i genitori di Holly vogliono aiutare a raccogliere fondi per il Sick Children’s Trust che ha dato loro un posto dove stare.

Unimamme,voi cosa ne pensate di questa vicenda di cui si parla sul The Mirror?