La sorella di Greta Thunberg minacciata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:20
Greta Thunberg: aiutate mia sorella
Greta Thunberg: “mia sorella è in pericolo a causa mia, aiutatela!”.Universomamma.

Greta Thunberg invita i suoi sostenitori ad aiutare la sorella, bersaglio degli odiatori sul web.

Unimamme, il cyberbullismo, il bullismo, le molestie sono problemi molto sentiti in questo momento. Può accadere davvero a chiunque di diventare bersaglio di odio sul web e nella vita reale, ancora di più se si è personaggi pubblici.

Greta e gli odiatori sul web

A lanciare un grido di aiuto, ora è l’attivista per il clima Greta Thunberg, di 16 anni, che attualmente sta facendo un tour in America, con suo padre, per incontrare le comunità Sioux che si oppongono al progetto di un oleodotto. Al quotidiano svedese Dagens Nyheter la giovane attivista ha parlato, per la prima volta di cosa voglia dire essere un personaggio pubblico, rivelando anche un aspetto negativo della popolarità.

Greta ha dichiarato: “quella che soffre di più è mia sorella Bea, che ha 13 anni, ed è sistematicamente bersaglio di mobbing, cattiveria e molestie”. Ultimamente Greta è in viaggio per sensibilizzare le persone sulla crisi climatica, mentre sua sorella minore invece è a casa a Stoccolma e quindi decisamente più raggiungibile “tutti quelli che mi minacciano e mi scrivono messaggi di odio alla fine se la prendono con lei. La gente non sa dove mi fermo, e dove passo la notte, perché non ho una routine quotidiana. Invece mia sorella è sempre a casa, e cerca di avere una sua vita normale, ma così è molto più facile da raggiungere”.

LEGGI ANCHE > CYBERBULLISMO NELLE SCUOLE: IL MANIFESTO DELLA COMUNICAZIONE NON OSTILE (VIDEO)

Purtroppo anche le denunce nei confronti delle persone che scrivono messaggi di odio e lanciano minacce a delle ragazzine minorenni non bastano a fermarli. Così Greta ha deciso di fare qualcosa per aiutare la sorella, bersaglio degli odiatori online per la notorietà dell’attivista. “Ricevo continuamente inviti da parte di persone che mi vogliono aiutare. Il modo migliore per aiutarmi però ora è sostenere mia sorella. E non perché è mia sorella, ma perché è una persona meravigliosa e forte, ed è anche la mia migliore amica”. Unimamme, voi cosa ne pensate di questa situazione denunciata da Greta? Cosa fareste per proteggere i vostri figli da queste persone che sputano odio protetti dall’anonimato di internet? Perché secondo voi tante persone trascorrono tempo a minacciare, insultare via web?

La fonte è: Dagens Nyheter.